Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Il Senato Approva Il Milleproroghe. Ora Passa In Esame Alla Camera


20 febbraio 2011 ore 17:11   di pennettainformata  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 1027 persone  -  Visualizzazioni: 1610

È stato approvato dal Senato il maxiemendamento al Decreto Milleproroghe, ora al vaglio della Camera a partire dal 22 febbraio per il via libera definitivo. Il decreto prevede la proroga per l’anno 2011 di alcune disposizioni legislative. Vediamo insieme quali interessano maggiormente cittadini e famiglie, in attesa della conversione in legge del provvedimento che dovrà avvenire entro il 27 febbraio.

Il Decreto Milleproroghe tocca diversi ambiti, dalla finanza agli interventi per le regioni colpite da calamità naturali, dai precari alla social card, e prevede lo stanziamento di fondi e la concessione di sanatorie. Tra queste ultime, ad esempio, spicca quella per i manifesti politici, striscioni e simili, che prevede il pagamento una tantum di mille euro entro il 31.05.2011.


Per quanto riguarda le regioni colpite da calamità naturali, quali ad esempio l’Abruzzo e il Veneto, è stato varato un pacchetto di norme che prevede, tra le altre, la proroga della riscossione dei tributi al 31.12.2011 per i terremotati abruzzesi e quella delle rate dei premi assicurativi al 31.10.2011. Il 6 aprile sarà la giornata in cui si ricorderanno ogni anno le vittime del terremoto. Per quanto riguarda gli alluvionati di Liguria, Veneto, Campania e della provincia di Messina, è stato stanziato un finanziamento di 100 milioni per le spese derivanti dall’alluvione. Per le zone del Veneto colpite da alluvioni è stata prorogata la sospensione dei tributi fino al 30.06.2011.

In queste regioni in decreto stabilisce che potranno essere aumentati i tributi, le addizionali, le aliquote e le accise sulla benzina, laddove le disponibilità finanziarie non siano sufficienti a coprire le spese conseguenti alle calamità naturali verificatesi. Anche per la Campania è stata concessa la possibilità di aumentare tributi ed addizionali per finanziare il ciclo dei rifiuti. Per questa regione è stata inoltre stabilita la sospensione delle demolizioni fino al 31.12.2011 laddove le abitazioni colpite dall’ordinanza siano adibite ad abitazione principale.

Il decreto congela fino al 31.08.2012 le graduatorie provinciali dei precari e stabilisce che i supplenti potranno essere chiamati solo dalla provincia in cui ha sede l’istituto presso il quale svolgere la supplenza. Aumenta di un euro il biglietto del cinema a partire da luglio e fino al 31.12.2013, con l’esclusione delle sale parrocchiali. Entra in vigore il foglio rosa per motorini e minicar, da utilizzare nel periodo di tempo tra il test di teoria e la prova pratica. Per i clienti in difficoltà le banche potranno decidere di sospendere i mutui ipotecari per l’acquisto di abitazioni senza l’obbligo di formalità da espletare.

Vediamo alcune delle altre principali proroghe. Slitta nuovamente il pagamento delle multe sulle quote latte, prorogato di ulteriori sei mesi e quindi fino al 30.06.2011. Spostato al 30.04.2011 il termine per i proprietari delle “case fantasma”, ovvero quelle non esistenti al Catasto, per mettersi in regola. Il termine per il reinserimento dell’impronta digitale sui documenti d’identità è stato spostato al 31.03.2011. Slitta al 31.12.2011 (un anno in più) il termine per rendere esecutivi gli sfratti per le categorie disagiate. Differita la rateizzazione dei debiti tributari per altre 72 rate.

Per quanto riguarda i finanziamenti sono stati stanziati 30 milioni per finanziare il passaggio al digitale per il 2011; 300 milioni (oltre i 100 milioni già stanziati nella legge di stabilità) per il 5 per mille di cui una parte verrà destinata ai malati di Sla (fino ad un massimo di 100 milioni); finanziamenti anche per il fondo unico universitario.

Ritorna infine la social card (ovvero la carta acquisti) per i meno abbienti da utilizzare per generi alimentari e per il pagamento delle bollette. In fase iniziale, e per un periodo di dodici mesi, sarà affidata agli enti caritativi operanti nei comuni con più di 250.000 abitanti (Roma, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli più Palermo o Catania). Saranno gli enti no profit stessi a distribuirla ai cittadini più bisognosi. Le risorse stanziate per la carta sono pari a 50 milioni di euro. Nel momento in cui il Milleproroghe sarà definitivamente approvato, verrà emanato un apposito Decreto che definirà le linee guida per la social card.

La versione 2011 della carta acquisti si affiancherà alla precedente senza sostuirla. Chi ha i requisiti potrà continuare a richiedere anche la vacchia carta caricata dallo Stato con 40 euro al mese, da usare per i generi alimentari e per i pagamento delle bollette, che era già stata distribuita dal 2008 al 2010 ad oltre settecentomila anziani e famiglie con bambini sotto i tre anni.

Queste le principali novità del decreto Milleproroghe o almeno quelle che avranno un’influenza maggiore per i cittadini e le famiglie.

Articolo scritto da pennettainformata - Vota questo autore su Facebook:
pennettainformata, autore dell'articolo Il Senato Approva Il Milleproroghe. Ora Passa In Esame Alla Camera
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione