Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Morto Lino Lacedelli, Conquistatore Del K2: Salì Sul K2 Nel 1954


20 novembre 2009 ore 15:26   di superdan  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 969 persone  -  Visualizzazioni: 1247

CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO) - E' morto nella sua casa di Cortina Lino Lacedelli, l'alpinista che insieme ad Achille Compagnoni conquistò il 31 luglio 1954 il K2. Lacedelli, da tempo malato, avrebbe compiuto il prossimo 4 dicembre 84 anni.L'estate scorsa il grande alpinista ampezzano aveva subito un intervento cardiaco, e nonostante una lunga riabilitazione non si era piu' ripreso. Proprio le difficili condizioni di salute gli avevano impedito di partecipare ai funerali di Compagnoni, deceduto il 13 maggio scorso, all'eta' di 94 anni.

Ultimo superstite conquisdta cima del 1954 - Con la morte di Lino Lacedelli si fanno remote le possibilita' di risolvere uno dei grandi misteri dell'alpinismo moderno, ovvero chi tra lui e Compagnoni, scomparso nel maggio scorso, arrivo' per primo sulla vetta del K2, 8.611 metri, la seconda montagna più alta della Terra. Entrambi gli alpinisti in quasi mezzo secolo di interviste, libri e relazioni hanno glissato sulla questione: ''Siamo arrivati insieme'', erano soliti dire. I due conquistatori del K2 - il 31 luglio del 1954 - hanno a lungo conservato anche il segreto sul ruolo di Walter Bonatti nell'impresa. Compagnoni non cambiò mai versione rispetto a quella ufficiale pubblicata all'indomani della scalata e avallata dal capospedizione, Ardito Desio.


Lacedelli raccontò la sua verità nel il libro "K2"- Il prezzo della sconfitta", allineandosi al racconto di Bonatti. La parola fine sulla vicenda l'ha messa il Cai nel 2008, riscrivendo la versione ufficiale. I fatti risalgono al 30 luglio, giorno prima dell'attacco alla vetta, quando Bonatti e l'hunza Mahdi salirono con le scorte di bombole di ossigeno dal campo 8 ma non riuscirono a trovare il campo 9, dove erano sistemati Compagnoni e Lacedelli. La tenda era stata posta più in alto di quanto concordato la sera prima (''Per facilitare la salita in vetta'', dissero i due). Bloccati dal buio in alta quota, Bonatti e Mahdi trascorsero una notte all'addiaccio, su un gradino di ghiaccio in mezzo a un ripido canalone, senza tenda ne' sacco a pelo, a oltre 8.000 metri di quota. Mahdi riportò gravi congelamenti che determinarono l'amputazione di tutte le dita dei piedi.

L'episodio fu all'origine di un'accesa polemica - Ci furono anche con risvolti giudiziari, che che durò oltre 50 anni. La tesi che l'ossigeno era terminato prima di raggiungere la cima - come sostenuto da Desio e Compagnoni - e' stata smentita in base ad alcune foto di vetta. Tale circostanza dimostra che Compagnoni e Lacedelli avevano respirato dalle bombole per almeno 9 ore e 45 minuti, vale a dire le bombole avevano praticamente piena carica. I due erano partiti per l'attacco alla vetta non prima delle 8,30 (loro dissero alle 4,30) dal luogo del forzato bivacco notturno di Bonatti e Mahdi dove avevano recuperato le bombole lasciate in bella vista e scoperte dalla neve. Risulta pertanto così completamente confermata la versione di Bonatti, che invece era stato accusato di essersi ostinato a bivaccare all'aperto - forse per avere una chance di tentare la vetta -, di aver respirato l'ossigeno dalle bombole destinate a Compagnoni e Lacedelli, e di aver abbandonato l'hunza Mahdi. Mezzo secolo dopo la conquista del K2, a quasi 80 anni d'eta', Lino Lacedelli era tornato nel 2004 ai piedi della montagna partecipando ad una spedizione commemorativa organizzata dagli "Scoiattoli" di Cortina. Il forte alpinista cortinese aveva affrontato un trekking di 130 km per arrivare al campo base del K2, e salutare la tomba di Mario Puchoz, morto nella spedizione del 1954.

Messner: arrampicatore eccellente - ''Lino Lacedelli non entrerà nella storia dell'alpinismo solo come conquistatore del K2 assieme a Achille Compagnoni, ma anche come uno dei piu' grandi arrampicatori'': lo ha detto Reinhold Messner, apprendendo la notizia della morte dell'alpinista. ''A mio giudizio - ha aggiunto il "re degli ottomila" - la scalata della parete sud-ovest di Cima Scotoni vale addirittura più della conquista del K2. Lacedelli e' stato uno degli arrampicatori più eccellenti degli anni '50. Soprattutto nelle Dolomiti ha compiuto delle imprese che ancora oggi hanno qualcosa di incredibile''. Secondo Messner, ''Lacedelli ha contribuito alla ricostruzione psicologica dell'Italia nel dopoguerra''. ''Per gli italiani, che avevano sofferto molto durante la guerra, la conquista del K2, la seconda cima del mondo e forse quella piu' difficile, e' stato - secondo Messner - un vero e proprio toccasana per l'autostima dell'intero popolo''.

Articolo scritto da superdan - Vota questo autore su Facebook:
superdan, autore dell'articolo Morto Lino Lacedelli, Conquistatore Del K2: Salì Sul K2 Nel 1954
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione