Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

La Rivolta Dei Carabinieri: 'adesso Basta, Non Vogliamo Fare La Scorta Alle Escort!'


5 novembre 2010 ore 10:48   di KungFuGirl  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 439 persone  -  Visualizzazioni: 718

Noi, cittadini comuni, siamo abituati a pensare che le forze dell'ordine esistano per difenderci; abbiamo ancora l'immagine, forse un po' fanciullesca, che divide il mondo in "buoni" e "cattivi" ed i "buoni" siamo noi, che lavoriamo onestamente, paghiamo le tasse, non infrangiamo le leggi, "buoni" sono anche poliziotti, carabinieri e forze dell'ordine in genere, mentre "cattivi" sono i delinquenti, gli stupratori, gli assassini, i ladri, i truffatori. Noi, cittadini comuni, siamo abituati a pensare che carabinieri e polizia possano fare la scorta a magistrati che lottano contro la mafia, a pentiti che consentono di sgominare organizzazioni criminali, eventualmente anche a scrittori e giornalisti che, per raccontare la verità, ricevono minacce. Di certo non penseremmo mai che invece, ad essere scortate, possano essere le escort - o, per usare un termine italiano, prostitute - che allietano le nottate di Berlusconi e dei suoi amici.

Invece è proprio così: i soldi pubblici - quindi nostri, derivanti dalle tasse che noi paghiamo - che vengono spesi per garantire il servizio di scorta sono andati per molto tempo a favore di uomini che garantivano, con la loro presenza, un viaggio in tutta sicurezza alle "lucciole" del premier.


A dire basta sono proprio i diretti interessati: "Non ne possiamo più. Non siamo diventati carabinieri per fare la scorta alle escort del premier! Molti nostri colleghi sono morti mentre svolgevano il servizio di scorta a magistrati e politici che difendevano lo Stato, noi invece ci ritroviamo ad accompagnare le... accompagnatrici!", le lamentele si susseguono, si intrecciano, crescono come un fiume in piena, tanto da sfociare, alla fine, nella pubblicazione su "Il Fatto" (dal quale sono tratte le testimonianze che qui riportiamo, ndt).

"Le feste ad Arcore si tengono nei giorni dei fine settimana, dal venerdì al lunedì. Molte sono proprio di lunedì. Nell'estate si moltiplicano. Noi accompagniamo le personalità fino alla villa e poi aspettiamo fuori. Vediamo un giro di ragazze pazzesco. Arrivano con vari mezzi. Moltissimi Ncc, le auto a noleggio con conducente. Alcuni pulmini, di quelli da 10-15 posti. Una volta abbiamo visto alcune ragazze scendere da due fuoristrada di quelli massicci. Alcune ragazze le porta direttamente Emilio Fede nella sua auto, altre scendono dalla macchina di Lele Mora con targa del Canton Ticino".
"[...] E che gente c'è a quelle feste? Noi per arruolarci nell'Arma dobbiamo dimostrare di essere puliti per due generazioni, i nostri padri e i nostri nonni, e finiamo a far la guardia a gente che magari pulita non è".
E ancora: "Ma è mai possibile che dobbiamo vergognarci, noi che vorremmo lavorare per le istituzioni e difendere lo Stato? Abbiamo orari massacranti, turni di otto ore al giorno che spesso diventano dodici. Facciamo anche 120 ore di straordinario, ma ce ne pagano al massimo trenta, a 6 euro e mezzo all’ora, più un buono pasto da 7 euro. Va bene, non ci lamentiamo, è il nostro lavoro. Ma lo vorremmo fare per lo Stato, non per questa vergogna. Vorremmo proteggere le personalità delle istituzioni, non gente che ci fa vergognare davanti al mondo”.

I "buoni", quindi, esistono davvero, ma vediamo di non farli arrabbiare perchè, come recita Bud Spencer in un suo celebre film "Non c'è peggior cattivo di un buono quando diventa cattivo".

Articolo scritto da KungFuGirl - Vota questo autore su Facebook:
KungFuGirl, autore dell'articolo La Rivolta Dei Carabinieri: 'adesso Basta, Non Vogliamo Fare La Scorta Alle Escort!'
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • claudio
    #1 claudio

Ah ah ah ma che è una barzelletta? Ma secondo te (parti dal presupposto che a me il nano sta sulle p...) è credibile questo racconto? Non c'è peggior cosa dell'ottuso berlusconismo che l'ottuso anti-berlusconismo.

Inserito 5 novembre 2010 ore 16:19
 

Claudio, no, non è una barzelletta. Mi sono limitata a dar spazio ad una notizia apparsa su un quotidiano (che peraltro cito come fonte del mio pezzo). Se poi questo faccia dell'ottuso anti-berlusconismo, come tu lo definisci, non sta a me giudicare. Io ho riportato una notizia. Per tuo personale sollazzo, visto che la cosa ti fa tanto sganasciare, ti segnalo il link alla notizia originale. Ciao.

Inserito 8 novembre 2010 ore 16:57
 
  • Lucrezia
    #3 Lucrezia

Poveracci! Mi ha fatto una pena leggere 'sta storia. Ma quanto siamo caduti in basso, noi in Italia?!

Inserito 9 novembre 2010 ore 20:29
 
  • Saretta
    #4 Saretta

Mi pare che stiamo cadendo sempre più in basso. Poveri Carabinieri, questa sì che sarebbe una barzelletta... se non ci fosse da piangere!

Inserito 11 novembre 2010 ore 17:40
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione