Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

L' Altra Faccia Del Diavolo: Recensione


18 marzo 2012 ore 16:15   di BobMedusa  
Categoria Cinema TV e Musica  -  Letto da 579 persone  -  Visualizzazioni: 1023

Tanto tempo fa, era il 1973 e c’era un solo film di riferimento per un certo argomento: "L’esorcista" di William Friedkin. Un film che da solo brillava nella costellazione del genere Horror, come opera unica nel suo genere, incastonata a metà fra la realtà e l’immaginifico. In breve tempo quella pellicola divenne un’icona e per molto tempo, il tema della possessione diabolica, non fu più indagato dall’industria del Cinema.

Successivamente, col passare tempo le cose si sono evolute e man mano, i film sugli esorcismi sono stati riproposti, dimostrando però di aver ereditato caratteri comuni con altri generi. Un paio di esempi sono abbastanza recenti: "L’esorcismo di Emily Rose" del 2005, ispirato ad una storia reale, segue una struttura tipicamente da film poliziesco/legale dove la narrazione della vicenda avviene a posteriori, seguendo di pari passo il processo al prete che ha eseguito il rito. Cambiamo ancora tipologia di storia quando parliamo de "L’ultimo esorcismo" del 2010, come anche nella serie di "Rec", in cui lo stile è quello del film documentaristico, alla moda di "Blair Witch Project".


Può darsi che sia proprio quest’ultimo carattere, così legato alla realtà, la chiave di volta che sta determinando il rifiorire di questi film basati sugli esorcismi o più in generale sulla figura del Diavolo. È chiaro che, se parliamo di Freddy Krueger della serie di "Nightmare" o del Jason di "Venerdì 13" sappiamo perfettamente che questi sono personaggi immaginari ma se invece parliamo di Satana, o meglio, se tiriamo in ballo l’esorcismo, le cose cambiano, si fa riferimento ad uno spezzone di realtà, a ciò che per davvero accade nel mondo. È infatti una realtà che circa 500.000 italiani all’anno si rivolgono ad un esorcista, anche se non necessario (fonte Adnkronos). Questo significa che, al di là dell’esistenza o meno del Diavolo, il fatto che il tema affondi le sue radici in tradizioni popolari (prettamente cristiane ma non solo) scatena evidentemente nel pubblico, una paura atavica, che riappare dal sottobosco delle credenze religiose e che determina poi il successo al botteghino.

La Insurge, marchio creato appositamente dalla Paramount Pictures, per la realizzazione di film a basso costo, intorno al milione di dollari, dopo il grande successo di "Paranormal Activity" ha deciso di affrontare anch’essa, a modo suo, il tema. La regia è stata affidata a William Brent Bell e si tratta di un film documentaristico, basato su una storia fittizia, con elementi tipici della fiction. L’idea sembra proprio quella di giocare con il sottile filo che collega la realtà quotidiana con il paranormale, facendo sorgere nel mondo dell’era digitale, mostri e superstizioni che l’uomo comune credeva di aver lasciato al Medioevo e che invece riscopre ai giorni nostri.

Sinossi: La protagonista è una donna di nome Isabella Rossi che indaga su di un esorcismo avvenuto nel 1989, in cui fu coinvolta anche la madre, ora ricoverata in un istituto psichiatrico dopo che, nel corso del rito, aveva provocato la morte di tre persone. Nel corso di questa indagine scopre che, la pratica dell’esorcismo, non è un rito ad esclusivo appannaggio dell’istituzione Cattolica, ma che vi sono invece moltissimi soggetti cui, il ricorso all’esorcismo è stato negato. Cosa è accaduto veramente in quella lontana notte del’ 1989, inizia ad affiorare lentamente dal torbido ed Isabella, dovrà fare affidamento a tutta la sua fede e ai suoi nervi per arrivare in fondo e scoprire la verità.

Articolo scritto da BobMedusa - Vota questo autore su Facebook:
BobMedusa, autore dell'articolo L' Altra Faccia Del Diavolo: Recensione
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 

ottimo articolo. complimenti

Inserito 19 marzo 2012 ore 08:42
 

Grazie Mille Ascii. Il cinema è la mia passione e presto preparerò altre recensioni

Inserito 19 marzo 2012 ore 10:08
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione