Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Nuovo Caso Di 'mucca Pazza' A Cagliari


14 maggio 2014 ore 10:08   di verdifra  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 381 persone  -  Visualizzazioni: 584

I medici dell'ospedale di Cagliari, infatti, non hanno alcun dubbio tenuto conto che i sintomi della 74enne sono esattamente uguali a quelli che aveva la 51enne al momento del ricovero presso la struttura ospedaliera. La diagnosi è attesa dopo la verifica delle analisi effettuate presso il locale istituto di analisi.

La donna, che ha cinque figli, ha iniziato a sentirsi male poco prima di Pasqua ed inizialmente i familiari avevano minimizzato i sintomi di afasia. Quando però la difficoltà di articolare discorsi e parole è aumentata notevolmente, i figli hanno pensato che fosse necessario far ricoverare la madre.


La risonanza magnetica effettuata aveva dato esito negativo mentre l'elettroencefalogramma aveva già evidenziato i segnali della BSE in una donna da sempre sana e che, come dicono i figli, era stata ricoverata solo una volta nel lontano 1971.

Torna quindi la paura per la BSE in Italia dopo che il periodo di fine anni 80 e inizi anni 90 che avevano visto un elevato numero di casi, concentrati in particolar modo nel Regno Unito, sfociati poi nel decesso di chi aveva contratto la malattia.

La BSE, meglio nota como "morbo della mucca pazza", ha origine dai bovini e deriva da una modificazione, causata dall'alimentazione errata cui i bovini stessi venivano sottoposti, e comporta la modifica di una proteina, detta prione, che attacca i centri nervosi dell'animale. La modificazione della proteina, irreversibile, determina una sorta di aggregazione tra le proteine normalmente presenti nel cervello dando origine ad agglomerati e buchi simili ad una spugna.

Articolo scritto da verdifra - Vota questo autore su Facebook:
verdifra, autore dell'articolo Nuovo Caso Di 'mucca Pazza' A Cagliari
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione