Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Luigi Tenco Sempre Ricordato Al Festival Di Sanremo


13 febbraio 2017 ore 13:43   di ellebi31-05  
Categoria Cinema TV e Musica  -  Letto da 82 persone  -  Visualizzazioni: 95

Quando si ha qualcosa in cui si crede e da difendere in qualsiasi contesto è giusto protestare contro chi non la rispetta o le fa torto in qualsiasi modo perché il rispetto dei sentimenti, delle scelte, dei valori altrui deve sempre essere rispettato come deve essere rispettato il meglio di ciò che sanno fare le persone.

Ci sono molti tipi di protesta: pacifica, violenta, verbale, fisica e ce n'è una per la quale, chi sceglie di metterla in pratica, dà tutto perché dà la propria vita, incurante che facendo questo perde tutto e non ha più la possibilità di vedere come sarebbero potute andare le cose in seguito.


Una protesta di questo tipo è stata attuata al Festival di Sanremo del 1967 dal cantautore e attore piemontese Luigi Tenco. Presentò la canzone "Ciao amore ciao" che, arrivando dodicesima su sedici canzoni. fu momentaneamente eliminata ma vi era la possibilità di un ripescaggio affidato ad una commissione ma a questa canzone fu preferita "La rivoluzione" cantata da Gianni Pettenati e Gene Pitney.

Appresa la notizia, Luigi Tenco si ritirò all'Hotel Savoy e venne trovato morto nella sua camera, la numero 219. Aveva un foro di proiettile alla testa. Venne rinvenuto un bigliettino che, dopo varie perizie calligrafiche, fu attribuito a Tenco ed è questo: "Io ho voluto bene al pubblico italiano e gli ho dedicato inutilmente cinque anni della mia vita. Faccio questo non perché sono stanco della vita (tutt'altro) ma come atto di protesta contro un pubblico che manda "Io, tu e le rose" in finale e ad una commissione che seleziona "La rivoluzione". Spero che serva a chiarire le idee a qualcuno. Ciao. Luigi".

Questo bigliettino ha fatto subito pensare al suicidio anche se altre sono state le ipotesi formulate ma nel 2005 il corpo fu riesumato e dopo nuovi esami è stata confermata la morte per suicidio. Aveva quasi 29 anni quando morì.
Penso che fece quel gesto perché sicuramente avrebbe voluto vincere il Festival, cosa certamente bellissima, ma se avesse considerato il fatto che non sempre la vittoria a Sanremo è garanzia di successo della canzone e che magari dopo il Festival sarebbe potuta essere la canzone più suonata dalle radio, più venduta e più amata (perché è veramente molto bella) non avrebbe compiuto quell'infausto gesto. Chissà quante cose belle ha perso, chissà quante canzoni avrebbe scritto e cantato, chissà quanto successo avrebbe avuto.

Di solito quello per cui si nutre passione aiuta a vivere, a superare le avversità, a lottare, a rendere migliore la propria vita e quando la si considera una cosa di vitale importanza si vorrebbe vivere all'infinito per non smettere mai di coltivarla perché dà la felicità che dura per sempre. A volte anche solo per una cosa che si ama fare si rinuncerebbe a tutto il resto ed è questa la cosa più bella perché si è consci del valore che ha per la propria vita, che è la cosa più preziosa che ciascuno ha.

Articolo scritto da ellebi31-05 - Vota questo autore su Facebook:
ellebi31-05, autore dell'articolo Luigi Tenco Sempre Ricordato Al Festival Di Sanremo
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:
Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione