Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Batteristi Per Batteristi... Chi Dobbiamo Ascoltare!


26 novembre 2013 ore 17:38   di Nicola_Attianese  
Categoria Cinema TV e Musica  -  Letto da 861 persone  -  Visualizzazioni: 1365

Dopo il mio precedente articolo su come scegliere una batteria acustica ho deciso di stilare una classifica di quelli che sono, a mio parere, i batteristi da ascoltare assolutamente se si vuole realmente approcciare a questo fantastico strumento. Di batteristi bravi ce ne sono a migliaia, ci sono quelli tecnici, quelli veloci, quelli rudi, quelli dal tocco leggero, ma cosa rende però un batterista davvero unico e soprattutto riconoscibile universalmente?

Senza ombra di dubbio per un neo-batterista rispondere a questa domanda non è semplice perché abituare l’orecchio alle variazioni di suono non è un processo da poco, richiede tanto tempo passato a suonare, ma soprattutto ad ascoltare musica e per musica intendo quella vera.


Un batterista diventa unico quando porta qualcosa di suo allo strumento, quando questo diventa un’estensione del suo corpo, quando una canzone non funziona allo stesso modo senza il suo contributo. Magari questo tipo di discorso è più comprensibile dai "profani" se applicato ad altri tipi di musicisti come chitarristi o pianisti poiché le variazioni melodiche di questi strumenti sono più facilmente percepibili, anche da chi non ha un orecchio propriamente allenato.

Il batterista che per primo mi sento in dovere di dover citare è sicuramente John Bonham, il famigerato batterista dei Led Zeppelin. Non dotato di una grandissima tecnica e soprattutto non quello che si può definire un batterista "pulito", Bonzo, come viene spesso ricordato, aveva un tocco unico, quasi fastidioso per la sua pesantezza ma sicuramente il più innovativo del tempo. Morto a 32 anni, ha lasciato un vuoto incolmabile nella mondo della musica di tutti i tempi diventando al contempo un vero e proprio punto di riferimento per tutti e dico tutti i batteristi del mondo. Usava batterie Ludwig Classic Maple USA e un rullante Supraphonic, inoltre è stato uno dei pionieri nell'utilizzo delle Vistalite (metacrilato) e a lui la Ludwig oggi ha dedicato set di batterie con il suo nome.

Batteristi Per Batteristi...  Chi Dobbiamo Ascoltare!

Buddy Rich, un nome che ricorda come sia possibile che in un solo uomo si possano racchiudere tante qualità musicali: velocità, creatività e potenza. Uno dei nomi di maggior spicco nell’albo d’oro dei migliori batteristi di tutti i tempi dal momento che molti dei migliori si sono ispirati a lui, per citarne alcuni: Steve Gadd, Jojo Mayer, Billy Cobham e lo stesso Bonham. Rich usava batterie Slingerland.

Batteristi Per Batteristi...  Chi Dobbiamo Ascoltare!

Un altro batterista da ascoltare in quanto è un esempio vivente di come una linea di batteria possa condizionare la canzone a cui appartiene è sicuramente Chad Smith (Red Hot Chili Peppers; Chickenfoot). Smith è un batterista unico per il suo modo di approcciarsi alla batteria facendone uno strumento protagonista all’interno di ognuno dei pezzi che suona. Icona della musica funky, Chad Smith è da ascoltare assolutamente per il suo suono potente e profondo. Chad Smith usa batterie Pearl Masters Series in acero, la pearl gli ha deticato anche un rullante che lui stesso usa.

Batteristi Per Batteristi...  Chi Dobbiamo Ascoltare!

Infine mi sento in dovere di dover citare un asso della musica prog è Neil Peart che con i suoi enormi set multi percussioni insegna a tutti che la commistione tra un’elevatissima tecnica e un’infinita creatività. Influenzato da hard rock e musica tribale i suoi soli e i suoi tempi composti sono un piacere per chi ascolta. Peart usa batterie DW Collector's accuratamente personalizzate e pad elettronici Roland, KAT e Dauz.

Batteristi Per Batteristi...  Chi Dobbiamo Ascoltare!

Auguro Buon ascolto a chiunque intenda diventare un vero batterista.

Nicola Attianese

Articolo scritto da Nicola_Attianese - Vota questo autore su Facebook:
Nicola_Attianese, autore dell'articolo Batteristi Per Batteristi...  Chi Dobbiamo Ascoltare!
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione