Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Su Forze Dell'ordine, Vittime E Carnefici. Considerazioni Su Cucchi, Aldovrandi, Sandri E Giuliani


16 giugno 2010 ore 23:27   di GGallin  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 306 persone  -  Visualizzazioni: 548

Lo spunto per questo articolo mi è venuto vedendo pubblicata questa foto su Facebook, e dalla conseguente discussione sul profilo della persona che l'aveva pubblicata.Ora, trovo che sia una grande verità quella espressa da questo manifesto, che da quanto ho letto in giro è apparso in alcune vie di Roma.

La verità è che è assurdo che i cosidetti tutori dell'ordine aggrediscano e/o uccidano persone che non stavano compiendo nulla che possa attentare alla loro vita o comunque giustificare un tale gesto, perchè parliamo di tutori dell'ordine e non di pistoleri da far west con la licenza di uccidere.


Però, proprio per questo motivo mi sento di fare anche una grande critica al manifesto, o per lo meno ad una parte di quest'ultimo: infatti a mio avviso l'inclusione di Carlo Giuliani in un contesto di vittime innocenti delle Forze Dell'Ordine è poco sensato.

Su Forze Dell'ordine, Vittime E Carnefici. Considerazioni Su Cucchi, Aldovrandi, Sandri E Giuliani
Esiste infatti a mio avviso un'enorme differenza nei contesti in cui queste persone sono state uccise, al di là dei piccoli dettagli che forse non sapremo mai, e queste differenze sono nel fatto che:
-Aldovrandi, morto per circostanze "misteriose" (a mio avviso per nulla misteriose date le vistose lesioni sul suo cadavere) camminava semplicemente per strada fatto di sostanze quali ketamina, alcol ed eroina (come testimonia l'autopsia), che pur'essendo sostanze illegali, non c'è scritto da nessuna parte sul codice penale che meritino la pena di morte, tantomeno immagino che una persona che cammina per strada in condizioni psicofisiche del tutto lontane anche dall'accettabile possa davvero rappresentare una minaccia per dei poliziotti armati. Quindi inclusione sacrosanta nel volantino;

-Cucchi, in carcere, anche lui con problemi di droga che come già detto di per se non da presupposti per sparare a qualcuno, ritrovato morto in cella, per una "caduta", un corpo straziato dall'inaudita violenza, ed a meno che non dimostrino che il fatto di essere drogati porti a lesioni gravi su tutto il corpo, è fin troppo palese che è stato vittima di abusi di poliziotti assolutamente non motivati, dato che è difficile essere pericolosi dentro una cella... Anche qui inclusione sacrosanta;
-Gabriele Sandri.. un caso che mi ha portato a disgustare di persone che ritenevo intelligenti per la loro opinione a riguardo.

Il ragazzo, al di là del suo orientamento politico (che non ho capito se fosse dichiarato o meno, ma comunque COGITATIONIS POENAM NEMO PATITUR, nessuno può essere perseguitato per le proprie opinioni finchè restano opinioni e non diventano fatti che violano la legge, e comunque nessuno gli ha sparato per l'orientamento politico), al di là di qualunque ORRIBILE motivazione ideologica possano dare sinistroidi riguardo "ultrà, fascio, bla bla bla", era un semplice ragazzo come chiunque altro, che andava soltanto a vedere la partita di calcio della sua squadra del cuore (e NO, non importa nemmeno se stesse andando a fare a botte) e un poliziotto che si è sentito un po Gigen di Lupin Terzo ha sparato contro di lui, togliendogli la vita senza un motivo reale o apparente. Quindi che piaccia o meno a ideologizzati, anche lui è una vittima dello stato.

E qui veniamo a Carlo Giuliani.. Al di là delle solite retoriche ideologiche, che sopporto ogni giorno di meno, Carlo Giuliani al di là di cosa, perchè, di quanto potesse essere valida o meno la motivazione per cui era lì (che al momento non mi importa) al momento in cui è stato ucciso (evento che di per se è sempre deplorevole, soprattutto dato il modo schifoso in cui alcuni poliziotti si sono accaniti sul suo cadavere, ci tengo a sottolinearlo onde evitare di rispondere a commentatori sempre pronti a fraintendere e giudicare ideologicamente la vicenda) si stava scagliando, e lo testimoniano fin troppi video, contro una camionetta di poliziotti, nel bel mezzo di una guerriglia urbana violentissima, e per quanto possa apparire ingiusto, anche il poliziotto ci tiene chiaramente alla sua vita, e non pretendo di analizzare la sua psiche ma sfido chiunque a non agire così e sparare, anche solamente per spaventare, di fronte alla possibilità di un estintore che ti fracassa il cranio.

Quindi, con tutte queste considerazioni preeliminari affermo con tutta la convinzione possibile che tra i tre casi precedenti (azioni più o meno comuni e sicuramente innocue al momento) ed un tipo che si scaglia contro persone armate con un estintore (che evidentemente non è simbolo di azioni pacifiche) ci sia una bella differenza, e l'inserimento di questa persona in un messaggio così vero rischia di assumere un pericoloso significato retorico e "di parte". Anche perchè direi che in termini di probabilità rischiate di più scagliandovi contro un poliziotto che andando a vedere una partita di calcio o assumendo stupefacenti. Potremmo invece di un caso recente, che fortunatamente non è costato la vita al ragazzo, ma è comunque un emblema di questa tendenza brutale e immotivata di alcuni tutori dell'ordine, quello di Stefano Gugliotta, malmenato e arrestato per resistenze per il semplice fatto di essere stato aggredito da dei poliziotti che "l'avevano scambiato per un altro dato che aveva una maglietta rossa"... Come se portarne una fosse di per se un reato. Nel periodo della banda della Uno Bianca perchè non hanno sparato a tutti i possessori di una Uno Bianca.

Quindi, onore a certe iniziative, ma attenzione alla propaganda: è sempre dietro l'angolo.

Articolo scritto da GGallin - Vota questo autore su Facebook:
GGallin, autore dell'articolo Su Forze Dell'ordine, Vittime E Carnefici. Considerazioni Su Cucchi, Aldovrandi, Sandri E Giuliani
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 

Errata corrige: 1)Potremmo invece di un caso recente= potremmo PARLARE invece 2) dopo Uno Bianca andrebbe un punto interrogativo. Pardon, errori non visti nella rilettura.

Inserito 16 giugno 2010 ore 23:57
 

Grazie! Il tuo articolo é interessante e ben argomentato. Mi trovi d'accordo su tutta la linea. Ci tengo a precisare che non aderisco a nessun orientamento politico. Qui si parla di esseri umani.

Inserito 18 giugno 2010 ore 13:58
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione