Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Ferrari. A Parigi Una California Evoluta


6 settembre 2010 ore 22:54   di salegrosso  
Categoria Auto e Moto  -  Letto da 517 persone  -  Visualizzazioni: 808

Come per tutte le Case automobilistiche anche Ferrari sta guardando con attenzione al contenimento dei consumi di carburante (e quindi di emissioni inquinanti).

Le prime indicazioni in tal senso furono la F430 alimentata a E85, miscela benzina-etanolo e la 599 GTB con tecnologia ibrida. Due begli esempi di tecnologia applicata al non facile compito di coniugare massime prestazioni motoristiche e controllo dei consumi, ma che non avevano una reale ricaduta nella produzione di vetture di serie, per lo meno a breve termine.


Ora Ferrari ripropone il tema, preparando però una vettura che sommerà una serie di caratteristiche realmente implementabili per una produzione di serie. Al Salone dell'auto di Parigi in programma in ottobre Ferrari presenterà una California con una efficienza incrementata, in grado di rispondere alla richiesta di minor impatto ambientale della società odierna.

Ferrari. A Parigi Una California Evoluta

La California già ora si evidenzia nella produzione di Maranello per caratteristiche uniche; tra le altre, è la prima coupé-cabriolet della Casa, dotata di tettuccio rigido ripiegabile; è la prima vettura Ferrari ad avere un motore V8 anteriore, dotato di iniezione diretta della benzina a 120 bar e la prima a montare di serie un cambio a doppia frizione con sette rapporti.
Queste ultime due caratteristiche hanno già permesso alla vettura di registrare consumi ben inferiori alle altre sportive di Maranello, ma i tecnici ora hanno fatto di più.

La vettura che sarà presentata al Salone di Parigi sembra sarà dotata di un motore ulteriormente perfezionato, dotato di una tecnologia di disinserimento dei cilindri (in grado di far funzionare il motore ad esempio a 6 o a 4 cilindri, nei percorsi urbani, quelli meno adatti ai motori così sportivi) e di altre innovazioni e migliorie in grado di diminuire sensibilmente le emissioni. Si parla della funzione start&stop, già vista su altre vetture recenti, che permette di spegnere il motore e riaccenderlo rapidamente nelle fermate nel traffico, di sistemi di recupero dell'energia in frenata, simili concettualmente al KERS utilizzato nella Formula 1, l'impiego di materiali compositi in grado di far risparmiare peso ecc.

L'obiettivo della Casa è di migliorare l'efficienza complessiva delle proprie vetture del 30% entro il 2012, un traguardo ambizioso, ma che sembra raggiungibile grazie ai professionisti e alle tecnologie di cui dispone.

Articolo scritto da salegrosso - Vota questo autore su Facebook:
salegrosso, autore dell'articolo Ferrari. A Parigi Una California Evoluta
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • ulisse di bartol..
    #1 ulisse di bartol..

Frodi brevettuali. La tecnologia ibrida doppia frizione con motore elettrico in mezzo è stata ?mutuata? da un brevetto che la Fiat non ha mai voluto acquistare, ma soltanto spudoratamente copiare. Invito e visitare il mio blog dove la ?vitalità? dei progettisti Fiat appare in tutta la sua evidenza: http://propulsoreibridosimbiotico.blogsp ot.com/ Chiunque abbia a cuore una onesta etica industriale in difesa della proprietà intellettuale conosca la storia raccontata nel mio blog. Se le industrie possono permettersi impunemente di copiare le idee in quanto per difenderle occorrono cause costosissime, a cosa servono i brevetti? Come possono i nostri giovani trovare coraggio intellettuale se i potentati economici schiacciano i diritti dei singoli? Se vi accingete a richiedere un brevetto oppure proporlo ad un?azienda, la mia esperienza con la Fiat può esservi utile per muovervi con migliore circospezione. Ulisse Di Bartolomei

Inserito 4 novembre 2010 ore 14:52
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Auto e Moto
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Auto e Moto
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione