Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Pedofilia, Droga E Satanismo: Proseguono Le Indagini Su Don Riccardo


19 maggio 2011 ore 16:48   di Liz  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 348 persone  -  Visualizzazioni: 614

Continuano le indagini sul caso di don Riccardo Seppia, parroco della chiesa di Santo Spirito di Sestri Ponente arrestato sabato scorso. E la vicenda appare sempre più intricata e inquietante. Pare sia emerso, infatti, che il prete era solito consumare tre, quattro grammi al giorno di cocaina, e che per acquistarla spendesse circa trecento euro al giorno. Droga che gli serviva anche per attirare i giovani che poi molestava. “Vieni, ho la neve”, è uno dei messaggi inviati dal suo cellulare. Sorge spontaneo chiedersi dove un semplice prete potesse trovare tutti quei soldi, e anche su questo aspetto stanno indagando gli inquirenti. Pare che il suo stipendio fosse di 1.200 euro al mese, e ora i Nas stanno setacciando i suoi conti correnti per cercare di svelare il mistero.

Ancora più inquietanti sono però le notizie che a poco a poco permettono di costruire un quadro più preciso della personalità di don Riccardo. “Che Satana sia con te”, pare avesse detto ad un amico, e altre frasi blasfeme. Solo uno scherzo, per quanto pesante? Forse. Ma ora si viene a sapere che, sulla schiena, il prete ha un curioso tatuaggio: un sole a sette raggi con significati satanici.


Il Corriere della Sera riporta che, nei giorni scorsi, i carabinieri hanno ascoltato come testimone don Piercarlo Casassa, parroco di don Riccardo a Recco nel 1985, e questi avrebbe confermato le “stranezze” del prete. “Don Seppia stava fuori tutte le notti e dormiva per l’intera mattina. La sua non mi sembrava una vera vocazione. Così ho avvertito i miei superiori”. Quanto all’accusa di pedofilia, già all’epoca, secondo quanto racconta don Casassa, qualcosa di strano si era notato: ha infatti parlato di una gita al mare organizzata proprio da don Riccardo con i bambini del catechismo, i quali, una volta tornati, non avevano più voluto ripetere l’esperienza. “I carabinieri”, ha detto don Casassa al Corriere, “mi hanno chiesto perché non ho fatto denuncia all’epoca, ma io non potevo denunciare nulla di concreto. Non ravvisavo nessun reato”.

Tutto questo mentre arriva uno studio choc della chiesa cattolica americana, secondo cui le ragioni della notevole diffusione di scandali pedofili e sessuali nel mondo clericale sarebbero da ricercare non nel celibato o nell’omosessualità, quanto nel Sessantotto e nel cosiddetto “effetto Woodstock”, nel permissivismo e nella rivoluzione sessuale. I preti, infatti, si sarebbero ritrovati completamente disorientati nel mezzo di tutto questo, circondati dalle tentazioni e incapaci di gestire la situazione.

Articolo scritto da Liz - Vota questo autore su Facebook:
Liz, autore dell'articolo Pedofilia, Droga E Satanismo: Proseguono Le Indagini Su Don Riccardo
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione