Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Tsunami 2004. L' Abitudine Del Ricordo


11 marzo 2011 ore 20:20   di DiCrio  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 353 persone  -  Visualizzazioni: 680

26 dicembre 2004, come non ricordare le immagini di quel tragico evento? Ero a cena, a casa di un’amica di famiglia e la televisione accompagnava le risate e i classici giochi delle feste natalizie.
La mia attenzione fu attirata dall’insieme di scene di persone che piangevano e alberghi di lusso inondati. Pensai inizialmente ad una pubblicità progresso o ad un servizio delle zone del Medio Oriente e invece col passare dei minuti mi resi conto di quello che realmente era successo.

Nei giorni successivi passai buoni minuti su internet a cercare foto e video dell’acqua che sommergeva i palazzi. Era l’elemento, l’immagine che mi aveva colpito. L’acqua che sommergeva i palazzi e gli alberi, dai video amatoriali non si percepiva un’onda veloce e fulminea, ma una grossa massa voluminosa celeste che lentamente e semplicemente passava, distruggeva.


La forza della natura. Molti amici fecero i commenti che le persone che erano sulla spiaggia se l’erano cercata, perché un’onda di 20 metri è difficile da non notare, infatti bagnanti in prossimità del mare morirono proprio perché si fermarono a riprendere o ad osservare.Mi ricordo poi dei giorni successivi, il senso di urgenza e di solidarietà. Nella parrocchia, nella circoscrizione di quartiere, nella sede della mia facoltà universitaria le raccolte di cibo, vestiario, giocattoli, beni di prima necessità. All’università ci fu anche una visita di alcuni angeli blu dell’Unhcr.
Le immagini televisive dell’intervento della Protezione Civile. Ogni programma televisivo e pubblicitario mandava il numero di cellulare o dei conti correnti per inviare aiuti alle popolazioni.

Tsunami 2004. L' Abitudine Del Ricordo

Le scene delle donne, dei bambini e degli anziani rimasti senza casa, privati dei luoghi della loro quotidianità materiale, culturale e spirituale. Mi ricordo tutto questo e poi da quella tragedia i successivi avvenimenti catastrofici naturali. Tra guerre e terremoti, successe anche qualche cosa oltre al dispiacere, subentrò l’abitudine delle immagini e in qualche modo lo spegnersi di quel sentimento di urgenza, di dispiacere. Una donna sofferente in Sri Lanka, una donna sofferente in Medio Oriente per la guerra, una donna sofferente ad Haiti, divennero tutte uguali. E’ l’effetto della troppa mediatizzazone, dell’immagine schiaffo che ti arriva dallo schermo, dai giornali, dal monitor dei computer tramite internet. Quando vivi l’emozione del dispiacere e della solidarietà sull’onda della ridondante e continua immagine mediatica succede questo che con l’obiettivo si spegna anche la nostra attenzione e subentra involontariamente l’indifferenza.

Articolo scritto da DiCrio - Vota questo autore su Facebook:
DiCrio, autore dell'articolo Tsunami 2004. L' Abitudine Del Ricordo
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione