Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Sempre Più Ragazzi Sui Siti Hot: Primi Casi Di Anoressia Sessuale E Di Desiderio Spento


25 febbraio 2011 ore 10:19   di andresilver  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 673 persone  -  Visualizzazioni: 1350

Accendere il computer per consultare sempre e comunque siti pornografici fa male al desiderio sessuale in particolar modo ai giovani. Questo inquietante particolare è evidenziato da un'analisi sulle visite in Italia dei portali contenenti contenuti riguardanti il sesso. Sempre più italiani, in particolar modo giovani ma non solo, quindi, amano spiare dal buco della serratura a discapito del proprio desiderio sessuale e vivo.

Secondo una ricerca a novembre del 2010 sono stati quasi otto milioni gli italiani che hanno consultato siti porno, una cifra che corrisponde al 29% del totale dei navigatori. Se paragonato al novembre del 2005, questo dato è abbastanza eloquente: 58%. Una crescita esponenziale con i più giovani che in età adolescenziale (13-14 anni) si imbattono nei primi film a luci rosse.


Se questo fenomeno non comporterebbe problemi per la salute il dato sarebbe da prendere con equilibrio, ma proprio secondo questa ricerca, invece, il rischio è che questo boom di visite e di realtà virtuale diventi un caso clinico che sfocia in una specie di disgusto nei confronti del sesso vero, un disturbo denominato "anoressia sessuale".

Sempre Più Ragazzi Sui Siti Hot: Primi Casi Di Anoressia Sessuale E Di Desiderio Spento

Il prefesso Carlo Foresta, presidente della Società italiana di andrologia e medicina sessuale nonchè andrologo promotore della ricerca spiega: "Questa indagine nasce dalla necessita' di comprendere un fenomeno clinico nuovo che investe sostanzialmente i giovani sotto i 25 anni: l'anoressia sessuale. Su 50 ragazzi che si sono rivolti ai nostri ambulatori per patologie della sessualita', calo della libido e disfunzione erettile, il 70% aveva da anni la cattiva abitudine di frequentare in Internet siti pornografici molto spinti. La fruizione quotidiana di simili immagini ha rallentato la maturazione cerebrale della sessualita', svincolato il sesso dall'affettivita', e fatto perdere d'interesse verso la sessualita' reale che invece, per un sano sviluppo, ha bisogno di fantasia. Ed e' proprio la fantasia che i siti Internet uccidono veicolando video e foto estremamente disinibiti.
La sessualita' in Internet e' fredda, ripetitiva e questo determina assuefazione e comporta poi, nella vita reale, mancanza di desiderio. Un cambiamento nell'approccio comportamentale di questi giovani ha portato significativi miglioramenti: l'abbandono completo della frequentazione dei siti porno accompagnato dalla lettura di libri che sottolineano un legame forte tra affettivita', sessualita' e fantasia ha contribuito in maniera importante al rafforzarsi di una sessualita' sana, autentica e responsabile".

Sempre Più Ragazzi Sui Siti Hot: Primi Casi Di Anoressia Sessuale E Di Desiderio Spento

La ricerca evidenzia anche come l'utenza dei siti pornografici rimane prevalentemente maschile per il 70%, mentre l'età media di utenti è quella compresa tra i 24 e i 44 anni, nonostante che il 10% dei visitatori sia minorenne.
1.130.000 sono state le pagine visitate nel nostro paese in un mese con la media impressionante di 197 pagine viste in questo arco temporale da ogni navigatore per un tempo medio di un'ora e quaranta minuti totali.

Articolo scritto da andresilver - Vota questo autore su Facebook:
andresilver, autore dell'articolo Sempre Più Ragazzi Sui Siti Hot: Primi Casi Di Anoressia Sessuale E Di Desiderio Spento
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 

Bell'articolo :-)

Inserito 25 febbraio 2011 ore 10:42
 

Ti ringrazio. Ho letto qualche giorno fa il tuo articolo su Benigni e il suo compenso devoluto in beneficienza e devo dire che mi è piaciuto altrettanto.

Inserito 25 febbraio 2011 ore 10:45
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione