Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Sarah Scazzi: La Tragedia Consumata Tra I Delicati E Instabili Equilibri Di Casa Misseri


17 ottobre 2010 ore 18:31   di Numeretta  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 655 persone  -  Visualizzazioni: 1103

Sola e confusa. Dalle pagine del diario di Sarah emerge il profilo di una quindicenne come tante. Sarah che aveva il padre e il fratello nella lontana Milano per lavoro, Sarah che non andava d'accordo con la mamma, l’unica rimasta ad Avetrana, Sarah che cercava un punto di riferimento, una bussola per orientarsi in quella giungla che era diventata la sua vita da adolescente. Sarah che andava e veniva come un cucciolo smarrito dalla vicina villetta dei parenti Misseri ad elemosinare amore, cercando di orientarsi in un territorio che non le apparteneva, di ritagliarsi un ruolo in quella famiglia piena di legami profondi, così diversa dalla sua.

E trova così la ventiduenne cugina Sabrina che le fa da mamma, che le insegna a truccarsi, che le piastra i capelli, che la prende per mano in quel delicato passaggio del diventare donna. E Sarah diventa davvero una bella e delicata fanciulla nell’ultima primavera della sua vita. Sabrina la fa uscire con i suoi amici più grandi, la rimbrotta se dà loro troppe attenzioni, Avetrana è pur sempre un paesello, la gente parla. Tutto questo sotto l’occhio accondiscendente della mamma di Sarah, Concetta, che come si fida della famiglia di sua sorella Cosima non si fida di nessuno. Concetta che non riesce ad asservire al suo ruolo di mamma e che quindi si dimostra lieta nel delegarlo alla matura nipote.


È una storia di delicati e instabili equilibri interpersonali quella della sfortunata Sarah, tradita dal suo vero nido familiare, da quella famiglia che l’aveva adottata. Sarah era diventata nel corso degli anni la terza figlia di Michele e la seconda sorella di Sabrina, proprio come padre e figlia usavano ricordarla in quelle patetiche interviste televisive.
Era la piccola di casa, la mascotte, la bambina che pensava di aver trovato il suo paese dei balocchi. Ma da quella crisalide dove sboccia un primo abbozzo tenero di donna in primavera inizia ad incubare l’Inferno che si materializza in quel torrido pomeriggio di piena estate.

Sarah non è più la figlia di Michele Misseri: è un bocconcino appetitoso per i suoi sudici istinti erotici, legittimati dall’assenza del legame di sangue e dall’assidua presenza sotto i suoi occhi di contadino frustrato ed introverso. E Sabrina inizia a stufarsi di quel ruolo che non le appartiene considerata la sua giovane età, ormai è stanca di rimproverare la cugina per le sue pulsioni adolescenziali, per la sua, ai suoi occhi smaliziati, colpevole sensualità. Finché accade l’irreparabile: Sarah si lamenta con Sabrina delle attenzioni malsane che riceve dallo zio, e la corda si spezza. Quel cristallo pulito e splendente della comunione familiare si frantuma in mille pezzi, Sarah non può permettersi di accusare l’amato padre, non può gettare fango su quella famiglia che l’aveva ospitata per così tanto tempo, questo è troppo. E insieme, padre e figlia, decisero di darle una bella lezione.

Articolo scritto da Numeretta - Vota questo autore su Facebook:
Numeretta, autore dell'articolo Sarah Scazzi: La Tragedia Consumata Tra I Delicati E Instabili Equilibri Di Casa Misseri
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione