Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

La Nuova Priorità Italiana: Il Processo Breve Diventa Lungo


29 luglio 2011 ore 09:53   di Montalbano  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 348 persone  -  Visualizzazioni: 627

Ci risiamo. Qualcuno pensava che il problema fosse lo stato dei conti pubblici, che sta portando l'Italia sempre più a fondo. Altri ritenevano che fosse lo sbilanciamento sempre più netto nella distribuzione della ricchezza, in un paese ove i poveri sono sempre più poveri e sempre di più e i ricchi sempre più ricchi. Poi, ci sono gli illusi, coloro che pensano che sia ora di intervenire su salari e pensioni per sostenere il potere di acquisto delle famiglie e rilanciare in tal modo i consumi. Addirittura esistono dei visionari, sognatori i quali ritengono che il nostro paese abbia bisogno di una rivoluzione liberale in grado di liberare energie e che il primo passo da fare in tal senso sia l'abolizione degli ordini professionali. Ma dove vivono queste persone?

E' una domanda che bisogna porsi. Perchè tutti costoro,non hanno capito che il vero, grande, unico problema che assilla il nostro paese, è quello relativo ai guai giudiziari di Silvio Berlusconi. Al quale bisogna assicurare l'impunità, costi quel che costi, rischiando magari di sfasciare un sistema giudiziario che già non se la passa bene di per sè. E se per incassare questo risultato si rischia di mandare liberi mafiosi, pedofili, ladri, assassini, delinquenti incalliti, non importa, l'importante è che il Presidente del Consiglio possa continuare ad evitare gli innumerevoli processi in cui è protagonista e, se proprio non può evitarli, fare in modo che possa uscirne indenne, in un modo o nell'altro.


Processo corto, processo lungo, processo medio, le stanno provando tutte. Sembra di assistere agli esperimenti di quegli apprendisti stregoni che non si sa mai come andranno a finire e quali conseguenze possano avere. Una maggioranza divisa su tutto e sul suo contrario, è sempre pronta a scendere compatta come una falange al fianco del suo legittimo proprietario e ad immolarsi sull'altare della sua impunità, rischiando il ridicolo e l'impopolarità. Cambiano gli attori, ma lo scopo non muta mai. Se ne va Angelino Alfano e arriva Nitto Palma, ma il Ministero di Grazia e Giustizia è sempre una dependance di Arcore. Il padrone ordina, il maggiordomo esegue. E se qualcuno prova ad eccepire, si ritrova fuori dai giochi.

Un tempo, c'era Previti, il mitico Cesarone dei salotti romani, colui che aveva prestato la sua opera per consentire a Berlusconi di accomodarsi le sue pendenze. Quando questi fu condannato, arrivò il mite Pecorella, l'ex avvocato del Soccorso Rosso che però durò poco in quanto convinto che il suo cliente dovesse difendersi nel processo, non dal processo. Poi, il suo posto fu preso da Ghedini, vero e proprio Terminator delle aule di giustizia, capace di sparare i suoi "Ma va là" alla velocità del suono, senza che l'interlocutore avesse la possibilità di abbozzare la minima reazione. Ora è arrivato Paniz, l'alpino che non ha alcuna paura di sfidare il ridicolo affermando che Berlusconi era realmente convinto che la casta Ruby fosse nipote di Mubarak. E poco importa se con questa affermazione, addossa praticamente una patente da persona incapace di intendere e di volere al suo principale, quello che, incidentalmente, è il capo di governo di un paese del G8.

Insomma, nei prossimi giorni ricomincia la tarantella. Arriva in Parlamento il progetto di legge sul Processo Lungo, mentre qualche sprovveduto, che si è perso qualche puntata si chiederà, con assoluto candore che fine abbia fatto quello breve. Ma non bisogna preoccuparsi, perchè qualcuno già lo aveva previsto. Basterebbe ricordare una vignetta del mitico Altan, nella quale la protagonista diceva che l'Italia è un paese straordinario, ma a lei ne sarebbe bastato uno normale. E' così, siamo un paese che non finirà mai di stupire, sembra che siamo arrivati in fondo e invece c'è ancora molto da scavare. Insomma, la situazione è grave, ma non è seria.

Articolo scritto da Montalbano - Vota questo autore su Facebook:
Montalbano, autore dell'articolo La Nuova Priorità Italiana: Il Processo Breve Diventa Lungo
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione