Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

La Storia Del Piccolo Hope


13 febbraio 2017 ore 13:11   di ellebi31-05  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 270 persone  -  Visualizzazioni: 301

Ci sono storie che sembrano incredibili che fanno intenerire il cuore e provare dolore per la cattiveria della quale purtroppo possono essere capaci gli esseri umani, ma allo stesso tempo fanno gioire per la bontà di altri esseri umani dall'animo gentile che, grazie al loro operato, fanno si che quelle storie abbiano un lieto fine. Questa è, in sintesi, la storia del piccolo Hope.

Hope, che tradotto dall'inglese significa speranza, è il nome dato dalla volontaria danese Anja Ringgren Loven che ha salvato la vita ad un bambino nigeriano di due anni che fu abbandonato dai suoi genitori perché ritenuto un "Ndoki" cioè "stregato" e che per otto mesi ha vagato nutrendosi degli scarti alimentari trovati in strada.


Una foto che ritrae questo bambino e la donna che si è presa cura di lui fa rabbrividire e commuovere: il piccolo è senza vestiti e magrissimo, consumato dalla fame e dall'abbandono, gli occhi tristi di chi, piccolissimo, ha conosciuto solo il peggio del mondo e delle persone più care; la donna gli porge una bottiglia d'acqua e lui beve fidandosi ed affidandosi ad un essere umano, che è lo stesso dei suoi genitori che lo hanno abbandonato ma che fortunatamente ha un cuore, un cuore grande che lo salva dalla morte certa.

È trascorso il tempo ed il piccolo Hope in un'altra foto che è uguale alla prima nella posa e nell'amore di quella cooperante danese verso di lui ma c'è qualcosa di diverso, qualcosa che regala un sorriso a chiunque la veda accostata a quella di prima: Hope è cambiato.
È vestito, pulito, ben nutrito, è stato amato, ha conosciuto il meglio del mondo grazie ad una persona che non sapeva chi fosse.
Ha scelto un bellissimo nome la donna che ha salvato ed aiutato questo bambino, perché la speranza è che queste cose non accadano mai più in quei luoghi dove l'abbandono è una cosa normale, la speranza è che a chi riceve del male da chi dovrebbe solo amarlo possa ricevere sempre del bene da altre persone, la speranza è che si consideri ogni vita sempre preziosa, la speranza è che questo bambino sia buono anche se è nato da due persone cattive, la speranza è che l'amore trionfi sempre.

La Storia Del Piccolo Hope

Quando si vedono bambini o persone abbandonate, sporche, malnutrite la prima cosa che si pensa è: cos'ha lui/lei di diverso da me? È una persona come me. Ed anche nella sventura, se ci trovassimo a nascere in quei luoghi anche noi verremmo trattati così. È tutto questo che dovrebbe spingere le persone più fortunate, in base ai propri mezzi, alla propria vita e secondo le proprie facoltà a prendersi cura ed aiutare persone che non vengono considerate tali ma esseri inutili, rifiuti, abietti quando con questi epiteti si possono qualificare solamente le persone che li riducono così.

Articolo scritto da ellebi31-05 - Vota questo autore su Facebook:
ellebi31-05, autore dell'articolo La Storia Del Piccolo Hope
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:
Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione