Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Arriva L' Auto Che Va A Urina. Rivoluzione Nei Motori?


2 dicembre 2013 ore 10:52   di KungFuGirl  
Categoria Auto e Moto  -  Letto da 4752 persone  -  Visualizzazioni: 5222

Stanchi dei continui rincari del carburante? Non ne potete più di dover pagare, con ogni pieno, tasse, balzelli ed accise anche per eventi avvenuti oltre 50 anni fa? Sognate un’energia pulita a basso costo e auto che non inquinino? State allegri, un imprenditore sardo ha messo a punto e perfezionato un sistema di alimentazione che promette di rivoluzionare il mondo delle auto.

Presentato nel corso di un convegno organizzato da Legambiente, questo innovativo sistema di alimentazione, interamente frutto della genialità italiana, altro non è che un biocarburante ricavato dall’urina umana. In poche parole: dal momento che ciascuno di noi fa pipì più volte al giorno, perché mai lasciar andare sprecata una simile risorsa? Meglio trasformarla in biocarburante ed utilizzarla per far circolare la nostra automobile!


Dopo la Toilet Bike giapponese, la motocicletta funzionante a pupù di cui avevo scritto qui su Paid To Write, ecco dunque l’automobile che funziona a pipì. Ma Franco Lisci, questo il nome dell’imprenditore che ha perfezionato l’idea del carburante a base di urina e l’ha già sperimentata in varie parti del mondo, è andato oltre: ha infatti realizzato due differenti tipi di motore, perfettamente a norma di legge; uno serve per i mezzi di trasporto – automobili, dunque, ma anche camion, furgoni, imbarcazioni… - mentre l’altro è per uso domestico e permette di far funzionare a pipì le lampadine di casa, il computer, il ferro da stiro, gli elettrodomestici e l’impianto stereo.

I motori potrebbero funzionare con un’alimentazione al 100% di pipì, ma dal momento che questo sarebbe illegale per lo Stato italiano, il quale prevede soltanto l’uso di additivi, Lisci e la sua equipe hanno realizzato dei trasformatori che consentano di usare nel motore delle automobili l’urina come additivo ed i risultati in termini di risparmio economico sarebbero più che incoraggianti: secondo quanto dichiarato dallo stesso Lisci, infatti, su un’auto a benzina c’è un risparmio del 35%, che arriva fino al 60% su un’auto a gasolio e addirittura dell’80% su un’auto a gas. Strabiliante anche il risultato su imbarcazioni e pescherecci, che arrivano a risparmiare il 65%.

Arriva L' Auto Che Va A Urina. Rivoluzione Nei Motori?

Al termine del processo, poi, l’urina diventa acqua di pozzo, utile per irrigare e ricca di sostanze preziose per la terra. Un ciclo virtuoso a zero sprechi, insomma, che garantirebbe risparmio economico e al tempo stesso la salvaguardia dell'ambiente. Ma se la nostra pipì quotidiana non dovesse bastare? Nessun problema: è possibile utilizzare urina animale, come quella degli allevamenti di pecore ad esempio.

Articolo scritto da KungFuGirl - Vota questo autore su Facebook:
KungFuGirl, autore dell'articolo Arriva L' Auto Che Va A Urina. Rivoluzione Nei Motori?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • lucluc
    #1 lucluc

Articolo interessante che premia la genialità italiana. Speriamo che questa invenzione non venga messa a tacere per compiacere le ricche - e inquinanti - compagnie petrolifere.

Inserito 10 dicembre 2013 ore 09:46
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Auto e Moto
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Auto e Moto
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione