Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Un' Utopia Chiamata Pace


21 marzo 2011 ore 09:09   di alga  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 218 persone  -  Visualizzazioni: 479

L’hanno definita “Odissea all’alba” ma forse sarebbe più giusto chiamarla “l’Iliade di un’utopia chiamata Pace”, il lento ed inesorabile vagabondare di una bandiera dietro la quale sembrano nascondersi solo morte e terrore. L’ennesima risoluzione dell’Onu, non condivisa da tutti, si è trasformata alle 17,45 di un sabato di festa in una drammatica pioggia di missili intelligenti che hanno illuminato a giorno il tramonto della terra libica e di un sogno vanamente abbracciato dall’intera umanità.

In queste drammatiche ore in cui il brusìo degli aerei e il frastornante risuonare delle bombe sono tornati a farla da padrone, ci si chiede quale sia il vero scopo della politica, della conciliazione, di continui fiumi di parole troppo spesso inutili e prontamente soverchiati dalla mano armata dei Signori della Morte.


Il mondo, o almeno una parte di esso, è in guerra contro il truce e sanguinario Gheddafi, il despota che fino a ieri non pareva così pericoloso e bellicoso; anzi, per qualcuno era pure un “amico” da osannare e di fronte al quale era necessario genuflettersi nel nome del vil denaro e degli interessi.

Ora no, non più. In difesa di un popolo da lui stesso dilaniato , si alzano i nostri aerei portatori di pace, se mai pace possa esistere sotto continui ed incessanti bombardamenti. Francia, Inghilterra e Stati Uniti si ritrovano di nuovo fianco a fianco come in Iraq, come in Afghanistan, come in tutte quelle terre dove lo straziante grido di aiuto si alza, inascoltato, verso il cielo.
Viene però il dubbio, pensando a quelle tante popolazioni sterminate da dittatori sanguinari, che ci sia pace e pace, e che i Signori della Morte intervengano solo dove esistono interessi concreti, si chiami esso petrolio o altro bene prezioso.

Un' Utopia Chiamata Pace

Ci sono terre africane (e non solo) dove nessuno si sogna di porre piede, dove le risoluzioni dell’Onu non arrivano, dove il silenzio dell’informazione è più subdolo e violento delle stesse armi del nemico.

E l’Italia ? Il paradosso nostrano è qualcosa di avvilente, tra politici che non perdono occasione per litigare ed attese che sanno tanto di “Vediamo come va, poi forse interveniamo”. Poi, forse spinti dalla paura di perdere le conquiste economiche mercanteggiate con il truce dittatore, eccoci pronti a fare la nostra parte, fors’anche per difendere un territorio che rischia di essere invaso da migliaia di profughi con il beneplacito di un’Unione Europea a cui siamo totalmente invisi.

Bombardare, dunque, è diventato l’unico modo per imporre la pace ? Far piovere migliaia di missili su vittime inermi già duramente colpite dai loro stessi fratelli è la strada giusta per sanare una guerra civile ? Dove falliscono le diplomazie, subentra la morte, il terrore: e troppo spesso, ultimamente, al suono delle parole si sostituisce il terrificante rumore di una mitragliatrice.

Che Dio ci aiuti, se un Dio che pare distratto ancora ha tempo e voglia di sprecare le sue energie per questo inaccettabile genere umano.

Articolo scritto da alga - Vota questo autore su Facebook:
alga, autore dell'articolo Un' Utopia Chiamata Pace
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione