Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

L'italia E Il Burqa: Che Si Fa?


4 ottobre 2010 ore 20:49   di KungFuGirl  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 285 persone  -  Visualizzazioni: 443

Mentre desta scalpore a livello internazionale la vicenda delle tre scuole inglesi che hanno imposto alle studentesse di indossare il velo integrale, in Italia a che punto siamo? Soltanto una manciata di giorni fa una parlamentare del Pdl, Simona Vicari, aveva presentato un disegno di legge al Senato per richiedere che burqa e niqab venissero proibiti anche nel nostro Paese.

Il fatto che non sia la religione islamica ad imporre alle donne di velare il proprio volto, rendendosi del tutto irriconoscibili da chicchessia, emerge chiaramente proprio dal comportamento delle numerosissime donne di fede islamica che, pur aderendo alle prescrizioni del loro credo, indossano chador, abaya e hijab: indumenti che ricoprono loro i capelli, il collo e le spalle, ma lasciano scoperto il viso. Non è una questione di fede, dunque, il fare ricorso a burqa e niqab, bensì un fatto di tradizioni e, tutt'al più, di profonda adesione alla Shari'a. La Shari'a è "la via", la legge ha le proprie origini nel Corano e negli Hadit e che regola non solo la vita religiosa, ma ogni attività dei fedeli musulmani: le materie legali e giudiziarie, le materie amministrative e penali, persino i rapporti economici e commerciali.


Ebbene, i fedeli musulmani che vengono in Italia dovrebbero sapere che nel nostro Paese la Costituzione garantisce la libertà di culto, ma stabilisce altresì che credo religioso e sistema giuridico sono due cose ben distinte e separate: per questo, ad esempio, sebbene la religione più diffusa in Italia abbia un comandamento che dispone che non si debba rubare, i giudici non amputano le mani ai ladri; per questo non si lapidano le adultere e non si cedono bambine in sposa. Non a caso la Shari’a è stata dichiarata incompatibile con la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.

In Italia c’è una legge piuttosto datata: è la legge numero 152 del 1975, la quale stabilisce che è proibito l’uso di caschi protettivi o di qualunque altro mezzo che renda difficoltoso il riconoscimento di una persona, salvo giustificato motivo. E, come abbiamo già visto in precedenza, l’essere di fede islamica non può essere considerato un “giustificato motivo” dal momento che molte musulmane credenti e praticanti utilizzano indumenti che lasciano scoperto il volto, quindi l’utilizzo di burqa e niqab è incompatibile con le leggi italiane.

L'italia E Il Burqa: Che Si Fa?

Articolo scritto da KungFuGirl - Vota questo autore su Facebook:
KungFuGirl, autore dell'articolo L'italia E Il Burqa: Che Si Fa?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione