Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Roberto Benigni A Sanremo: Un Intervento 'memorabile'


18 febbraio 2011 ore 17:27   di pennettainformata  
Categoria Cinema TV e Musica  -  Letto da 419 persone  -  Visualizzazioni: 928

Fa il suo ingresso all’Ariston su di un cavallo bianco con in mano il tricolore, nella serata dedicata al 150° anniversario dell’Unità d’Italia, e incanta 20 milioni di telespettatori: un vero record. Ieri sera Roberto Benigni, super ospite della 61° edizione del Festival di Sanremo, ha tenuto incollati al video gli italiani con una vera e propria lezione sull’Italia, sul Risorgimento e sul nostro inno nazionale.

Inizia con qualche minuto di puro intrattenimento, in cui evoca il Cavaliere ma senza mai nominarlo direttamente: “arrivo a cavallo anche se è un periodo che ai cavalieri non gli dice tanto bene” e ancora “l’Italia Unita compie 150 anni, è giovane… quasi una minorenne”.


Tra una frecciatina e l’altra al premier, introduce il tema: “Sono qui per parlare esclusivamente dell’Inno di Mameli, perché non ci sono in questo momento altri argomenti salienti in Italia”, e la platea scoppia in una sonora risata.

L’aggettivo che ripete per tutta la serata, a mo’ di tormentone, “memorabile”, scalza in un batter d’occhio lo “stiamo uniti” di Morandi. Un Italia fatta di uomini “memorabili” che hanno fatto un’impresa “memorabile” dando la loro vita per noi, per far vivere noi. Erano tutti ragazzi (Mameli aveva vent’anni, e anche Novaro, il compositore della musica dell’inno, era molto giovane) eppure hanno fatto cose grandi, dice il comico toscano. E si lancia in una vera e propria lezione sulla storia d’Italia prendendo come spunto la lettura del nostro inno.

Lo analizza verso per verso. Spiega il significato di “coorte” (la decima parte della legione romana), e ricorda da dove trae ispirazione il tricolore (la descrizione di Beatrice nel trentesimo canto del purgatorio nella Divina Commedia). “Trovatemi un altro popolo che ha i colori del più grande poeta del mondo” dice il comico “Vogliateli bene a questa bandiera”. Passa di personaggio in personaggio, senza dimenticare le donne del Rinascimento, e spiega per intero l’inno non risparmiando una frecciatina per Bossi e figlio: “Umberto il soggetto non è l’Italia, è la vittoria che è schiava di Roma!”

E poi parla dell’impero romano, di cui ogni altro impero nel mondo non può che essere solo una “pallida” imitazione, e incita gli italiani a rimanere uniti, perché uniti si vince. Il motto dei romani, spiega infatti, era “Dividi et impera” cioè per dominare dividevano, frazionavano e si impossessavano di ogni frammento. “Nessuno ha avuto un’avventura così straordinaria come quella di Roma” dice Benigni con gli occhi di un italiano davvero innamorato del suo paese, “nessuno nel mondo”.

Termina con un augurio, quello di essere felici: “E se la felicità si scorda di voi, voi non scordatevi della felicità”. E dopo una performance di quasi 50 minuti, e aver recitato cantando l’inno, riceve una standing ovation. Meritata diremmo, peccato solo per il cachet stellare che pare essergli stato offerto…

Che sia piaciuto o meno, l’intervento di Benigni è stato certamente un modo per risvegliare le nostre coscienze: "svegliatevi", ha detto lui stesso leggendo l'incipit dell'inno. E speriamo questo suo intervento serva almeno in questo senso.

Qui la prima parte della performance.

Articolo scritto da pennettainformata - Vota questo autore su Facebook:
pennettainformata, autore dell'articolo Roberto Benigni A Sanremo: Un Intervento 'memorabile'
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione