Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Pandorum - L'universo Parallelo


22 agosto 2010 ore 21:18   di Johnfvtc  
Categoria Cinema TV e Musica  -  Letto da 603 persone  -  Visualizzazioni: 991

Siete degli appassionati di fantascienza ma siete rimasti troppe volte scottati da polpettoni inguardabili che vi hanno fatto uscire dalla sala con un'inarrestabile voglia di spaccare la faccia al regista? Bene, in questo caso possiamo dirvi di pagare pure tranquillamente il biglietto, sedervi comodi e godervi un film che non delude. E se non vi fidate (e non temete gli spoiler) potete leggere qui sotto che analisi abbiamo fatto del vostro prossimo spettacolo.

Pandorum è una pellicola che non si perde in velleità infinite e si sviluppa con sapienza basandosi su alcune idee davvero interessanti e riuscendo (incredibile!) a non cadere in un eccesso di ovvietà o banalità cui siamo fin troppo abituati. Siamo in un futuro lontano poco più di un secolo, ci sono circa 26 miliardi di abitanti sulla Terra, le risorse per sopravvivere scarseggiano: nel mentre osservazioni astronimiche identificano un pianeta compatibile con la vita umana e preparano un'enorme missione in pieno stile "Arca di Noè" per colonizzarlo.


L'azione inizia con un risveglio. Il richiamo più immediato è al capolavoro di Ridley Scott "Alien" e le atmosfere successive sembrano quasi un tributo al tenente Ripley ed alle sue disavventure: un membro dell'equipaggio (caporale Bower) esce dal sonno criostatico e non ricorda quasi nulla, se non una serie di utili nozioni tecniche per la riparazione del reattore dell'astronave, evidentemente in avaria. Il suo primo incontro è con Dannis Quaid (tenente Payton), più anziano membro dell'equipaggio a quanto pare vittima dello stesso brusco ed enigmatico risveglio: inizia così l'operazione necessaria a salvarsi la pelle, ovvero attraversare la nave per raggiungere il grosso motore nucleare, "riavviarlo" evitando che muoia definitivamente trasformando il blackout in uno sterminio e vedere un po' cos'è successo.

Pandorum - L'universo Parallelo

Qui entriamo in uno spezzone di Doom (altro sottovalutatissimo bel film). Mentre il superiore resta vicino alla plancia sigillata, l'ingegnere dell'equipaggio inizia un terrorifico viaggio tra cunicoli bui, corridoi semidistrutti e misteriose creature che lo minacciano. Sembra quasi di essere in "The Cube" mentre lo seguiamo collegati via radio con Dennis Quaid e cerchiamo di capire cos'è successo. Un bella fanciulla, attrice tedesca non ancora famosissima di nome Antje Traue, si unisce a Bower nell'impresa, con un gruppo che via via raccoglie qualche sopravvissuto. Nella nave, di 60'000 persone non restano che poche capsule ancora attive: le altre, per lo più, sono state depredate dai mostri cannibali (ne restano insomma poco più di 1200).

E proprio l'idea di questi mostri, che non sono alieni bensì umani "evoluti" è una delle due più belle sottotrame del film, strettamente connessa con l'altra, quella relativa alla sindrome "Pandorum" (qualcuno si ricorda la Event Orizont di "Punto di non ritorno") che ha fatto sì che un solo membro dell'equipaggio potesse creare quell'inferno. Nelle capsule di ibernazione veniva infatti somministrato un liquido genetico evolutivo che favoriva "l'adattamento" al nuovo ambiente, in vista della colonizzazione di Tanis, ma che aveva trasformato in anni i sopravvissuti risvegliati in creature perfette per sopravvivere alle condizioni ambientali proposte. Niente cibo, buio, condotti di aerazione e poco più.

Ci sta anche un goccio di schizofrenia da spazio profondo e la sorpresa finale che rende possibile un lietofine ormai apparentemente impossibile. A chi è piaciuto "Sfera", questo film piacerà ancora di più: davvero uno dei più riusciti esempi di cinema di fantascienza di questo tipo, anche se l'universo parallelo non c'entra proprio niente.

Articolo scritto da Johnfvtc - Vota questo autore su Facebook:
Johnfvtc, autore dell'articolo Pandorum - L'universo Parallelo
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione