Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

La Soia Della Morte


30 aprile 2015 ore 16:51   di Arcantes  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 546 persone  -  Visualizzazioni: 770

Ancora la Monsanto nell'occhio del ciclone, la notizia non è nuovissima ma sempre molto attuale, dato che in Italia sono in tantissimi a mangiare soia o derivati. In Sud America la multinazionale americana, che in Italia ha sede a Milano in Via Spadolini, sta deforestando intere aree. Ogni anno distrugge porzioni di foresta grandi quando l'Olanda per piantare coltivazioni di soia, ovviamente geneticamente modificata.

Questa monocoltura, tra Paraguai, Brasile e Argentina ha raggiunto i 45 milioni di ettari, creando non pochi problemi alle popolazioni locali. I semi, o per meglio dire i fagioli, che daranno le piantine di soia della Monsanto sono stati resi resistenti al Roundup, un'erbicida di loro creazione. In pratica tutto ciò che viene raggiunto da questo erbicida muore, tutto tranne la soia modificata geneticamente. Bello vero?


Ecco il motivo per cui nel mondo stanno morendo le api, ma non solo, non muoiono solo le api, si stanno inquinando i fiumi che costeggiano queste piantagioni. Gli animali che si abbeverano in quelle acque ingeriscono il veleno. Alcuni studi scientifici hanno dimostrato che esiste una correlazione tra la moria di anfibi e l'uso del Roundup della Monsanto.

La Soia Della Morte

Ma si sa, la natura cerca soluzioni e in genere le trova, infatti le piante e gli insetti colpiti da questo mefitico erbicida hanno sviluppato sistemi di difesa che reagiscono a queste tossine. Bene, direte. NO, non è un bene perché ciò ha determinato solo un aumento di quantitativo di erbicida impiegato che, con buona pace della Monsanto, a loro porta ancora più guadagno.

Se vi state chiedendo: ma a noi che ci importa? Noi non mangiamo la soia e abbiamo risolto il problema. Non è proprio così, la soia è presente in quasi ogni alimento che ingeriamo, magari non sotto forma di fagiolo o di germoglio, magari la mucca dalla quale deriva la vostra bellissima bistecca che avete ora nel piatto, è stata alimentata con mangimi a base di soia. Il maiale dal quale arriva il prosciutto e così via.

La Soia Della Morte

Ottimo, io sono vegano e frego la Monsanto. Anche in questo caso avrei dei dubbi. Soia a parte la multinazionale americana ha praticamente in mano ogni tipo di coltivazione, e la maggior parte delle verdure che arrivano sulla grande distribuzione sono di tipo "modificato", se non geneticamente per lo meno a livello di produzione.

Va bene, ho capito, mi coltivo tutto da solo. Ottimo, certamente mangerete verdure più sane ma, c'è sempre un ma, vi sfido a tenere i semi delle vostre belle piantine e ripiantarli l'anno dopo. Cosa normale, mi sembra, lo si fa da quando l'uomo coltiva, ovvero da prima di Noè. Bene, fatelo e vedrete che non nascerà niente dai vostri semi. Non nascerà niente perché sono piante sterili. Vegani od onnivori la Monsanto vi controlla.

Articolo scritto da Arcantes - Vota questo autore su Facebook:
Arcantes, autore dell'articolo La Soia Della Morte
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione