Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Sarah Scazzi, I Misseri E Il Circo Della Televisione: Una Riflessione


23 ottobre 2010 ore 17:26   di Arameoerrante  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 445 persone  -  Visualizzazioni: 824

Il caso di Sarah Scazzi è ancora aperto e le indagini non sono concluse. Le televisioni e i giornalisti si accusano reciprocamente, fanno analisi, lanciano proclami e, tuttavia, continuano a stazionare davanti a casa Misseri.

Sociologi e giornalisti presenziano alle trasmissioni, si interrogano sulla vicenda, sui risvolti e sui motivi di tanto accanimento mediatico.La storia interessa perché in ballo ci sono le pieghe più recondite dell'animo umano, intrecci familiari inestricabili, sentimenti non pronunciabili, logiche non prevedibili. In ballo c'è una ragazzina morta senza averne colpa e, intorno, un giro enorme di responsabilità a livelli diversi.


La storia interessa: per la curiosità di scoprire la fine del giallo, di vedere se le intuizioni personali erano corrette, di capire fin dove l'oscenità del cuore può giungere. Tutto questo è lecito nella misura in cui, però, non si perda il criterio della realtà. Non si assiste ad un film o ad uno spettacolo: ma ad una tragedia che ha il sapore della morte.

Sarah Scazzi, I Misseri E Il Circo Della Televisione: Una Riflessione

Il pubblico vuole sapere, ma ancor più ha l'esigenza di sapere che drammi così feroci sono, paradossalmente, normali. Perché tutte le persone coinvolte sono normali. non ci sono mostri, non ci sono orchi, ma uomini cangianti, sensibilità imprevedibili, sentimenti ancestrali, azioni umane. Nessuno è al riparo e conoscere fino in fondo le dinamiche dure della vita deve favorire una riflessione sui rapporti, le relazioni, gli incontri, i silenzi e le parole. Un dramma, quello di Sarah, non può non suscitare attente riflessioni e svolte educative, ma perché ciò accada occorre ricordare che quella che si sta svolgendo in televisione è solo la realtà: ridicole paiono, quindi, le ricostruzioni con attori, musiche da film, riproduzioni di interviste con effetti speciali... I pellegrinaggi e le foto dei turisti sui luoghi dell'orrore allarmano e inquietano: sfugge al controllo della ragione che non si è sul set cinematografico, ma sui luoghi di un dramma umano.

Quella che scorre in questi giorni è la dura realtà del dramma e presentarla è dovere di cronaca, ma può e deve diventare anche dovere di aprire nuovi sguardi e nuovi fronti. In Italia aumentano i delitti familiari in Italia e le tragedie inaspettate di gente normale. Più che rifugiarsi nell'immaginario mitico del mostro e dell'orco, conviene a tutti riprendere in mano gli elementi necessari per vivere la normalità: una sana gestione delle emozioni, delle frustrazioni, una educazione degli affetti che non ceda il posto al prurito inarrestabile delle pulsioni di ogni genere. Di questo c'è reale e urgente bisogno, ce lo dice la cronaca, ce lo ricorda la vicenda di Sarah Scazzi.

Sabrina Misseri e Michele Misseri ci hanno, in ogni caso e senza volerlo, dato una lezione importante: la televisione può essere finzione e menzogna, invenzione e maschera. L'hanno usata per i propri scopi come attori navigati e la realtà si sta imponendo sul film da essi girato. Che almeno sia chiaro a tutti che si tratta di realtà e realtà come queste devono interrogare e muovere coscienze e azioni.

Articolo scritto da Arameoerrante - Vota questo autore su Facebook:
Arameoerrante, autore dell'articolo Sarah Scazzi, I Misseri E Il Circo Della Televisione: Una Riflessione
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione