Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Hatsune Miku: La Popstar Che Esiste Ma Non C' è!


25 novembre 2010 ore 18:23   di Luckystar74  
Categoria Cinema TV e Musica  -  Letto da 404 persone  -  Visualizzazioni: 575

Sta destando molto scalpore in Giappone la scalata al successo della nuova pop star nipponica del momento: Hatsune Miku. Le sue canzoni scalano le classifiche, i suoi concerti fanno il tutto esaurito, ma in realtà Hatsune Miku non esiste. O meglio, esiste ma di fatto non c'è!
Non è una bambola, nè un cartone animato, ma è semplicemente il frutto di un esperimento tecnologico, cioè un ologramma: una rappresentazione grafica tridimensionale che vedi ma non puoi toccare.
La realtà virtuale quindi scende fra noi e si materializza dinanzi i nostri occhi bella come una dea, con gambe e capelli blu lunghissimi, immortale e sempre giovane.

Hatsune Miku è nata ufficialmente il 31 agosto 2007 come applicazione vocale del sintetizzatore Vocaloid2 della Yamaha Corporation. Il nome Hatsune Miku significa infatti "prima voce del futuro" e la sua voce è un campionamento della voce originale della cantante ( in carne ed ossa) Saki Fujita. Da allora il successo di Hatsune Miku ha raggiunto dimensioni colossali, tanto che i giovani giapponesi hanno cominciato a vestirsi come lei e a imitare le sue movenze, le è stato dedicato un manga e pure un videogioco! Un fenomeno mediatico e di costume che molti critici sperano rimanga entro i confini giapponesi, poichè sono in tanti a credere che comunque non avrà futuro.
A discapito delle critiche, la casa produttrice Crypton Future Media ha già lanciato sul mercato un software che permette di vedere Hatsune Miku cantare e ballare direttemente a casa. Una pop star tascabile quindi, accessibile a tutti sul proprio computer.


Ma non è tutto: Hatsune Miku si esibisce anche sul palco, dal "vivo", mandando in delirio migliaia di fans che accorrono numerosi ai suoi concerti.
La Crypton Future Media, cavalcando la scia dorata del successo di Hatsune Miku, ha già lanciato altri due personaggi virtuali: Kagamine Rin e Len, entrambi ottenuti sintetizzando la voce della cantante Asakawa Yuu, sia in giapponese che in inglese. Si aprono quindi le porte del mercato internazionale per i nuovi divi virtuali creati in Estremo Oriente: una nuova sfida per i discografici occidentali alle prese con una lotta stavolta non ad armi pari.
Ci si chiede infatti che futuro potranno avere questi avatar del XXI secolo?
Dopo l'entusiasmo iniziale di Second Life, dopo la realtà tridimensionale del 3D dove entri dentro i film, questi cantanti virtuali, questi esserini blu inesistenti, frutto di pura illusione, sembrano già destinati ad una vita breve, anche se intensissima.

Hatsune Miku: La Popstar Che Esiste Ma Non C' è! Hatsune Miku: La Popstar Che Esiste Ma Non C' è!

Un fenomeno commerciale che non ha nulla a che vedere con l' arte e la musica, ma studiato per stravolgere, sorprendere, intrattenere, sbalordire, e congeniato per un profitto immediato che ha già fatto la fortuna della Crypton Future Media.
Nel frattempo aspetteremo l'invasione dei nuovi avatar nipponici, con curiosità e aspettativa, con un sorriso sardonico sulle labbra, pronti a farci travolgere da una voce sintetica...

Articolo scritto da Luckystar74 - Vota questo autore su Facebook:
Luckystar74, autore dell'articolo Hatsune Miku: La Popstar Che Esiste Ma Non C' è!
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • Synergo
    #1 Synergo

Ho studiato a fondo il fenomeno. Ho testato il software "Vocaloid" e devo dire che è eccezionale. I pezzi che Miku canta sono tutt'altro banali o raffazzonati... è musica di qualità molto alta. Diciamo che se un cantautore italiano se ne uscisse con delle melodie del genere, lo sentiremmo girare in radio per almeno 3 anni! Fidatevi, Miku sarà anche finta, ma ha dietro le spalle (olografiche) un team di artisti coi controfiocchi e tecnici skillati fino ai denti!

Inserito 26 novembre 2010 ore 23:56
 
  • Ste
    #2 Ste

Che duri poco è la speranza di molti cantantucoli che gridano al successo quando ai loro concerti ci sono 2000 persone. Hatsune, Megurine e gli altri non hanno motivo per durare poco, è musica non un gioco (costoso) come second life o un'idiozia stile tamagochi. Se la musica e la voce piacciono perchè dovrebebro sparire loro e, ad esempio, Jovanotti e Tiziano Ferro no?

Inserito 29 novembre 2010 ore 14:55
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione