Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Recensione Del Film Il Mio Cane Skip


21 febbraio 2017 ore 14:02   di ellebi31-05  
Categoria Cinema TV e Musica  -  Letto da 287 persone  -  Visualizzazioni: 349

Ci sono dei film nei quali ci si può identificare per un motivo o un altro e dai quali si possono ottenere consigli su come risolvere qualche problema che ci affligge e per il quale non riusciamo a trovare una vita d'uscita, una soluzione definitiva che possa far cambiare in meglio le cose.

Un film molto bello, trasmesso nel 2008 su Italia 1 in un pomeriggio d'estate, è "Il mio cane Skip" che mi piacque moltissimo e che racconta una storia vera, dolce e significativa.
È ambientato nell'estate 1942. Willie Morris è un bambino molto solo che ha un padre molto severo il quale ha perso una gamba nella guerra civile e vive anche insieme alla madre Helen. Ha solo un amico, che perde perché va a fare il servizio militare.


Il giorno del suo nono compleanno, tra gli altri regali, riceve un cane a cui decide di dare il nome Skip. Il padre è contrario perché pensa che il figlio sia troppo piccolo per prendersene cura e potrebbe soffrire se gli succedesse qualcosa e così glielo toglie, ma la madre riesce ad avere la meglio sulla decisione finale e lo restituisce a Willie, rendendolo felice.

Il bambino ed il cane crescono insieme e grazie a Skip il piccolo riesce a fare amicizia con la ragazza più carina, con un bambino di colore e con dei ragazzi che precedentemente lo prendevano in giro. Willie attribuisce a quel piccolo cane il merito di essere diventato meno timido e di avere acquisito la sicurezza necessaria per vivere.

È felicissimo di essere ammesso a giocare nella squadra di baseball ma durante una partita nella quale non gioca bene, colpisce Skip il quale scappa e va a rifugiarsi in un cimitero, restando chiuso in un luogo che dei loschi individui utilizzano come deposito illegale di alcolici. Uno di loro lo colpisce con una pala e Skip finisce in ospedale, ma alla fine si sveglia e sta bene.

Recensione Del Film Il Mio Cane Skip

Willie ha il sogno di fare lo scrittore forse perché i libri, quando era solo, gli facevano molta compagnia e così va a studiare in Inghilterra. Skip invecchia ed aspetta il suo ritorno ma muore. Viene seppellito sotto l'albero di casa ed il suo ricordo rimane per sempre nei cuori di tutta la sua famiglia, in particolare di Willie che, dopo essersi laureato diventa giornalista, sceneggiatore e scrittore e gli dedica un libro "My dog Skip" e che è morto prematuramente a 64 anni per insufficienza cardiaca durante il completamento del film il 2 agosto 1999.

La timidezza a volte non consente di vivere veramente e se si trova qualcosa o qualcuno che aiutano concretamente a vincerla e ad aprirsi al mondo ed alla vita è una cosa che sicuramente non si dimentica mai e non importa di cosa si tratti, la cosa fondamentale è il risultato positivo che si ripercuote in ogni campo della vita che diventa migliore e più felice, come non si scordano mai tutte le cose che nei periodi tristi regalano un po' di gioia.

Articolo scritto da ellebi31-05 - Vota questo autore su Facebook:
ellebi31-05, autore dell'articolo Recensione Del Film Il Mio Cane Skip
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:
Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione