Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Nuovo Agghiacciante Problema Per Obama: Bambine Costrette A Prostituirsi Agli Americani In Iraq!


19 luglio 2010 ore 12:48   di R_Morgana  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 232 persone  -  Visualizzazioni: 493

È venuto a galla un nuovo atroce scandalo nel quadro della guerra perseguita da 8 anni dagli Americani in Iraq: un commercio di donne, tra cui si annoverano bambine di 12-13 anni, provenienti soprattutto dall’Est; condotte via dal loro Paese con promesse di un bel lavoro e di una vita migliore, le ignare vittime vengono condotte nel cuore dell’Iraq, private del loro passaporto, segregate e costrette a prostituirsi per una manciata di dollari. Fuori dalle loro “prigioni”, i contractors Americani dell’ ex-Blackwater , già precedentemente accusati di schiavizzazione femminile per fini sessuali sotto il governo Bush, in fila raccolgono i soldi necessari, in una sorta di colletta.

Eppure il nuovo presidente Barack Obama era stato piuttosto chiaro ed esplicito nel vietare ai soldati del proprio esercito qualsiasi coinvolgimento nei traffici umani e nella prostituzione forzata. Allora perché le varie segnalazioni recenti sono state lasciate scorrere via nel silenzio? Nessun provvedimeto, nessun processo, nessuna inchiesta in difesa dei diritti umani di queste giovani donne. Pare proprio che le autorità americane preferiscano “chiudere un occhio” piuttosto che intervenire, mentre Stacy De Luke, portavoce dell'ex Blackwater, al Washington Post, si difende da ogni accusa negando qualsiasi implicazione dell’azienda nella vicenda, nonostante la voce di testimoni interni (anonimi per paura).


Purtroppo, pare non sia affatto semplice per Obama opporsi e mettere fine alla serie di atrocità per anni permesse dal suo predecessore, alla cosiddetta “Eredità Bush”, di cui fa parte la stessa guerra in Iraq; le opposizioni di chi ne ha sempre tratto e goduto benefici sono numerose, ostinate e quasi impossibili da scavalcare. Le segnalazioni di questa disumanità sono giunte fino “ai piani alti” dell’FBI, ma da lì non si sono più evolute; i federali sostengono di non aver mezzi e tempo sufficienti per occuparsi del caso, già impegnati a combattere truffe e corruzione in zona irachena.

Forse per l’America sono più importanti i traffici illegali di soldi piuttosto che di donne e bambine? Non sarebbe certo una novità, nell’ottica del suo abituale modo di agire e pensare, volto sempre all’incremento economico, ma sarebbe davvero troppo pericoloso affermarlo pubblicamente. E così, come se le stragi e la distruzione che questa inconcludente guerra comporta non fossero affatto sufficienti, alla lista delle vittime si aggiungono le schiave del sesso.

Nuovo Agghiacciante Problema Per Obama: Bambine Costrette A Prostituirsi Agli Americani In Iraq!

Riuscirà Obama a far fronte e risolvere questo ennesimo, terrificante, problema?

Articolo scritto da R_Morgana - Vota questo autore su Facebook:
R_Morgana, autore dell'articolo Nuovo Agghiacciante Problema Per Obama: Bambine Costrette A Prostituirsi Agli Americani In Iraq!
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione