Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Niente Tv Per Chi Bestemmia? Una Regola Che Non Vale Per Tutti


14 aprile 2010 ore 14:07   di michelina90  
Categoria Cinema TV e Musica  -  Letto da 576 persone  -  Visualizzazioni: 964

Una delle regole fondamentali dei format televisivi è questa: chi bestemmia deve essere DEFINITIVAMENTE allontanato dalla televisione e di conseguenza da tutti i programmi televisivi. Chi non si ricorda le bestemmie di Massimo Ceccherini all'Isola dei Famosi, di Roberto detto "il baffo" alla Fattoria, di Guido Genovesi al Grande Fratello 5, di Mirko Sozio del Grande Fratello 8 e per finire le parole contro gli omofobi cattolici di Aldo Busi ? Tutti questi individui sono stati immediatamente espulsi dal programma dopo la bestemmia (ricordo che Aldo Busi non ha bestemmiato ma le sue parole sono state giudicate come violazioni al regolamento) e sono spariti dalla televisione.

Tutti tranne uno, ovvero Massimo Scattarella, ex concorrente del Grande Fratello 10 che, nonostante esser stato esplulso in diretta dopo una bestemmia per settimane ha continuato ad apparire come ospite nelle puntate del Grande Fratello, di Pomeriggio 5 e Domenica 5.


Scattarella non sarà ricordato solo per aver pronunciato una bestemmia, ma per aver fatto un vero e proprio elogio alla mafia durante la settimana di permanenza al Gran Hermano spagnolo. In una discussione con i concorrenti spagnoli e di fronte all'assenso della sua compagna di permanenza Carmela Gualtieri, dalla bocca dall'ex concorrente barese sono uscite queste parole, documentate da un video su youtube che, stranamente, è stato cancellato: "La mafia italiana è una cosa di cuore, i mafiosi sono persone molto intelligenti, hanno in mano tutto: politica, palazzi e città, da noi nasci già con in mano la pistola".

Sentire Massimo Scattarella pontificare sulle doti della criminalità organizzata al Gran Hermano ha fortemente irritato il pubblico che è tornato a criticarlo con asprezza, ma per adesso la tv non ci pensa nemmeno a scartarlo, anzi, continua a comparirein studio, per non parlare della "santificazione" che di lui viene fatta regolarmente in tutti i programmi mediaset soprattutto da Barbara D'Urso: i media lo vogliono, lo cercano, lo DIFENDONO...ma dopo questa è davvero INDIFENDIBILE. Bestemmiare e stimare l'intelligenza mafiosa  è una vera e propria infamità ed equivale a profanare chi di mafia c'è morto o c'ha perso amori e affetti.

E' una vergogna permettere a questo tizio di continuare a comparire in televisione, e poi ci lamentiamo del perchè all'estero l'italiano è visto come un mafioso? Il popolo di Facebook ha creato decine e decine di gruppi che chiedono il totale oscuramento di Scattarella, le vittime della Mafia, tra cui Rita Dalla Chiesa, hanno rilasciato interviste a TV Sorrisi e Canzoni definendo il fatto inaccettabile ma Mediaset non demorde, Pittbul continua a comparire nei salotti televisivi.

I provvedimenti disciplinari per chi si comporta in modo scorretto in televione devono essere applicati a tutti coloro che tengono un atteggiamento non consono alle regole televisive, perchè questa eccezione?

Articolo scritto da michelina90 - Vota questo autore su Facebook:
michelina90, autore dell'articolo Niente Tv Per Chi Bestemmia? Una Regola Che Non Vale Per Tutti
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione