Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Legge Bavaglio, Si Protesta Per Cosa ?


7 ottobre 2011 ore 11:50   di spaziovendita  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 852 persone  -  Visualizzazioni: 1147

In questi giorni, leggendo i giornali e girovagando per il web, soprattutto sui social network come Facebook, si leggono titoloni del genere: “Legge Bavaglio, Wikipedia sciopera per protesta” oppure “Legge Bavaglio: la legge che ammazzerà i nostri Blog in rete” ecc ecc. Insomma, frasi dure e se pensiamo che l’enciclopedia più famosa al mondo, ovvero Wikipedia, abbia oscurato il proprio sito per ben tre giorni in segno di protesta, la dice davvero lunga.
Il grido di libertà lanciato da Wikipedia Italia è stato rilanciato con forza anche da testate giornalistiche come “La Repubblica” , “La Stampa” e perfino la stessa RAI. In atto ci sono manifestazioni in tutte le piazze italiane.

Ecco la parte della riforma legislativa incriminata, comma 29 del DDL intercettazioni: “ Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono “ La frase evidenziata è quella incriminata, trovate “QUI” la proposta di legge, precisamente alla pagina 24.


Non faccio l’avvocato di mestiere, ma non mi sembra ci sia molto da preoccuparsi se ci si comporta correttamente, verrebbe punito con la rettifiche chi racconta bugie, pubblica notizie false o peggio ancora, diffamatorie.. Cosa c’è di male? Un sacrosanto diritto alla correzione, che per’altro già sancito dalla legge originale, che viene esteso per tutta la rete internet, come è giusto che sia.

Le informazioni di per sé, non possono essere ritenute offensive, in quanto l’informazione è una verità e come tale non è possibile manipolarla, potrebbero risultare offensive delle conclusioni, opinioni.. Ma se risultano offensive, e qualcuno ha da lamentarsi, un motivo ci sarà, non credete?

Penso che sia giusto combattere per un’informazione libera, ma ancor più giusto, sarebbe quello di combattere per un’informazione neutrale, cosa che purtroppo non avviene neanche su Wikipedia stessa, quindi mi viene spontaneo chiedermi: Perché mai tutte le grandi testate italiane si preoccupano improvvisamente di difendere la rete internet e addirittura i blog dei ragazzini, coinvolgendoli in questa protesta !? Sarà mica una paura di loro stessi, di non poter più scrivere bugie a loro piacimento e di parte, senza essere obbligate ogni 5 minuti a correggere le cialtronerie?

A voi la risposta

Legge Bavaglio, Si Protesta Per Cosa ?

Articolo scritto da spaziovendita - Vota questo autore su Facebook:
spaziovendita, autore dell'articolo Legge Bavaglio, Si Protesta Per Cosa ?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • Pzot
    #1 Pzot

Allora, tu non hai capito niente della legge bavaglio, e anche s non ho letto completamente l'articolo posso spiegarti questo: La legge bavaglio dice che chiunque si senta offeso può far cancellare o fare rettifica senza l'intervento di un giudice ecc. Quindi al passaggio della legge io potrei dire che mi sento offeso dall'articolo sulle crociate di wikipedia e far rettificare scrivendo che il papà ordinò ai suoi soldati di andare in terrasanta per distruggere tutto senza alcun riguardo e perchè era un pezzo di merda. Si hai capito bene al passaggio della legge ognuno potrebbe far rettificare un qualsiasi contenuto sul web se non addirittura farlo cancellare. Per questo wikipedia ha deciso di oscurarsi, non come dici tu nell'ulima riga perchè scrivono bugie e non hanno informazioni neutrali.. Quindi prima di scrivere un articolo informati meglio e non scrivere cazzate diffamatorie su wikipedia ed altri blog. Dopo questo credo che tu sia libero di pensarla come vuoi, ma non definire il tuo atteggiamento "neutrale" perchè non lo è. Se non sei nè dalla parte di wikipedia nè dalla parte dello stato dovresti limitarti a descrivere le cose così come sono e non inventando cazzate. Con questo spero di averti aperto gli occhi e spero di non rivedere stronzate del genere sul web, perchè sono quelli che la pensano come te che infangano il web.

Inserito 8 ottobre 2011 ore 20:05
 

Innanzitutto mi dia del Lei, perchè nessuno la conosce. Poi farebbe bene ad informarsi sul web, leggendo articoli seri e correlati da fatti, come questo: http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3851 Capirà che non sono il solo a pensarla in un certo modo, magari lei si sentirà un pò meno burattino e inizierà a pensare con la propria testa. Saluti

Inserito 8 ottobre 2011 ore 20:20
 
  • Pzot
    #3 Pzot

Non ho mai detto che il TUO atteggiamento sia sbagliato, ho solo detto che non dovresti descrivere il TUO articolo "neutrale" quando è palesemente a favore della legge bavaglio. Il perchè non lo so e non voglio saperlo, comunque parlando di burattini guardando l'articolo che HAI linkato ho riscontrato non poche somiglianze con il TUO. Non so chi sia più burattino tra me e TE. Giusto per fartelo sapere il lei lo do solo alle persone di cui ho rispetto, non a "quelle come TE". Ps.Non può definire "articoli seri" queste baggianate sul web perchè ora, anzi, PRIMA il web era libero... non so in futuro. Ma se continua così non ci sarà più un web.

Inserito 9 ottobre 2011 ore 11:41
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione