Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

La Lamborghini Miura Jota


19 ottobre 2010 ore 23:31   di 1econ  
Categoria Auto e Moto  -  Letto da 691 persone  -  Visualizzazioni: 1453

Quando si dice “Jota” per gli appassionati di tutto il mondo Lamborghini ci si riferisce a Lei. La Miura nella sua massima espressione “inarrivabile”, il mostro sacro, l’araba fenice.

Già parlare di Miura è riferirsi alla supercar per eccellenza, quella vettura nata con il cuore e la passione, con l’audacia e l’innovazione che raramente trovano un equilibrio così aulico. Parliamo del 1966 quando la Miura, all’epoca la più veloce del mondo con oltre 300CV e una velocità di oltre 280km/h, venne inviata a Montecarlo in occasione del Gran Premio. Ebbe immediatamente un successo inaspettato, e dei 50 esemplari inizialmente previsti vennero realizzati negli anni seguenti complessivamente 762 o 763 esemplari, nelle sue varie versioni P400, P400S, P400SV.


Il collaudatore Bob Wallace sviluppò una Miura speciale, alleggerita, potenziata e aerodinamicamente modificata, al fine di trovare il limite massimo di sviluppo della Miura: la Jota. Questo esemplare “prototipo” era sviluppato per essere la massima espressione prestazionale della Miura, il top del top. La Miura Jota è stata successivamente venduta ad un cliente italiano, il quale la distrusse completamente in un incidente stradale; questo esemplare andò quindi perso per sempre.

Alcuni clienti chiesero alla Lamborghini di avere una Jota, motivo per cui in fabbrica vennero trasformate ed allestite alcune Miura, in modo simile alla vettura voluta da Bob Wallace. Tali Miura erano simili, ma non esattamente uguali, a quella originale, che era per lo più un prototipo preparato per le competizioni con oltre 400Cv, e non erano nemmeno uguali tra loro, in quanto non esisteva un kit o una “specifica” Jota, erano realizzate in fabbrica artigianalmente.

La Lamborghini Miura Jota

Quindi si potrebbe dire che la Miura Jota in realtà non esiste più, vengono definite Miura Jota quelle esigue vetture che la fabbrica produsse su richiesta dei clienti. Attualmente sul mercato esistono anche Miura trasformate successivamente al di fuori della fabbrica, che possono essere definite “Jota replica”. La fabbrica negli anni produsse i seguenti esemplari:
- telaio 3850 sostituito con telaio 4683 Jota
- telaio 4088 Jota
- telaio 4860 Jota
- telaio 4910 sostituito con telaio 5113 Jota
- telaio 4934 Jota
- telaio 4990 Jota
- telaio 5100 Jota
- telaio 5084 la Jota di Bob Wallace allegato “J” F.I.A.
- telaio 5090 Jota

La Lamborghini Miura Jota

Inoltre esiste la vettura con telaio 4892 attualmente proposta in vendita, su cui non è dato sapere se sia stata realizzata dalla fabbrica o da una officina, in quanto ci sono opinioni discrepanti relative alla “certificazione”.
La più gloriosa supercar di tutti i tempi, innovativa, sinuosa elegante e sensuale, veloce anche da ferma, nella sua massima espressione ha un solo nome: JOTA.

La Lamborghini Miura Jota

Emiliano Bonacini

Articolo scritto da 1econ - Vota questo autore su Facebook:
1econ, autore dell'articolo La Lamborghini Miura Jota
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Auto e Moto
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Auto e Moto
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione