Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Come Fare Per Vincere La Timidezza


19 giugno 2015 ore 20:53   di ellebi31-05  
Categoria Guide Manuali e How To  -  Letto da 344 persone  -  Visualizzazioni: 646

C'è chi arrossisce, chi ha difficoltà a parlare con le altre persone, chi non riesce ad esporre le proprie idee e chi non ha la capacità di mostrare agli altri aspetti della propria personalità e della propria vita. Di solito si tende a nascondersi, a stare in disparte, a parlare pochissimo o a restare in silenzio, non si riesce mai ad essere sereni e sicuri di sé quando si è in compagnia di altre persone e ci si sente impacciati in qualsiasi contesto di vita. Se si è provato uno o più "sintomi" sopraelencati, la diagnosi è timidezza.

La timidezza di solito è innata, ma a seconda della vita vissuta nell'infanzia e nell'adolescenza, può aumentare o diminuire. Quando si ha un figlio o una figlia timido/a la cosa migliore da fare è quella di abituare gradualmente il bambino a stare in mezzo agli altri bambini e ad adulti di fiducia, a renderlo autonomo nel parlare e nel fare le cose, senza mai sostituirsi a lui. Solo così riuscirà, a poco a poco, a sbloccarsi e a superare la timidezza che inibisce molto nel vivere se non si riesce a superarla. Dicono che per superare la timidezza aiuti molto la recitazione e quindi fare teatro sarebbe importantissimo.
Quando purtroppo nell'età formativa dell'infanzia e dell'adolescenza non si riesce da soli o con l'aiuto degli altri e della vita che si conduce che più chiusa e piena di problemi è più è impossibile vincere la timidezza ci si ritrova ad essere degli adulti molto timidi, è importantissimo adottare una "cura" urgente per sconfiggerla perché la vita e la società di oggi non accettano molto bene la timidezza, in un tempo in cui più sfrontati si è meglio si vive e più si è accettati, al contrario di come era una volta. Oggi una persona timida viene scambiata per una persona fredda ed antipatica, anche se in realtà non è così quando la si conosce meglio. Per vincere gli imbarazzi quotidiani, è fondamentale esporsi gradualmente alle situazioni che creano preoccupazione.


Ecco un programma anti-timidezza stilato da Giorgio Bressa, docente di psicobiologia del comportamento all'istituto superiore Progetto uomo di Viterbo. Metterlo in pratica subito per sconfiggere definitivamente un aspetto di sé che fa soffrire e che inibisce nel vivere la vita:
1. fare una lista delle dieci occasioni che mettono più a disagio: chiedere un'informazione, esporre le proprie idee, opporsi a qualcosa che ci viene richiesto. Ordinare queste situazioni cominciando da quella che crea meno difficoltà e allenarsi a viverla fino a quando non la si affronta con serenità. Quindi passare al livello due. Questo aiuterà a superare i blocchi emotivi e a sentirsi più sicuri di sé perché ci si abitua ad affrontare quella situazione;
2. quando si parla con gli atri, ripetere spesso il pronome "io", evitando espressioni tipo "dicono che", ma dire "io penso che", in modo da far sentire che è una propria opinione;
3. essere sempre prodigo di parole gentili con chiunque (ovviamente sinceri e quando è il caso). Questo aiuta molto affinché gli altri siano più gentili perché il prossimo è a caccia di gratificazioni e ci si sente più sicuri nel parlare con una persona ben disposta nei propri confronti.
4. studiare un argomento per affrontare una chiacchierata (l'ultimo film visto, una notizia del tg, un hobby che si coltiva...) e poi lasciare che la situazione coinvolga. Non scegliere posti bui o isolati ad una festa o in una tavolata e guardare sempre negli occhi il proprio interlocutore mentre si parla con lui/lei;
5. se si deve parlare in pubblico, preparare sempre un compendio di quello che si vuole comunicare e i punti essenziali del proprio intervento. Nel parlare, ma anche nel fare le cose e nell'affrontare qualsiasi situazione, più ci si sente sicuri e meno si vacillerà. La sicurezza si acquista con la preparazione e l'esperienza.

Come Fare Per Vincere La Timidezza

Quando nell'infanzia e nell'adolescenza non si sono avuti suggerimenti, aiuti da parte di altre persone, una vita aperta e socievole e ci si ritrova da adulti ad essere molto timidi è una tragedia perché non si riesce a coltivare rapporti interpersonali e ci si sente fuori luogo in qualsiasi contesto: tutto ciò provoca grandi difficoltà e moltissima tristezza.
La prima "strategia difensiva" che adotta una persona timida sin dalla primissima infanzia e in seguito è quella di esporsi il meno possibile, restare sempre in silenzio, non comunicare le proprie idee, non esprimere le emozioni, cercare di evitare le situazioni che mettono a disagio, che sono moltissime (tutte cose sbagliatissime da fare).
Credo che il primo punto del programma anti-timidezza e cioè fare le cose che ci creano più disagio sia il più difficile da mettere in pratica, ma sicuramente il più efficace ed utile per vincere definitivamente la timidezza. Per trovare il coraggio di affrontare tali situazioni, si deve pensare al fatto che perseverando nel fare quella cosa, prima o poi, non ci creerà più imbarazzo e la faremo serenamente. Raggiungere questo traguardo rappresenterà una crescita e un modo per vivere più pienamente la vita. Fare più volte quello che ci crea difficoltà è l'unico modo per riuscire a sentirci più sicuri e a superare il blocco che abbiamo; se evitiamo continuamente di fare quello che ci crea disagio, non avremo mai la sicurezza nel fare quella cosa e la timidezza aumenterà sempre di più.
La timidezza porta con sé solo una cosa bella: una maggiore sensibilità, ma quando è troppa inibisce moltissimo e fa soffrire. Come tutte le cose, ci vuole un equilibrio.
Quando la timidezza si è manifestata sin dalla primissima infanzia e la si porta con sé anche nell'età adulta è difficile che scompaia del tutto, ogni tanto ci sarà sempre, come lo definisco io che la conosco molto bene, un "attacco di timidezza" che si evince nel parlare, nelle espressioni facciali e nel modo di fare, ed è una cosa normale ma l'importante è che quella timidezza che rimane non sia invalidante ed aiuti solo a vivere con più sensibilità le esperienze e i rapporti interpersonali della propria vita.

Articolo scritto da ellebi31-05 - Vota questo autore su Facebook:
ellebi31-05, autore dell'articolo Come Fare Per Vincere La Timidezza
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione