Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Benigni Al Festival Di Sanremo - Storia D' Italia Sul Palco!


17 febbraio 2011 ore 23:54   di pauleta  
Categoria Cinema TV e Musica  -  Letto da 456 persone  -  Visualizzazioni: 664

Arriva al galoppo di un cavallo bianco che porta alla memoria una scena famosissima del suo capolavoro "La Vita è Bella" (achtung cavallo ebreo), e quasi scivola su uno dei gradini. Sventola il tricolore come nei quadri del risorgimento italiano.

Eccolo poi abbracciare Gianni Morandi, e si comincia con la satira politica ; con Bersani descritto come troppo placido e accondiscendente. Poi per par condicio qualche battuta sull'immancabile Ruby Rubacuori e Berlusconi, la satira si conclude qui.


Il monologo è incentrato sull'identità nazionale: inno di mameli, bandiera e storia dell'italia tramite aneddoti più o meno romanzati. Benigni si concentra sulla storia del nostro paese, per rafforzare quel sentimento, che tra voglia di federalismo e Lega, stiamo dimenticando.

"L'amore per la patria è un sentimento eterno, i patrioti sentivano di lottare per qualcosa di eterno".

"L'italia era il corpo più bello del mondo ed è stato saccheggiato"

"L'allegria appartiene solo a noi, è un termine intraducibile in tutto il mondo"

Benigni Al Festival Di Sanremo - Storia D' Italia Sul Palco!

Benigni Al Festival Di Sanremo - Storia D' Italia Sul Palco!

Ed ecco che comincia la storia dell'inno , tra le figure di Novaro e Mameli, tra marcette ed inni e la tecnica dell'analisi poetica, parola per parola già utilizzata dal comico per la lettura della divina commedia!

Benigni è ispirato e piacevolmente logorroico, cita un pò tutti, Mogol, Battisti, Albano; cita battaglie antiche che hanno visto come protagonista Scipione grazie al quale "non siamo di cultura fenicia", cita i greci, gli imperatori romani.

"Ogni impero che c'è nel mondo, è una pallidissima imitazione di quello Romano".

Continua con l'analisi, " nessun altro posto al mondo ha avuto una storia avventurosa e straordinaria come quella di Roma"; ironizza sull'anti-patriottismo del Bossi Padre e Figlio.

"L'italia è talmente bella che siamo qui a festeggiare i 150 anni, e qualcuno può essere libero di dire NON LA FESTEGGIO "

Benigni continua a parlare di storia, ricorda le frasi leggendarie di Churchill e l'importanza di Mazzini.

Cambia registro, dedicandosi alla bandiera, "i cui colori provengono da Danti alighieri".

Prosegue poi con l'inno, istingando il pubblico ad applaudire ad esso, a coglierne i significati intrinsechi.

L'esibizione di Benigni, prosegue tra continue ripetizioni e facili buonismi, ci si aspettava una satira pungente sul momento storico vissuto dal nostro paese, la solita frizzante ironia colta e tuttavia emozionante: il risultato invece è stata un'esibizione didascalica; una lectio magistralis sulla storia dell'italia, troppo lunga e seria per essere apprezzata.

Articolo scritto da pauleta - Vota questo autore su Facebook:
pauleta, autore dell'articolo Benigni Al Festival Di Sanremo - Storia D' Italia Sul Palco!
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • carla
    #1 carla

macchè lunga e seria, sarei stata altre due ore ad ascoltarlo, sa commuovere con la sua cultura e passione, insegnassero la storia così ai ragazzi!! una lectio magistralis godibilissima ad una maggioranza di italiani che fino a ieri non sapeva il significato di esegesi...

Inserito 18 febbraio 2011 ore 07:43
 
  • Fabio
    #2 Fabio

Cultura!?!? Ma quale cultura? Quell'uomo è ignorante come un bufalo. certo se uno è ancora più ignorante lo vede colto. Per il pesce rosso il coniglio è un genio. Prestazione mediocre da mediocre personaggio, talmente mediocre che infatti piace agli italiani, popolo di vili ed ignoranti.

Inserito 18 febbraio 2011 ore 10:13
 

io credo che benigni sia un uomo geniale e di vasta cultura, ma negli ultimi anni sta tentando di ripetere ( troppo spesso ) il trend fortunato dell'analisi del testo. Preferivo il Benigni di qualche anno fa. Detto questo, ogni commento è ben accetto!

Inserito 18 febbraio 2011 ore 19:09
 
  • capitanoachab78
    #4 capitanoachab78

Benigni dovrebbe ripassarsi la storia! Scipione non era italiano perche` non parlava italiano! L'italia non esisteva come Nazione (concetto che durante l'impero Romano nemmeno era concepito), non esisteva nemmeno una cultura italiana all'epoca! Inoltre Romano non significa necessariamente italiano: erano Romani tutti i cittadini che vivevano dentro i confini dell'impero! Pertanto erano Romani anche i Greci, i Galli (non dico francesi perche` come gli italiani, all'epoca non esistevano), gli iberici (non dico spagnoli perche` all'epoca non esistevano) e via dicendo. Inoltre a differenza di Nazioni quali Francia, Inghilterra e Spagna (forse ce ne saranno anche altre), l'Italia e` nata senza che vi fosse alla base una cultura nazionale che fosse sentita dal popolo. Durante il Risorgimento infatti nessuno si sentiva italiano e a nessuno interessava esserlo se non a una ristrettissima elite di borghesi e intellettuali. Se l'intenzione di Benigni era quella di tirare su il morale agli italiani, doveva semplicemente dire che l'Italia ha una grande storia (il che e` indiscutibile) e non mettersi a fare discorsi di stampo fascista (anche mussolini parlava di Roma antica come fosse l'Italia). Benigni spara meno cazzate la prossima volta!

Inserito 20 febbraio 2011 ore 17:27
 

Premetto che secondo me Benigni è certamente una persona coltissima e preparata! Sono d'accordo con te ... è stato troppo facilone! Se la sua intenzione era quella di darci una visione nuova e più romantica della storia d'italia sarebbe dovuto essere più originale.

Inserito 21 febbraio 2011 ore 17:09
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione