Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Università, Qualche Ateneo Rischia


19 ottobre 2010 ore 16:23   di lorenzo91  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 284 persone  -  Visualizzazioni: 571

Lo ha detto stamane in tv il Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca. «La riforma slitterà di soli due mesi» ha affermato Mariastella Gelmini, «ed è ora di farla, il mondo accademico ha bisogno di un profondo cambiamento che lo possa mettere in allineamento con il resto d’Europa».

E su la legge economica di bilancio proposta da Tremonti, il Ministro rassicura: «Si troveranno i soldi, l’università ha bisogno di fondi ma non di assunzioni di massa». La parte più inquietante del suo discorso riguarda l’eventuale chiusura di qualche ateneo, che a detto della Gelmini potrebbe essere in gravi situazioni finanziare. La soluzione proposta dal ministro è la fusione di alcuni atenei in modo da riorganizzare l’offerta didattica. Di fronte all’arretratezza degli atenei nazionali di fronte al resto del mondo evidenziate dalle classifiche inglesi, ha spiegato: «Non è un problema di fondi, casomai di regole».


Secondo la classifica redatta qualche settimana fa dalla compagnia Qs soltanto La Sapienza di Roma e l’Università di Bologna (la più antica del mondo occidentale!) rientrano nelle prime 200 posizioni. Il Politecnico milanese solo 295esimo e l’ateneo di Pisa 300esimo. Sull’argomento ‘Università’ molto caldo in questi giorni per via degli scioperi, è intervenuto anche il Presidente della Repubblica che si dice preoccupato quanto gli studenti. Napoletano invita a «fatti, non parole per la ricerca e per l’alta formazione». Ha poi aggiunto che c’è necessità di una riflessione dalle forze politiche e sociali sulle priorità che finora sono state date all’università.

Articolo scritto da lorenzo91 - Vota questo autore su Facebook:
lorenzo91, autore dell'articolo Università, Qualche Ateneo Rischia
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione