Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Come Organizzare Un Party Perfetto


21 dicembre 2012 ore 11:08   di Giulia_Scatolero  
Categoria Guide Manuali e How To  -  Letto da 972 persone  -  Visualizzazioni: 1803

Organizzare una festa o una serata divertente con i propri amici non è divertente. Se non si inventa qualcosa di nuovo, si rischia di cadere nella noia e di fare ogni volta le stesse cose. Il problema non si pone se non si è in vena di fare festa, ma semplicemente di quattro chiacchiere. Se la vostra idea è quella allora evitatevi di leggere questo post, che invece è dedicato a chi vuole una serata un po' stravagante.

Elemento essenziale di un buon party, è sicuramente la musica. Prima cosa da fare, quindi è individuare, all'interno del gruppo, la persona che ha maggiore cultura musicale e soprattutto ne sappia di qualunque genere, compresa la musica anni '60 e '70 che quando si è un po' brilli, piace sempre. Il consiglio è di realizzare almeno quattro playlist differenti: musica lounge per il momento in cui si arriva e si mangia, di modo che si riesca a parlare senza dover urlare; musica da ballare, mischiando dance pura a techno alla house e all'elettronica per accontare i gusti di tutti; musica più leggera, pop per il momento dei giochi; infine, musica lenta o anni '60 e '70 per la fine del party.


Secondo elemento, è sicuramente il cibo che si propone per la serata: soprattutto se si è in tanti conviene preparare stuzzichini che richiedano il meno possibile l'utilizzo di posate (quello che gli americani chiamano "Finger Food"), dal momento che molti magari non troveranno posto a sedere o proprio non avranno voglia di farlo. Se siete disposti a spendere qualcosina in più e sapete che può piacere, potete anche sbizzarrirvi preparando del sushi (se il vostro budget è ridotto, puntate sul salmone che costa meno e varaite con gli abbinamenti avocado, philadelphia, maionese,...)

Ultimo elemento fondamentale, sono i giochi alcolici che proponete. Uno molto diverte si chiama Edward Fortyhands (ispirato ad Edward Mani di Forbice). I partecipanti devono attaccare alle proprie mani due bottiglie di alcolici usando del nastro adesivo. Nella versione originale, le bottiglie sono da 40 once ciascuna di quì il "Fortyhands". Vince il giocatore che finisce prima di bere le due bottiglie. Soprattutto però vi divertirete a vedere i giocatori che tentano di togliersi le bottiglie per andare in bagno, rispondere al cellulare o fumare una sigaretta senza che vi rischiano per via dell'ubriachezza.

Articolo scritto da Giulia_Scatolero - Vota questo autore su Facebook:
Giulia_Scatolero, autore dell'articolo Come Organizzare Un Party Perfetto
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione