Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Roma Ladrona O Lega Ladrona?


21 aprile 2012 ore 12:27   di erpidi  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 442 persone  -  Visualizzazioni: 664

Roma Ladrona? O Lega Ladrona? Il 21 Aprile 2012 Roma compie 2.765 anni di vita. Non crediamo al mondo esista altra Nazione che abbia come Capitale un luogo così antico e denso di storia e tradizione. E così tanto svilito e vituperato dai suoi cittadini. Sono ormai anni che assistiamo alle demagogiche insinuazioni sul ruolo brigantesco di questa nostra città. Soprattutto da beceri personaggi che oggi ci hanno dato i segni dei loro limiti sia culturali sia di comportamento. Ormai essere parte di una casta politica in Italia significa essere dei profittatori, dei corrotti e dei disonesti, prova ne è il fatto che ad ogni livello della Nomenklatura politica italiana si rubi sottraendo soldi e risorse alla Cosa Pubblica. Parlamento, Consigli regionali, Provinciali e Comunali, nessuno ne è escluso. Né esclusa è alcuna compagine politica. lo scandalo è che ormai pare non fare nemmeno più scandalo. Stiamo diventando totalmente assuefatti alle nefaste azioni di questa banda di marioli in doppio petto. Lo fanno a Roma, ma anche a Milano, Palermo, Napoli e via così, perché solo la Capitale ne assume le colpe?

È innegabile che i nostri Amministratori ormai abbiano dedicato troppo tempo ai propri comodi per badare a quelli di chi li ha fatti sedere su quelle comode e doviziose poltrone. Il Partito che con i Radicali da più tempo ormai siede nelle stanze dei bottoni, la Lega, ha mostrato finalmente il suo volto rapace e ignavo (becero lo è sempre stato), e l’unica cosa che ci meraviglia è vedere i semplici votanti della base leghista piangere disperati e continuare a crederci. Del resto se questa base che è stata la vera forza della Lega non ci avesse creduto non avrebbe consentito a quel partito di radicarsi sul territorio in maniera così netta. Ed ai suoi rappresentanti di arraffare con tanta tracotanza e nepotismo.


Diciamoci la verità una volta per tutte. Abbiamo mandato a governarci una massa di ignavi, incapaci ed incoscienti che non solo ci hanno portato sull’orlo del baratro (su cui ancora penzoliamo), ma non lo vogliono ammettere e si fanno belli attaccando i loro avversari politici in una triste battaglia di rinfacci. Per almeno 22 anni siamo stati governati da una trista accozzaglia di nani e giullari, puttane e puttanieri, cialtroni in canottiera e ciarlatani in grisaglia. È inutile dare le colpe a loro!, guardiamoci allo specchio e prendiamocela con noi stessi. Lì NOI li abbiamo messi e da lì NOI dobbiamo levarli!

Come avevamo scritto precedentemente, pur in presenza di scandali ogni giorno più virulenti i nostri ineffabili Parlamentari non accettano di fare a meno del vasetto del miele (i finanziamenti statali ai Partiti) e fanno opposizione abile e capace. E la vinceranno. Finchè chi li ha eletti non ce li toglierà.
Saltando da un canale televisivo all’altro abbiamo percepito quanto il finanziamento pubblico dei Partiti (oggi chiamato "rimborso spese elettorali") costi all’anno alle tasche nostre: oltre 2 miliardi di euro. Cifra che, se messa in mani capaci di amministratori seri, potrebbe risollevare il mercato del lavoro e dare un nuovo afflato di sviluppo ad un Paese come il nostro a crescita zero.
Oggi siamo governati da un team di esperti non legati allo squallido carrozzone della politica, così ci dicono, dimenticando che è la politica a controllare questo team di governo. Anzi no! Chiediamo scusa per l’errore, è dalla baracca della politica che si controlla il Governo Tecnico.

Del resto il Presidente della Repubblica aveva solo due alternative all’epoca: o un Governo di tecnici con il benestare di tutti i Partiti ola roulette delle elezioni anticipate. Prese la decisione meno costosa in termini di stabilità. ma il governo tecnico prima o poi sarà sfiduciato dalla casta ed allora, è inutile nascondercelo, dovremo andare alle elezioni politiche. E chi dovremo eleggere?

Sicuramente nessuno di quelli legati a chi è stato beccato con le mani nel vasetto. Per cui tutto l’arco costituzionale è compreso in questa proscrizione obbligata, salvo poche eccezioni nell’UDC e nell’IDV (e i Radicali). E pure quelle eccezioni sarebbero da esaminare al lanternino. Poi cosa abbiamo? Il movimento popolare cinque stelle. I veterani [ladroni] della politica lo chiamano un movimento demagogico che protesta e non propone. Demagogia: bella parola troppo abusata, che significa "trascinare il popolo". È parola che spaventa i nostri politici che si sono scordati i loro precedenti. Quale è il partito politico che NON ha usato il popolo per trascinarlo a farsi eleggere? Ricordate i bagni di folla a Piazza S. Giovanni a Roma ad osannare i vari volti della Sinistra Italiana? O quelli dei sostenitori della Destra?

Ebbene Grillo sta facendo leva sul malcontento popolare. Ha torto? Dice cose sbagliate? No, semplicemente sbatte in faccia a chi lo ascolta quello che i Media hanno paura a dire: che i Signori Della Politica con i loro scandali e le loro ruberìe ci hanno rovinato e continuano a farlo. E vanno cacciati. Ma che ci vuole una laurea in fisica nucleare per capirlo? Esiste un acronimo inglese perfetto per ogni situazione da spiegare: KISS! (che vuol dire Bacio), Keep It Simple Stupid! Mettilo giù semplice stupido! E lui la mette giù semplice. Punto.

Grillo non propone alternative. Perché ce ne sono? Non esistono alternative o proposte che non siano un completo sconvolgimento dello status quo, disastroso. La unica alternativa è rifare completamente l’arco parlamentare popolandolo di gente che non provenga da PD, PDL, Lega ed altre galassie di magnaccia ignoranti.

È inutile ripresentare una minestra riscaldata su un tavolo dove servono amministratori capaci, intraprendenti, con l’orecchio vicino al suolo per "sentire" quelle realtà che Professori e Teorici non percepiscono. Serve lavoro, serve coraggio per creare posti di lavoro, intraprendenza ad agire e soprattutto un sistema creditizio che invece di accaparrare ed investire in titoli anomali stia accanto alla gente e sia pronto a finanziare e sostenere non chi ha garanzie, ma soprattutto chi ha idee, come fanno le banche in USA e come le nostre si son dimenticate di fare.

Stiamo sollecitando una rivoluzione? No, stiamo sostenendo una evoluzione del nostro sistema politico. Lasciare i mercanti della politica da parte e mettere al loro posto chi sappia far muovere il carrozzone politico a favore di un solo soggetto: IL POPOLO SOVRANO. Soggetto che tutti nelle aule della politica hanno scordato che esiste.

Nel 1960 Jean Latèrguy scrisse un libro, Né Onore Né Gloria – I Centurioni, nella prefazione riportò un fatto avvenuto all’epoca della Roma Imperiale. Di questa prefazione una frase ci colpì: "Stia attenta Roma alla collera delle sue Legioni!".

Articolo scritto da erpidi - Vota questo autore su Facebook:
erpidi, autore dell'articolo Roma Ladrona O Lega Ladrona?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione