Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Riduzione Delle Emissioni Auto: Fiat Conferma La Prima Posizione, Bene L' Italia


22 aprile 2011 ore 10:10   di nogoidea  
Categoria Auto e Moto  -  Letto da 514 persone  -  Visualizzazioni: 1213

Come già successe nell'anno precedente, anche nel 2010 Fiat ha confermato di essere il marchio automobilistico con il più basso livello di emissioni di CO2. E l'Italia figura fra i Paesi più virtuosi d'Europa. Il dato viene pubblicato dalla società JATO Dynamics, leader mondiale della ricerca automotive.

Il livello di emissioni di anidride carbonica (CO2) rilasciato dei motori a combustione dalle autovetture viene misurato in grammi per chilometro (g/Km). L'Unione Europea si è posta un obiettivo di emissioni medie pari a 130g/Km, da raggiungere entro il 2015.


Fiat è stato il primo marchio automobilistico a superare l'obiettivo nel 2009: le emissioni di CO2 medie della gamma Fiat erano pari a 127,8g/Km. Nel 2010 Fiat ha ulteriormente migliorato la propria posizione, raggiungendo l'ottimo risultato di 123,1 g/Km. Al secondo posto troviamo Toyota con 128,2 g/Km (secondo marchio a scendere sotto la barriera dei 130 g/Km), mentre SEAT è terza con 131,3 g/Km.

Riduzione Delle Emissioni Auto: Fiat Conferma La Prima Posizione, Bene L' Italia

L'ottimo risultato del marchio di Torino è stato raggiunto anche grazie al fatto che all'interno della gamma Fiat c'è la vettura con motore a benzina turbo con le più basse emissioni al mondo: Fiat 500 0.9 TwinAir ha un livello di emissioni di solo 92 g/Km (se dotato di cambio robotizzato Dualogic), con un consumo di soli 25 Km/litro.

Riduzione Delle Emissioni Auto: Fiat Conferma La Prima Posizione, Bene L' Italia

Per quanto riguarda la classifica Paesi, solo il Portogallo risponde già ora ai criteri imposti dall'UE (con 127,4 g/Km). Segue un gruppetto di nazioni con un livello di emissioni compreso fra 130 e 135 g/Km, fra cui l'Italia: Francia (130,8 g/Km), Danimarca (131,8), Italia (132,8), Irlanda (133), Belgio (134). Germania, Svezia e Svizzera hanno ancora dei valori medi superiori ai 150 g/Km, evidentemente penalizzati dalla propensione all'acquisto di vetture di grossa cilindrata.

Riduzione Delle Emissioni Auto: Fiat Conferma La Prima Posizione, Bene L' Italia

Fra i marchi meno virtuosi figurano – evidentemente – le vetture sportive. Ma Ferrari – il cui livello di emissioni è pari a 326,8 g/IKm – è il marchio che ha raggiunto il miglior risultato nella riduzione di CO2, in valore assoluto. Il miglior valore in termini percentuali è invece quello di Volvo, passata da 171,2 g/Km a 157,4, con un ottimo -13,8%.

Naturalmente i dati riguardano la vendita di veicoli nuovi: una simile analisi sull'intero parco auto non sarebbe così favorevole al nostro Paese...

Articolo scritto da nogoidea - Vota questo autore su Facebook:
nogoidea, autore dell'articolo Riduzione Delle Emissioni Auto: Fiat Conferma La Prima Posizione, Bene L' Italia
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Auto e Moto
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Auto e Moto
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione