Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Un Filo Disegnato Per Terra Ed Uno Sospeso In Aria: La Finzione Del Cinema E La Verità Del Teatro


16 maggio 2011 ore 10:08   di FrancescoT  
Categoria Cinema TV e Musica  -  Letto da 469 persone  -  Visualizzazioni: 1082

"Il cinema è come camminare su un filo disegnato per terra; il teatro, invece, è come camminare su un filo sospeso in aria!", così parlava, agli inzi della sua carriera, uno dei più grandi attori viventi, Al Pacino. Noi, pigri spettatori, ce lo ricordiamo in grandi film come "Il Padrino", "Quel pomeriggio di un giorno da cani", "L'avvocato del diavolo" e altri, ma come tutti i più grandi, l'attore italo-americano nasce e si tempra a teatro. Quali sono le differenze essenziali tra cinema e teatro?

Come prima cosa io parlerei delle "sensazioni", in riferimento sia al pubblico che agli attori. Diciamoci la veità: non c'è niente di più vero del teatro! E la credibilità di quest'ossimoro ne conferma il significato. Le sensazioni, gli stati d'animo che gli attori di teatro provano mentre recitano sono profondamente condizionati dal carattere dell'unicità. Ogni parola, ogni gesto così diventa irripetibile. E lo stesso vale per il pubblico: nessuno potrà mai vedere lo stesso spettacolo, anche se questo fosse ripetuto innumerevoli volte nella stessa serata. Ogni volta sarebbe qualcosa di nuovo, di diverso. Un film invece è sempre uguale, stagnante nella sua perfezione. Per non parlare poi della ripetibilità: se una scena non viene bene, stop, ciak e si riparte. Ovviamente questo ha i suoi lati positivi: si perde in "verità" ma si guadagna in "perfezione".


Pensiamo a uno dei più grandi film che, a mio parere, siano mai stati girati: "Qualcuno volò sul nido del cucùlo", con il bravissimo Jack Nicholson: è perfetto così com'è, in ogni suo gesto, in ogni suo silenzio. Un'altra differenza fondamentale consiste nella "tecnologia" dell'azione. Nel teatro, se escludiamo luci, musiche, proiezioni e poco altro, tutta la "tecnologia" è affidata alla bravura degli attori. Emozionarsi è l'unico effetto speciale che ci si può aspettare. Il cinema invece, specialmente quello più moderno, punta quasi tutto sulla "tecnologia": illuminanti flashback, magia, suoni, fino ad arrivare al clamoroso effetto 3D. E uno dei prodotti più brillanti di questa condizione è sicuramente "Shutter Island", con l'eccellente Leonardo Di Caprio, in cui follia e lucidità, realtà e finzione si confondono magistralmente. L'unica cosa che è comune sia al cinema che al teatro, è il paradossale rapporto che intercorre tra verità e finzione.

Un Filo Disegnato Per Terra Ed Uno Sospeso In Aria: La Finzione Del Cinema E La Verità Del Teatro

Soffermiamoci un momento sul verbo "recitare": dopo una semplice scomposizione (re-citare), possiamo facilmente accorgerci che vuol dire, in qualche modo, "citare nuovamente", ossia ridire, riportare, ripetere cose già scritte e dette da altri. Proviamo invece a vedere come si traduce "recitare" in inglese, in francese e in tedesco: rispettivamente "to play", "jouer" e "spielen". Curiosamente però gli stessi verbi, diversamente dall'italiano, significano anche "giocare". Vi assicuro che non è un caso! Perchè in fondo nella recitazione non si fa altro che "giocare" con la propria personalità, scoprendo le sue diversissime sfaccettature. Magari "re-citando" cose già scritte e dette da altri, ma questo poco importa. L'attore "gioca" a camminare su un filo disegnato per terra se fa cinema, provando a tenersi in equilibrio per non cadere e quindi per non essere costretto a dover rigirare quella scena; l'attore "gioca" a camminare su un filo sospeso in aria se fa teatro, provando a tenersi in equilibrio per non cadere nel vuoto palpabile del restante palco. Recitare quindi è un gioco, una finzione? Il grande Eduardo diceva:" Nel teatro si vive sul serio quello che gli altri recitano male nella vita!".

Un Filo Disegnato Per Terra Ed Uno Sospeso In Aria: La Finzione Del Cinema E La Verità Del Teatro

Articolo scritto da FrancescoT - Vota questo autore su Facebook:
FrancescoT, autore dell'articolo Un Filo Disegnato Per Terra Ed Uno Sospeso In Aria: La Finzione Del Cinema E La Verità Del Teatro
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Cinema TV e Musica
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione