Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Mercato Auto Italia Febbraio 2011: Pochi Vincitori, Tanti Sconfitti


3 marzo 2011 ore 13:25   di nogoidea  
Categoria Auto e Moto  -  Letto da 580 persone  -  Visualizzazioni: 1250

Il dato totale del mercato è piuttosto sconfortante: febbraio 2011 -20,49%, primi due mesi 2011 (gennaio-febbraio) -20,45%. A guardare i volumi (gennaio febbraio: 325.279 immatricolazioni) sembrano gli stessi dati di inizio 2009 (quando le immatricolazioni furono 324.780), quelli che poi portarono agli eco-incentivi, la cui coda si trascinò fino al primo trimestre 2010.

Se non appariranno dei segnali di miglioramento, ci si potrà attendere uno scenario apocalittico: ovvero un 2010 senza la minima influenza degli incentivi (che come detto contribuirono a mantenere il primo trimestre sufficientemente alto). Un disastro. Non a caso l'UNRAE (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri) prevede un 2011 a 1.850.000 immatricolazioni. Un minimo storico che non si vede da decenni, in Italia.


Per quanto riguarda i gruppi automobilistici in lizza, i risultati di Fiat sono negativi, ma c'è chi sta peggio e non mancano i segnali positivi. In ogni caso le case straniere sono messe meglio (-17,36%), quelle nazionali molto peggio (-27,08%). Vediamo più da vicino i dati dei principali gruppi.

Mercato Auto Italia Febbraio 2011: Pochi Vincitori, Tanti Sconfitti

Gruppo Fiat – Il dato dei due mesi è di -27,32%, sono più di 35.000 le unità perdute rispetto all'anno precedente, nonostante il contributo di Alfa Romeo ( 30,87%, 3.000 unità). Unica buona notizia da Fiat è il sorpasso di Fiat 500 nella Top Ten delle vetture più vendute a danno di Ford Fiesta, che nel bimestre è però sempre terza. A febbraio il podio è quindi tutto Fiat: Punto 10.709, Panda 9.385, 500 6.180. A dimostrazione che i problemi del marchio torinese sono, al solito, nei segmenti medio-altri.

Mercato Auto Italia Febbraio 2011: Pochi Vincitori, Tanti Sconfitti

Gruppo Volkswagen – Grande tenuta del colosso germanico (il cui boss – Piëch – afferma di poter wquadruplicare le vendite di Alfa Romeo, se questa venisse ceduta a VW), che perde solo il 4,96% (2.190 pezzi). In realtà il marchio Volkswagen è a -11,90%, ma AUDI ( 2,39%), Škoda ( 8,66%) e – soprattutto – SEAT ( 24,52%) contribuiscono ad attenuarne gli effetti negativi.

Gruppo PSA: Il gruppo perde il 32,56%, Citroën il 32,82%, Peugeot -32,29%. Grande coerenza, ma pessimi risultati. Con un -29,80% anche Ford entra di diritto nella lista dei vinti. Il calo del modello di punta, Fiesta, è un pessimo sintomo. La perdita del Gruppo GM è limitata al -8,15%, Opel riporta un -4,23% (che di questi tempi, sembra quasi un valore positivo). Il dato di gruppo è inficiato da Chevrolet, le cui performance (-21,91%) sono di poco peggiori di quelle del mercato. Gruppo Renault disastroso: -38,74, Renault -40,93%, Dacia -30,04%. Il Gruppo Toyota è uno di quelli che mantiene le perdite sotto i limiti di guardia: -10,34%. Lexus -12,37%, Toyota -10,32. Gruppo Daimler totale: -2,62. SMART -8,45%, Mercedes 0,58% (segno positivo, per quanto striminzito).

Gruppo Nissan – Molto bene: 14,53%, dato dal marchio Nissan ( 13,94%) - continua l'effetto Qashqai - e Infiniti ( 180%, seppur su volumi infinitesimali). Gruppo BMW – Esce da un anno record e continua a fare bene. BMW 4,51%, Mini 12,42%, totale Gruppo BMW: 6,25%. Questo dimostra che lo sviluppo continuo dei prodotti porta a dei risultati positivi, e che non tutti i costruttori l'hanno capito...

Mercato Auto Italia Febbraio 2011: Pochi Vincitori, Tanti Sconfitti

Articolo scritto da nogoidea - Vota questo autore su Facebook:
nogoidea, autore dell'articolo Mercato Auto Italia Febbraio 2011: Pochi Vincitori, Tanti Sconfitti
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Auto e Moto
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Auto e Moto
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione