Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Renzo Bossi Maltratta L' Odiata Lingua Italiana


10 settembre 2011 ore 12:35   di Montalbano  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 421 persone  -  Visualizzazioni: 667

Molti giovani italiani, che hanno studiato, hanno preso il loro bel pezzo di carta, spesso una laurea con specializzazione annessa, spesso non trovano uno straccio di lavoro. O magari lo trovano a progetto, a spizzichi e bocconi, precario, in nero. Per loro il futuro non esiste, non avranno la possibilità di tirar su famiglia, di farsi casa, di costruirsi una vita decente. O magari vanno all’estero, ove sono ben felici di accogliere i cervelli in fuga da un paese che è in mano a consorterie e gruppi di potere che non hanno alcuna intenzione di mollare i privilegi di cui godono.

C’è invece un giovincello, che ha stabilito un record mondiale difficilmente eguagliabile, arrivando ad essere bocciato per ben tre volte alla maturità. Un ragazzo che difficilmente ha preso un libro in mano e se lo ha fatto, probabilmente avrà smesso di leggere in men che non si dica, preda di un comprensibile mal di testa indotto da parole in italiano di difficile comprensione per chi è aduso al lumbard. Questo ragazzo, è già felicemente in politica, assiste, non si sa in base a quale sua specializzazione, alle riunioni in cui si discute del futuro del nostro paese, magari ci mette anche bocca, grazie alle sue straordinarie competenze accumulate in tre anni di bocciature alla Maturità. Di straforo fa parte anche del Consiglio Regionale della più importante regione italiana, la Lombardia.


Insomma, tra qualche anno, se gli Italiani vorranno persistere nei loro intenti suicidi, questo piccolo genio, perché solo un genio può fare una carriera simile partendo dalla assoluta mancanza di nozioni e competenze, ce lo ritroveremo in qualcuno dei Palazzi del Potere. Lo sentiremo disquisire di cosa bisogna fare per risolvere i problemi del paese. Lo vedremo partecipare a qualche stralunato Consiglio dei Ministri. Durante i quali, magari, esibirà qualcuno dei neologismi che lo stanno rendendo un piccolo mito del variegato mondo degli internauti. Ove già gira un video

in cui, questo giovincello, che per inciso si chiama Renzo Bossi ed il figlio del leader leghista, Umberto, maltratta decisamente l’odiata lingua degli oppressori, l’italiano, inventando un neologismo da brivido, “proseguere”.

Anche noi vorremmo “proseguire”, pardon, proseguire, per la nostra strada, senza doverci sorbire lezioni di lingua da un ragazzotto che dovrebbe andare a studiare invece di pontificare solo perché il papà glielo consente. Invece non possiamo. Siamo a totale disposizione di una classe politica che adesso, ha anche trovato il modo di sistemare parenti e congiunti, mentre chi non ha santi in paradiso deve andare all’estero per vedere riconosciuti i diritti provenienti da anni e anni di studio che in Italia non valgono nulla (basti pensare alla grottesca vicenda imbastita sul riscatto degli anni occorsi per laurearsi), ma che per fortuna in altri paesi sono enormemente apprezzati. E intanto l’Italia affonda.

Articolo scritto da Montalbano - Vota questo autore su Facebook:
Montalbano, autore dell'articolo Renzo Bossi Maltratta L' Odiata Lingua Italiana
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione