Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Pena Di Morte, La Dose Letale Arriva Dall' Italia


17 novembre 2010 ore 18:11   di giordan1976  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 301 persone  -  Visualizzazioni: 445

Si tratta dell'anestetico utilizzato per le esecuzioni con iniezione letale negli Stati Uniti. Da gennaio la società milanese sussidiaria di una multinazionale Americana, dovrebbe esportare la sostanza negli Usa, che ne sono rimasti a corto e non possono più giustiziare nessuno con questo metodo, usato in 35 Stati su 50, finchè non riceveranno nuove dosi. A scoprire questa "Italian Connection", è stata Reprieve, l'organizzazione umanitaria britannica, che si batte contro la pena di morte e le torture nel mondo.

L'iniezione letale è un "Cocktail" micidiale, di tre sostanze, una delle quali è l'anestetico Sodium Thiopental, che dovrebbe garantire di uccidere i condannati "senza sofferenza" con "gentilezza". La Hospira, l'unica compagnia Americana che produceva questo farmaco, qualche mese fa ne ha interrotto la produzione per problemi interni nello stabilimento madre. Cosi ben presto tutti i penitenziari dei 35 Stati, che compiono le esecuzioni sono rimasti senza prodotto e sono urgentemente corsi ai ripari cercandolo altrove.


Lo Stato dell'Arizona, il mese scorso se ne è procurato un quantitativo prodotto da un'altra azienda in Gran Bretagna. Ma la Corte Suprema Dell'Arizona ha dovuto bloccare le esecuzioni, perchè non vi erano garanzie che il farmaco avesse gli stessi effetti di quello Americano ovvero "permettesse una morte senza sofferenze". Però pensate che nulla è servito a fermare la condanna di Jeffrey Landrigan, neppure i dubbi sulla sua colpevolezza e quelli legati all'anestetico hanno fermato la sua iniezione. Cosi Reprieve ha fatto causa all'azienda britannica, chiedendo che venisse vietata la vendita del farmaco negli Usa in base ad una Legge Europea 1236/2005. Che definisce illegale e proibite l'esportazione di prodotti utilizzabili per la pena di morte.

Però alcuni Stati pur di non fermare la Macchina Della Morte hanno preferito usare anestetici per animali senza curarsi degli effetti e dei risultati. Unico obbiettivo GIUSTIZIA! ESECUZIONE!. Devono però trovare una soluzione a lungo termine e che gli dia sicurezza di risultati perfetti. Cosi ecco spuntare la Hospira SPA di Liscate, in provincia di Milano, è la sussidiaria di quella Americana e garantirà senza intoppi e problemi, la produzione del Sodium Thiopental da destinare ai penitenziari Americani. La dose letale per la pena di morte verrà completata in Italia riuscirà il nostro Governo che si dice contro la pena capitale a fermare questa collaborazione? Chissà. Adesso è troppo impegnato in "Altre Faccende"Pena Di Morte, La Dose Letale Arriva Dall' Italia

Articolo scritto da giordan1976 - Vota questo autore su Facebook:
giordan1976, autore dell'articolo Pena Di Morte, La Dose Letale Arriva Dall' Italia
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione