Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

La Prostituta Dove La Metto?


13 novembre 2014 ore 10:14   di KungFuGirl  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 411 persone  -  Visualizzazioni: 583

Nigeriane, rumene, nord africane, brasiliane, thailandesi... ormai per fare il giro del mondo basta andare nel quartiere EUR di Roma dove, si è calcolato, su una trentina di strade ben 18 sono popolate da prostitue provenienti da ogni angolo del pianeta. Non mancano certo le italiane, che insieme alle "colleghe" straniere si sono spartite le zone e cercano di accaparrarsi i clienti. Ai residenti non sono tanto le prostitute in sè a dar fastidio (ormai si vedono donne nude in tv ad ogni ora del giorno e della notte e molti capiscono che quelle costrette a vendersi per strada sono persone in seria difficoltà), quanto il degrado delle strade, lasciate sporche, con preservativi usati disseminati in ogni dove e via dicendo, oltre alle difficolotà di circolare in auto, zigzagando tra i possibili clienti fermi a contrattare il prezzo.

Per tentare di arginare il problema a Mestre, già da diversi anni, è stato approntato il sistema di zoning: non una semplice limitazione territoriale che stabilisce dove le prostitute possano esercitare la loro professione, ma un modo per affrontare i problemi che circondano la prostituzione, da quelli di carattere igienico sanitario a quelli di ordine pubblico.
Importato da diversi stati europei, in cui il sistema di zoning viene applicato da tempo, questa strategia pare funzionare anche nel veneto, sebbene non manchino le proteste di quanti risiedono nelle vie ora apertamente dedicate alla prostituzione.


L'idea non è quella di creare dei ghetti, ma di individuare zone nelle quali le prostitute possano esercitare senza creare troppe difficoltà e, al tempo stesso, possano essere raggiunte dai volontari che distribuiscono loro profilattici per assicurare sesso sicuro e che sono a disposizione per aiutarle in caso di problemi sanitari. Da settembre 2014 anche a Roma, all'EUR, è partito il "progetto #Michela" che mira a contrastare il fenomeno della prostituzione istituendo delle "isole del sesso" in cui l'esercizio della professione più antica del mondo viene tollerata.

Il progetto prende il nome da Michela, come si faceva chiamare la prostituta romena miracolosamente sopravvissuta ai suoi aguzzini che, nel 2012, la torturarono e le diedero fuoco, abbandonandola in un campo. Si inizierà prima con una mappatura delle zone in cui viene esercitata la prostituzione, poi verranno identificate le aree in cui le donne potranno esercitare e quelle che invece saranno completamente off limits, con pesanti divieti e sanzioni.

La Prostituta Dove La Metto?

Articolo scritto da KungFuGirl - Vota questo autore su Facebook:
KungFuGirl, autore dell'articolo La Prostituta Dove La Metto?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione