Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

La Cia Ha Detto Tutto Ad Obama Sulla Morte Di Bin Laden?


6 maggio 2011 ore 09:53   di chucara2000  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 841 persone  -  Visualizzazioni: 1316

Della morte di Osama Bin Laden ci hanno detto di tutto e tanto ancora ne diranno. Conosciamo nei minimi particolari come viveva e come sono trascorse le sue ultime ore. Sappiamo anche come è morto e dove si trova adesso il cadavere. Tutto quello che sappiamo però ha a fatto nascere alcuni punti oscuri, tanti, che messi insieme formano un puzzle che sembra uscito direttamente dalla scenografia di un film di stampo complotti sta.

I tanti punti oscuri lasciati a bella posta dagli americani fanno in modo che la Morte di Osama Bin Laden non venga chiusa nel cassettino dei brutti ricordi, al contrario alimenta un dibattito in tutti i paesi del mondo che sta monopolizzando la scena. Teorie per colmare quei punti oscuri si sprecano sia in Tv che nei giornali, per non parlare del web.


C’è chi pensa che è proprio come ce l’hanno raccontata con qualche piccola bugia che non si può raccontare al popolo americano, concentrato sulla morte dell’odiato Bin Laden; alcuni pensano che non sia morto affatto, altri addirittura che sia morto da tempo e questa solo una messa in scena ordita per ingannare il mondo e distoglierli da quanto è realmente accaduto dall’11 settembre in poi.

La Cia Ha Detto Tutto Ad Obama Sulla Morte Di Bin Laden?

Nel pentolone delle ipotesi non abbiamo visto però quella più intrigante, ovviamente mi riferisco alle ipotesi di complotto, che potrebbe aprire nuovi scenari vista la reticenza dell’amministrazione USA a fornire le prove fotografiche e filmate della morte del terrorista: la CIA ha ingannato Barak Obama per ricattarlo?

Qualcuno suppone che l’Ok all’operazione è partita con uno scambio di bigliettini fra Obama, appena sceso dall’Air Force One a Cape Canaveral e un alto ufficiale che lo attende, lo abbiamo visto in tv lo scambio dei bigliettini, non se lo è inventato nessuno. Ammettiamo che sia vero, da qui parte l’operazione pianificata negli ultimi otto mesi.

La Cia Ha Detto Tutto Ad Obama Sulla Morte Di Bin Laden?

Tutto è pronto per il bitz ed Obama si dirige verso la “Situation Room” dove assisterà in diretta alla cattura ed uccisione di Osama Bin Laden a cui è stato assegnato un discusso nome in codice: “Geronimo”. L’operazione è in corso ma ci sono venticinque trenta minuti di “buio” nelle comunicazioni e la “Situation Room” è tagliata fuori, non si sa quello che è realmente successo in quella mezz’ora.

Un generale informa Barak Obama di aver sentito gridare un marines delle forze speciali Navy Seales le parole “Geronimo Ekia” (Enemy killed in action, ndr) e quindi si presume che “Geronimo”, Osama Bin Laden, “Ekia”, è stato ucciso in azione. Dopo ritornano le comunicazioni e viene fornita al presidente la prova con le foto definite “agghiaccianti” del cadavere del terrorista. Il Presidente Barak Obama informa la nazione.

La Cia Ha Detto Tutto Ad Obama Sulla Morte Di Bin Laden?

Da questo momento il presidente Barak Obama sarà costretto a mantenere questa notizia salvo frantumare la sua credibilità agli occhi del paese e del mondo (anche la Clinton ha dato un'informazione che dovrà mantenere per tutta la vita: lei ha un'allergia primaverile che la fa tossire, ecco il perchè della mano d'aventi la bocca nella foto). Ma Obama ha le prove della morte di Bin Laden? E’ sufficiente quanto ha visto il presidente per dire con certezza che Osama è morto? Secondo i racconti che l’amministrazione man mano divulga (con tanto di smentite e correzioni) emerge un lato oscuro.

La Cia Ha Detto Tutto Ad Obama Sulla Morte Di Bin Laden?

Mettiamo che all’interno di quel compound non era presente Bin Laden, i Navy Seals entrano, il presidente è li che guarda ma le comunicazioni si interrompono e solo la voce di uno dei marines che grida “Geronimo Ekia” da la prova al Presidente, lui non ha visto l’azione all’interno dell’edificio.

Una curiosità è che il marines che ha gridato quella frase, si viene a sapere solo dopo, voleva fare il giornalista ma ha scelto la via dei Navy Seals. Un giornalista, uno che ha fantasia. Dimentichiamolo e passiamo oltre.
Il presidente dopo vede le foto (non si è parlato di video e non si sa che foto ha visto, se nel rifugio o solo nella nave) di Bin Laden morto. Il presidente è sicuro al 95% che si tratti di Bin Laden, poi arriva la prova del DNA e la sicurezza sulla identità del cadavere sale al 99%.

Non vi sembra che anche Obama sia stato lasciato allo scuro di molte informazioni fondamentali? Il presidente ha visto foto o video di Bin Laden vivo, prima di essere colpito? E se tutta l’operazione è una montatura cinematografica messa in piedi dalla CIA (che dopo l’11 settembre ha perso totalmente credibilità e buona parte dei fondi per finanziare le diverse operazioni) per ricattare Obama? E' possibile che le foto mostrate al presidente siano false? Per dissipare ogni dubbio possono solo diffondere il materiale fotografico e video perchè la macchina della cospirazione ormai è partita.

Noi rimaniamo in attesa e con le "antenne alzate"!

Articolo scritto da chucara2000 - Vota questo autore su Facebook:
chucara2000, autore dell'articolo La Cia Ha Detto Tutto Ad Obama Sulla Morte Di Bin Laden?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 

di Augustine Anthony e Michelle Nichols ABBOTTABAD/NEW YORK (Reuters) - L'operazione che ha portato all'uccisione di Osama bin Laden è stata possibile grazie alla sorveglianza del compound dove si nascondeva il leader di al Qaeda messa in atto dalla Cia da un'abitazione limitrofa. Lo hanno detto funzionari americani, una rivelazione che probabilmente creerà nuovo imbarazzo nei servizi segreti pakistani e complicherà ulteriormente i rapporti tra i due paesi.

Inserito 6 maggio 2011 ore 10:26
 

Dimenticavamo di dire che le dichiarazioni della figlia di Osama Bin Laden diffuse dalla Tv pakistana Al-Jazeera sono tutte da provare perchè provengono da fonte militare pakistana e non dalla diretta voce della figlia che nessuno ha visto.

Inserito 6 maggio 2011 ore 10:45
 

New York, 6 mag. (TMNews) - I test preliminari del Dna sul cadavere di Osama bin Laden hanno dimostrato al 99,9 per cento che il leader di al Qaida è morto, sulla base del confronto con il Dna della sorella. Questa la versione diffusa dalla Casa Bianca il giorno dopo il raid nel quale i Seals hanno ucciso bin Laden. Test successivi sono stati "assolutamente decisivi" sulla questione dell'identità del morto, secondo una fonte del governo. E in effetti i test usati su bin Laden sono in uso da decenni per risolvere dispute sulla paternità, indagini penali e identificazioni delle vittime di disastri: ma non sono, secondo un'indagine del Wall Steeet Journal, del tutto al riparo da contraddizioni. Anzi sono considerati a volte così soggetti all'interpretazione che "si può arrivare all'annullamento di sentenze di condanna", ha spiegato al Journal il professor Bruce Weir, che insegna biostatistica alla University of Washington. E che quindi in tribunale la prova del Dna sarebbe potuta non bastare, in una eventuale causa sull'identità di Osama bin Laden. In un processo, dicono gli esperti, conta anche la possibilità per quanto remota che esista una persona con caratteristiche genetiche molto simili, e quindi sono importantissime anche le altre prove a sostegno dell'accusa. Prove che nel caso di bin Laden sarebbero l'uso del software di riconoscimento facciale applicato alle foto del volto prima e dopo l'uccisione, secondo il quale il cadavere era quello di Osama, oltre che le informazioni dell'intelligence per le quali l'occupante del "compound" di Abbottabad era proprio il nemico numero uno degli Stati Uniti. Il pubblico, tuttavia, ancora non sa quali test siano stati precisamente effettuati, da quali parti del corpo ddi bin Laden sarebbero stati prelevati i campioni del Dna, nè se ci siano stati testimoni esterni ad assistere alle analisi.

Inserito 6 maggio 2011 ore 22:53
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione