Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Ma Tu Vulive 'a Pizza Cu 'a Pummarola 'ncoppa? E Report Ti Dice Che Morirai


8 ottobre 2014 ore 17:04   di Pan_Tau  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 384 persone  -  Visualizzazioni: 618

Oggi un buon terrorista che si rispetti non ha più bisogno di lanciarsi tra la folla armato di bombe attaccate alla cintura. Gli basterebbero un paio di pizze e forse una manciata di zeppole e crocchè. Almeno così ho capito seguendo la trasmissione della Gabanelli.

Mi sembra di aver sentito nel suo programma perfino, ma non lo giurerei, una citazione di una famosa frase di Einstein: non so con quali armi si combatterà la Terza guerra mondiale, ma la Quarta sì: con Pizze Margherite e alle quattro stagioni.


Ecco che si scopre infatti che la Pizza napoletana è cancerogena ed ecco che in un attimo un intera popolazione tira un sospiro di sollievo: finalmente è possibile smettere di dare la colpa alle polveri sottili, allo smog, ai roghi tossici, alle acque avvelenate… basta non mangiare più quella che sembrava essere una semplice ed innocua focaccia di farina impastata con acqua e lievito, spianata a mano, variamente condita e cotta nel forno a legna.

Eppure i napoletani, sempre all’avanguardia di spirito e di cervello, in passato hanno già tentato di usare questo prodotto (nato dell’ingegno di quel tale Raffaele Esposito che nel ‘889 la creò per la regina Margherita) come arma di distruzione di massa.

Già qualche anno fa si ipotizzò che esse venivano cotte con la legna di bare trafugate dal cimitero di Poggioreale… per non parlare delle mozzarelle di colore blu che venivano utilizzate per dare un po' di colore alla pizza; nello stesso periodo girò un inquietante voce che alcune note del mandolino se suonate in accordo produrebbero delle frequenze capace di far crollare solo i palazzi dell’Equitalia. Purtroppo questa voce si rivelò una bufala che però provocò un impennata delle entrate dei negozi di strumenti musicali.

Ma Tu Vulive 'a Pizza Cu 'a Pummarola 'ncoppa? E Report Ti Dice Che Morirai

Eppure Napoli è una città contraddittoria, ora s’impegna per l’autodistruzione (ci ha tentato invano tanti anni creando la camorra) e poi s’indigna se qualcuno tenta di mitigare gli animi accaldati e mettere a giacere certe voci. Ecco quindi che degli scienziati dell’istituto zooprofilattico di Portici, che di sicuro non amano la loro città, hanno rifatto daccapo tutti i controlli con risultati diversi da quelli mostrati nella trasmissione Report.

"Non è che si mangia solo il bruciato sottostante", dice Antonio Limone, commissario dell’Istituto e aggiunge: " che la quantità rilevata di benzoapirene, sostanza cancerogena, è "inferiore a 0,5 nanogrammi per grammo", a fronte dell’1,51 indicato da Report. "Analizzando l’intero prodotto, e non solo la parte nera, dopo averlo ‘frullato’ – afferma – i risultati sono quelli ottenuti nei nostri laboratori". Come per il benzoapirene, lo stesso vale per le altre sostanze cancerogene i cui valori, sommati, "non arrivano al limite massimo previsto" che, in base al regolamento europeo (n.835/2011 sui tenori massimi di idrocarburi policiclici aromatici nei prodotti alimentari) è di 30 nanogrammi per grammo.

Diciamolo: con queste serpi nel seno, questi traditori che ci tengono a sfatare ogni accusa rivolta verso la città partenopea, come sarà mai possibile conquistare l’ambita maglia nera della città più invivibile, sporca, criminale e assassina dell’intero pianeta?

Articolo scritto da Pan_Tau - Vota questo autore su Facebook:
Pan_Tau, autore dell'articolo Ma Tu Vulive 'a Pizza Cu 'a Pummarola 'ncoppa? E Report Ti Dice Che Morirai
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione