Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

La Rai Censura Il Trailer Del Film Su Silvio Berlusconi


5 marzo 2011 ore 15:05   di firone  
Categoria Cinema TV e Musica  -  Letto da 418 persone  -  Visualizzazioni: 804

Uscirà nelle sale cinematografiche il venti cinque marzo il nuovo film, "Silvio forever", che narra le vicende della vita di Silvio Berlusconi; una specie di biografia non autorizzata scritta da due famosi giornalisti del Corriere della Sera, Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo. La Rai, tramite i suoi legali, ha fatto sapere che non ha nessuna intenzione di mandare in onda lo spot del film, nonostante i produttori della pellicola la paghino per farlo come è giusto che sia.

Ufficialmente nella nota dell' ufficio legale della azienda televisiva di stato c'è scritto che per evitare azioni di risarcimento da parte di terzi per potenziale offesa di persone defunte. In effetti, nel trailer c'è la mamma del premier che parla del figlio e che dichiara, alla fine dei pochi secondi di trailer, che suo figlio non verrà mai fotografato con altre donne.


E' evidente che il motivo della censura del trailer è un altro; si, in effetti una persona ormai morta che parla come se fosse ancora viva, potrebbe urtare l' opinione dei parenti e del pubblico in generale, ma io vedo altri motivi in lontananza, primo fra tutti, le vicissitudini erotico - giudiziarie del Primo Ministro che lo vedono coinvolto da parecchi mesi a questa parte sui giornali in primis e meno nelle aule di giustizia, e poi forse a qualcuno urterebbero più le parole della povera signora Berlusconi e non la sua presenza nel trailer.

A supportare questo mio pensiero il fatto che la Rai si rifiutò già una volta di mandare in onda un trailer di un altro film che parlava di Berlusconi, ovvero Videocracy su e con Fabrizio Corona, e qui non c'era nessuna parente morta! Comunque a giudicare saranno di sicuro gli spettatori con la loro massiccia presenza o meno nei cinema.

Articolo scritto da firone - Vota questo autore su Facebook:
firone, autore dell'articolo La Rai Censura Il Trailer Del Film Su Silvio Berlusconi
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • gaspare
    #1 gaspare

Chissà come mai . . la RAI sta censurando tutto quello che si dovrebbe sapere su Berlusconi . dal Caimano a quest'ultimo ! E poi dicono che Silvio non ha espugnato tutte le TV comprese quelle di Stato ! Come del resto insegnano tutti i Dittatori ci insegnano . . le prime cose di cui ci si deve appropriare ed impadronirsi sono i Media , le TV ed Internet. Cosa che puntualmente si sta già verificando !

Inserito 5 marzo 2011 ore 15:42
 
  • xyz
    #2 xyz

in medio oriente stanno protestando per liberarsi da dittatori e oppressori, noi ci teniamo berlusconi e censuriamo pure i film. andiamo bene

Inserito 6 marzo 2011 ore 21:22
 

Medio oriente e nord Africa. Noi possiamo liberarcene senza bombe e munizioni ( almeno x adesso), basta non votare per la sua lista alle prox elezioni.

Inserito 6 marzo 2011 ore 21:24
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione