Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Sondaggi E Quesiti Dei Referendum Del 12 - 13 Giugno 2011


7 maggio 2011 ore 16:56   di OnePound  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 365 persone  -  Visualizzazioni: 840

Il 12 e il 13 Giugno 2011, gli Italiani sono chiamati alle urne per esprimere le proprie opinioni in 4 referendum di notevole importanza. I quesiti referendari riguardano tre materie differenti: l’acqua come bene pubblico o servizio gestibile privatamente; la costruzione di impianti per l’energia nucleare sul territorio italiano; il diritto di alte cariche di governo a non comparire in aula per processi penali. Tutti i quesiti, per dare effetto, devono raggiungere una partecipazione al voto del 50% piú uno degli aventi diritto.

Il quesito numero uno recita: “Volete voi che sia abrogato l'art. 23 bis (Servizi pubblici locali di rilevanza economica) del decreto legge 25 giugno 2008 n.112 "Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitivitá, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria" convertito, con modificazioni, in legge 6 agosto 2008, n.133, come modificato dall'art.30, comma 26 della legge 23 luglio 2009, n.99 recante "Disposizioni per lo sviluppo e l'internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia" e dall'art.15 del decreto legge 25 settembre 2009, n.135, recante "Disposizioni urgenti per l'attuazione di obblighi comunitari e per l'esecuzione di sentenze della corte di giustizia della Comunità europea" convertito, con modificazioni, in legge 20 novembre 2009, n.166, nel testo risultante a seguito della sentenza n.325 del 2010 della Corte costituzionale?" In pratica si chiede di cancellare la legge che permette la privatizzazione della gestione dell'acqua. Chi vota sí vuole cancellarla, chi vota no vuole mantenerla.


Il quesito numero due recita: “Volete voi che sia abrogato il comma 1, dell'art. 154 (Tariffa del servizio idrico integrato) del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 "Norme in materia ambientale", limitatamente alla seguente parte: "dell'adeguatezza della remunerazione del capitale investito?" In pratica si chiede di cancellare la legge che permette al gestore privato una sicura remunerazione del capitale investito, a mezzo tariffe. Chi vota sí vuole cancellarla, chi vota no vuole mantenerla.

Il quesito numero tre recita: “Volete voi che sia abrogato il decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, nel testo risultante per effetto di modificazioni ed integrazioni successive, recante Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitivitá, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria, limitatamente alle seguenti parti: art. 7, comma 1, lettera d: realizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare?". In pratica si chiede di cancellare la legge che permette la costruzione di centrali nucleari su suolo italiano. Chi vota sí vuole cancellarla, chi vota no vuole mantenerla.

Il quesito numero quattro recita: “Volete voi che siano abrogati l'articolo 1, commi 1, 2, 3, 5, 6 nonché l'articolo 2 della legge 7 aprile 2010 numero 51 recante "disposizioni in materia di impedimento a comparire in udienza?" In pratica si chiede di cancellare la legge che permette al Presidente del Consiglio ed ai Ministri di non comparire in aule penali. Chi vota sí vuole cancellarla, chi vota no vuole mantenerla.

Il CISE, Centro Italiano Studi Elettorali, ha reso pubblici alcuni sondaggi sulla materia dei referendum. Il risultato piú sorprendente dello studio é quello che raccoglie i dati sull’intenzione di presentarsi alle urne: l’87% del campione ha risposto che andrá a votare, contro il 13% che ha ammesso che non ci andrá. Per quanto studi di questo genere spesso sovrastimino l’intenzione di presentarsi al voto, il dato racconta che ci sono concrete probabilitá che i referendum arrivino al quorum.

Il CISE presenta anche sondaggi sull’esito del referendum. All’affermazione: “Bisognerebbe favorire l’ingresso dei privati nella gestione dell’acqua pubblica”, inerente i primi due quesiti referendari, il 64,3% del campione si ritiene per niente d’accordo; il 14,1% poco d’accordo; 15,4% abbastanza d’accordo e il 6,2% molto d’accordo.

Sondaggi E Quesiti Dei Referendum Del 12 - 13 Giugno 2011

All’affermazione: “In Italia si dovrebbero costruire nuove centrali nucleari”, inerente il terzo quesito, il 69,9% del campione si ritiene per niente d’accordo; il 12,6% si ritiene poco d’accordo; 10,7% abbastanza d’accordo e il 6,7% molto d’accordo.

All’affermazione: “I membri del governo devono poter rinviare i processi che li riguardano, come dice la legge sul legittimo impedimento”, inerente il quarto quesito, il 56,5% del campione si ritiene per niente d’accordo; il 16,0% poco d’accordo; 18,3% abbastanza d’accordo e il 9,2% molto d’accordo.

Secondo lo studio promosso dal CISE, quindi, non solo i referendum raggiungeranno il quorum, ma avranno anche molte probabilitá di vedere una vittoria dei sí, vedendo quindi cancellare le leggi in questione. Si ricorda, comunque, che queste sono solo intenzioni e non hanno nulla di sicuro o ufficiale.

Articolo scritto da OnePound - Vota questo autore su Facebook:
OnePound, autore dell'articolo Sondaggi E Quesiti Dei Referendum Del 12 - 13 Giugno 2011
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione