Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

La Magistratura Italiana. Indipendenza O Impunità?


4 febbraio 2012 ore 12:57   di erpidi  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 472 persone  -  Visualizzazioni: 863

La Magistratura Italiana e i suoi poteri. Leggiamo di scudi levati perché alla Camera è passato l’emendamento che sancisce la responsabilità civile del Magistrato (quando sbaglia). Modifica delle Legge Vassalli che sbatte tutto sulle spalle del Giudice l’onere di ripagare i danni che un suo errore possa causare. La generale linea di proteste e sbigottimento ci pare ridicola.e' stupefacenteo che una norma così valida sia stata proposta da un Leghista. Da quella parte del bestiario politico italiano ormai ci si aspettava solo enormi castronerie. Forse c’è speranza o è solo un’eccezione a conferma della regola? Propendiamo per l'eccezzione.

Secondo noi ci sarebbe da strabiliarsi se tale norma non divenisse definitiva. Spieghiamo: se io normale cittadino sbaglio e dal mio errore discendono danni per chicchessia io vengo giudicato e ne pago il fio sia in sede civile (mi metto le mani in tasca e pago) sia in sede penale (vado in prigione). Il pensiero che io possa esser chiamato a rispondere personalmente di un mio errore mi obbliga a prestare ancor più attenzione alle mie azioni. Per esempio a guidare sobrio e con attenzione, a costruire rispettando regole e leggi, a curare i malati appropriatamente, a operare nel rispetto delle norme che regolano la società in cui viviamo. I Giudici, salvo errori ed omissioni, sono cittadini come tutti o no? Se anche loro sbagliano i loro errori vanno sia emendati sia puniti perché la equità che li “dovrebbe” contraddistinguere è mancata o si è affievolita la loro attenzione.


Non vediamo come la loro indipendenza sia inficiata da una norma di responsabilità che normalmente viene applicata al resto dei Cittadini Italiani. Operare onestamente e con attenzione non è facile, ma nemmeno impossibile. La stragrande maggioranza dei Magistrati Italiani lo fa con tranquillità, competenza e capacità. Onestamente crediamo che una norma simile non possa limitare le capacità a un Magistrato che faccia con coscienza il proprio mestiere. Qui si sta confondendo indipendenza con immunità e/o impunità.

Nel periodo più buio degli ultimi 20 anni della nostra politica stiamo combattendo oltre ad una crisi finanziaria tremenda i privilegi della casta politica (e i membri di questa casta resistono caparbiamente) e stiamo scordando quelli di un’altra casta. Di quella che ha anche contribuito allo sfascio della Prima Repubblica, anche se questa se lo meritava ampiamente. Solo che le picconate del pool Mani Pulite a volte hanno colpito ad hoc, trascurando alcuni che della Grande Corruzione facevano parte e che son rimasti immarcescibili ai loro posti, salvo piangerli e onorarli, dopo (“de mortuis nihil nisi bonum” diceva Diogene Laerzio, cioè con la morte terminano critiche ed accuse, ma non sempre questo principio vale, di sicuro non per la Storia), oppure applicando la regola d’oro del compromesso all’Italiana, “promoveatur ut amoveatur”, cioè promuoviamoli per spostarli.

Ci siamo sempre domandati perché in Italia non potesse esser adottata la elezione dei Magistrati come avviene negli Stati Uniti e in Svizzera. Ormai il Popolo Italiano ha raggiunto livelli di coscienza e maturità politica tali che potrebbe saper scegliere agevolmente i personaggi più adatti. Certo una legge che sancisca l’elezione dei Magistrati di livello inferiore (per esempio quelli del livello Pretorile di una volta) implicherebbe un rimpasto generale dell’ordinamento Giuridico Italiano, ma visto che si parla di farlo da tempo questo rinnovamento drastico non ci farebbe male. Eleggere un Magistrato permetterebbe ai normali cittadini di conoscerlo quando ora i Giudici vengono considerati dei “deus ex machina”, creerebbe un meccanismo di selezione (premio e punizione) ben più valido che un carrierismo smaccato come quello odierno e darebbe una scossa a quelle lungaggini in sede Civile e Penale che tanto pesano sulla nostra capacità di avere una Giustizia efficiente e la certezza della pena e in sede civile e in sede penale.

Non arriviamo ad essere così estremisti da volere che anche i Pubblici Ministeri debbano esser eletti così come i Procuratori Distrettuali negli USA, ma talora ci pare difficile che un Giudice Italiano possa giudicare equamente (basta ricordare all’uopo la bilancia retta dalla Giustizia bendata) un caso quando chi difende l’accusato è un avvocato e chi lo accusa un collega di carriera come lui. Questo fatto non potrebbe esser un elemento discrepante che possa inficiarne la indipendenza di giudizio? E SE ciò avvenisse come potrebbe oggi esser emendato? Con provvedimenti interni ovviamente. Ed il Popolo (Sovrano) che gli paga lo stipendio come può influenzare le scelte della categoria dei Giudici in Italia? Oggi come oggi in nessuna maniera. Ed allora ripropoponiamo il concetto espresso prima:

NON È CHE STIAMO CONFONDENDO INDIPENDENZA CON IMMUNITÀ O IMPUNITÀ?

Articolo scritto da erpidi - Vota questo autore su Facebook:
erpidi, autore dell'articolo La Magistratura Italiana. Indipendenza O Impunità?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione