Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

E Se Fosse Meglio Un Ranocchio Che Un Principe?


5 luglio 2011 ore 10:47   di grg  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 352 persone  -  Visualizzazioni: 603

Ogni fiaba che si rispetti, è ben noto, deve rigorosamente avere un lieto fine. In ogni fiaba degna di questo nome, non sono rari i vari “e vissero felici e contenti”. La vita, si sa, non è una fiaba, tutt’altro, anche quando all’apparenza ci somiglia molto.
Come non pensare alla Cenerentola generata dalla magica immaginazione dei fratelli Grimm, guardando alle due favole reali concluse con il più classico dei matrimoni negli ultimi due mesi? Sia la figura di Kate Middleton, che ha sposato lo scorso 29 aprile il principe William d’Inghilterra, sia quella di Charlene Wittstock che è fresca sposa dal 3 luglio del principe Alberto di Monaco, possono essere in qualche misura paragonate alla giovane fanciulla che, da orfana disprezzata dalla matrigna cattiva di turno, diventa principessa.

Se per Katherine d’Inghilterra, forse un lieto fine c’è davvero stato, per Charlene di Monaco, il dubbio ha ragion d’essere. Indizi? Pochissimi, a meno di non voler dare credito ai soliti gossip che tanto calamitano l’attenzione in queste circostanze. Se ci basiamo sui fatti, basta osservare una Katherine radiosa e, più in generale, un matrimonio festoso nella pur inevitabile solennità imposta dall’etichetta, per capire che la felicità, si, proprio quella che dovrebbe essere l’invitato d’onore ad un matrimonio, ebbene era presente.


Charlene, invece, sembrava tutto, ma felice, proprio no. Il termine più corretto è, con tutta probabilità, rassegnata. Il matrimonio è apparso fastoso, elegante, ma terribilmente ingessato. Gli sposi non hanno praticamente mai incrociato gli sguardi e quell’oui pronunciato a mezza voce dalla neo-principessa era raggelante. Non tutto oro è quello che luccica, nemmeno nel Principato di Monaco.

Alberto di Monaco è sicuramente ricchissimo, probabilmente possiede fascino, è un principe regnante, ma…, è un libertino recidivo. Oltre ai due figli generati quando era ancora vivo il padre, Principe Ranieri, pare, il condizionale è d’obbligo, che un terzo bimbo abbia appena compiuto diciotto mesi, e che presto il principe dovrà sottoporsi al test del DNA per verificare la propria paternità. Pazienza, se non fosse che all’epoca del concepimento di questo presunto terzo erede, il principe fosse già fidanzato con l’attuale neo-moglie.

La bella Charlene se ne sarà fatta una ragione e avrà soprasseduto per amore o per calcolo? Ai posteri l’ardua sentenza. L’unica cosa certa è che il principe aveva bisogno di una moglie, infatti secondo la legge di successione dinastica monegasca solo un figlio nato all’interno del matrimonio può ereditare il trono. Alla principessa auguriamo di aver sposato un principe vero, non uno che poi si rivelerà un ranocchio travestito da principe. Quanto a noi, comuni mortali, forse conviene tenerci stretti i nostri ranocchi, se crediamo nell’amore, se invece puntiamo ai soldi, allora…

Articolo scritto da grg - Vota questo autore su Facebook:
grg, autore dell'articolo E Se Fosse Meglio Un Ranocchio Che Un Principe?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione