Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Monte Carlo, Principato Di Monaco E I Numerosi Italiani Residenti


21 ottobre 2010 ore 04:02   di 1econ  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 511 persone  -  Visualizzazioni: 809

Il Principato di Monaco, nato nel 1314 quando i Grimaldi fondarono la loro signoria, espugnando la rocca con soldati travestiti da monaci, che sotto la tunica portavano la spada, è il secondo più piccolo stato europeo dopo la Città del Vaticano.

In questa esigua striscia di terra estesa meno di 2 km quadrati che si affaccia sul Mediterraneo, si riscontra una delle più elevate densità di abitanti in Europa, pari a oltre 20.000 per km quadrato, cioè circa 100 volte maggiore che in Italia (in Italia sono infatti 200 per km quadrato). Una densità di abitanti assolutamente elevatissima.


Il Principato è anche meta turistica di visitatori provenienti da tutto il mondo: chi attratto dal Gran Premio di Formula 1, chi per il prestigio e la fama legata al lusso, chi per una tappa di crociera esclusiva nella Costa Azzurra, chi per partecipare ai numerosi eventi mondani costantemente organizzati nel piccolo stato.

Monte Carlo, Principato Di Monaco E I Numerosi Italiani Residenti

Sicuramente il fascino esclusivo del Principato, l’organizzazione e la pulizia, l’estremo ordine in ogni cosa e l’opulenza che emana attrae tutti questi turisti.
Ma in verità sono anche altri i motivi di questa attrazione.

Infatti il Principato di Monaco è noto per il suo sistema fiscale estremamente vantaggioso, tanto che le tasse per il mantenimento dello Stato provengono in gran parte dalla gestione del Casinò, e non provengono dai redditi dei residenti. Infatti, i redditi realizzati tramite attività svolte nel Principato sono praticamente esenti da tasse, cioè del tutto netti.
Inoltre anche la tassazione dei capitali e delle loro rendite è altrettanto agevolata.

Ma probabilmente il maggior vantaggio sta nelle normative delle società, in quanto esse non sono nominative, bensì anonime: il reale proprietario è colui il quale detiene (dimostrandone la proprietà solo quando vuole o ne ha vantaggio e negando di essere il proprietario quando non ne ha interesse) le azioni. Tali azioni sono al portatore, quindi trasferibili a piacimento senza vincoli di trascrizione, rendendo impossibile risalire al reale proprietario, sempre che lui stesso non si dichiari.

Inoltre, la normativa bancaria non pone alcun limite, vincolo o controllo su nessun tipo di operazione. Non esistono normative antiriciclaggio, il che permette a chiunque di movimentare denaro liberamente sia in contanti che tramite trasferimenti senza doverne mai doverne rendere conto, per qualsiasi motivo.

Monte Carlo, Principato Di Monaco E I Numerosi Italiani Residenti

Infine, dulcis in fundo, il Principato è nella lista bianca dell’OCSE.
Ma con una legislazione non armonizzata con gli altri stati europei. Senza reciprocità.
La assoluta inesistenza di un sistema fiscale basato sul reddito, sul profitto o sul patrimonio, di fatto rende Monaco un paradiso fiscale, in cui anche il sistema bancario agevola la riservatezza e le operazioni “opache”.
Aggiungendo la ciliegina sulla torta del fatto che si trova all’interno del territorio dell’Europa, a 20 minuti dall’Italia, praticamente a ridosso della Francia e a un paio d’ore dalla Svizzera, è praticamente il paradiso fiscale perfetto per gli europei, ma soprattutto per gli italiani.

Ma se i francesi, a causa di recenti normative, hanno ormai perso ogni vantaggio nel risiedere nel Principato (salvo dimostrare che ciò avvenga già da diversi decenni), gli italiani che sono residenti (veri o presunti) sono davvero moltissimi.
Sarà per la immediata vicinanza alla Liguria e al Piemonte, o sarà forse per i vantaggi sopraelencati? Una parte di questi si sono effettivamente trasferiti in Monaco con famiglie e lavorano effettivamente nel Principato, ma una gran parte “finge” di essere residente in Monaco, anche se in realtà vive abitualmente e svolge attività quasi esclusivamente in Italia, senza pagare le tasse italiane e fingendosi uno straniero (tra l’altro senza pagarle a Monaco, in quanto non richieste).

Queste persone sono tutte iscritte all’AIRE, l’anagrafica dei cittadini che hanno dichiarato spontaneamente di risiedere all’estero per un periodo superiore ai 12 mesi. Non dovrebbe essere complicato quindi accertare chi effettivamente vive e lavora a Monaco, e chi si “finge” monegasco per evitare di contribuire.

Sono comunque rimasti in pochi i veri monegaschi, quelli cioè che vanno regolarmente a messa la domenica alla Santa Devota e a fare la spesa durante la settimana.

Articolo scritto da 1econ - Vota questo autore su Facebook:
1econ, autore dell'articolo Monte Carlo, Principato Di Monaco E I Numerosi Italiani Residenti
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione