Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Come Riconoscere Un Ufo


22 agosto 2011 ore 14:04   di xonya  
Categoria Guide Manuali e How To  -  Letto da 1177 persone  -  Visualizzazioni: 2193

Ogni anno in Italia vi sono migliaia di avvistamenti UFO ma ciò non significa necessariamente che tutti questi oggetti siano delle astronavi provenienti da altri mondi. La maggior parte delle volte chi dice di aver visto un UFO lo fa in buona fede perché ha visto realmente un oggetto nel cielo ma non è riuscito a capire che cosa fosse. Per questa persona l’oggetto è quindi a tutti gli effetti un UFO: un Oggetto Volante Non Identificato. Molte volte questo UFO può diventare un IFO, acronimo di Identified Flying Object, cioè Oggetto Volante Identificato. Vediamo quali sono i principali oggetti che potrebbero trarci in inganno.

Aerei ed elicotteri
Gli aerei hanno delle luci fisse posizionate in modo da consentire a chi li osserva di avere un'idea delle loro dimensioni. In particolare troviamo una luce rossa sull'ala sinistra, una verde sull'ala destra e una di colore bianco sulla coda. Queste luci sono disposte in modo da poter vedere sempre almeno una delle tre e sono chiamate luci di navigazione.
Si ha poi una luce intermittente (che può essere anche rotante) generalmente di colore rosso. Questa deve essere accesa anche di giorno e serve per rendere l'aereo visibile da lontano anche in caso di cattive condizioni atmosferiche.
In fase di decollo e di atterraggio sono presenti due ulteriori luci stroboscopiche posizionate sulle estremità di ogni ala.


Anche gli elicotteri possiedono tre luci di navigazione disposte come sugli aerei, mentre ulteriori luci lampeggianti bianche o rosse possono essere disposte sulla coda oppure al di sotto del mezzo. Alle volte la particolare posizione di questi mezzi fa sì che si vedano solo certe luci rischiando di far confondere le idee all'osservatore.

Satelliti
Attorno al nostro pianeta orbitano oltre 13.000 satelliti artificiali. Questi si rendono visibili nel cielo perché riflettono la luce del Sole. Nel cielo li vediamo percorrere una traiettoria rettilinea nella sfera celeste lungo la quale la loro luminosità aumenta via via fino a raggiungere un massimo per poi scomparire di nuovo.
I satelliti possono raggiungere luminosità notevoli (anche superiori alla stella più luminosa del cielo, Sirio). I più spettacolari sono gli Iridium, satelliti per le telecomunicazione che sono dotati di tre antenne piatte e riflettenti come specchi. Quando queste antenne riflettono la luce del Sole si ha un Iridium Flare: il satellite compare per pochi secondi aumentando fortemente la sua luminosità e scomparendo altrettanto rapidamente.
Un altro oggetto artificiale molto brillante è la Stazione Spaziale Internazionale.

Se avvistate un oggetto che potrebbe essere un satellite segnatevi l'ora esatta, la posizione e il luogo dell'avvistamento. Potrete verificare cosa avete visto grazie al sito internet calsky.com tramite il quale si possono calcolare i passaggi di tutti i satelliti.
Prima di calcolare i satelliti visibili ad una data ora assicuratevi di aver impostato sul sito la vostra posizione esatta in quanto nel caso dei satelliti talvolta anche pochi chilometri di distanza bastano a far variare posizione nel cielo e luminosità.
La luminosità dei satelliti (e di tutti gli oggetti nel cielo) viene detta magnitudine ed ha una scala nella quale i numeri più bassi indicano le luminosità più alte. Nelle mappe generate da calsky.com si possono vedere le traiettorie dei satelliti tra le stelle. La dimensione degli astri sulla mappa è proporzionale alla magnitudine e si possono ottenere informazioni più dettagliate passando con il mouse sopra di essi. In questo modo potrete confrontare la luminosità del satellite con quella delle stelle vicine.

Nell’immagine seguente la mappa generata da calsky.com per il passaggio di un satellite Iridium che supera la magnitudine -5 (una magnitudine negativa indica che l’oggetto è molto luminoso):

Come Riconoscere Un Ufo

Pianeti
È capitato che qualcuno scambiasse per UFO addirittura dei pianeti. Clamoroso il caso del signore finito su Striscia la Notizia perché credeva che Giove fosse un'astronave aliena.
In realtà probabilmente l’unico pianeta su cui si potrebbe avere qualche dubbio è Venere il quale è molto luminoso e spesso si può osservare all’alba o al tramonto quando non è ancora visibile nessun altro astro nel cielo.
Se avete dubbi di questo tipo il consiglio è di scaricare un software planetario (ad esempio Stellarium, che è gratuito ed intuitivo). Attraverso questi programmi, potrete sapere sempre che cosa state osservando nel cielo.

Bolidi
Difficilmente qualcuno non saprebbe riconoscere una stella cadente, tuttavia ogni tanto queste meteore possono avere dimensioni maggiori e quando entrano nell'atmosfera bruciano più a lungo mostrando una colorazione spesso verdastra e lasciando dietro di sé una scia di fumo ben visibile. Meteore di questo tipo prendono il nome di bolidi e possono anche frammentarsi, seguire traiettorie non rettilinee e produrre dei rumori. Ogni tanto si riesce pure a distinguerne il nucleo.

Come Riconoscere Un Ufo

Lanterne cinesi
Le lanerne cinesi sono lanterne di carta che quando vengono accese si alzano in volo come delle piccole mongolfiere. Furono sviluppate nel III secolo a.C. come mezzi di segnalazione e attualmente vengono utilizzate in feste e cerimonie. In questi casi spesso centinaia di lanterne vengono accese contemporaneamente.
Se vedete una luce simile ad una candela che sale lentamente nel cielo e si sposta sospinta dal vento probabilmente state osservando una di queste lanterne.

Fenomeni atmosferici insoliti
Vi sono molti fenomeni atmosferici naturali che producono luci particolari.

Famose sono le luci di Hessdalen, che si creano in una valle in Norvegia. Si tratta di luci bianche o gialle che possono rimanere ferme o fluttuare sopra il terreno. Alcune possono durare anche per più di un’ora. Queste luci erano molto frequenti negli anni ‘80, adesso si vedono una ventina di volte all’anno. Luci analoghe sono state registrate anche in altri luoghi della Terra.
Una spiegazione scientifica certa riguardo questo fenomeno non c’è. Le ipotesi proposte comprendono particolari processi di combustione di elementi rari presenti nella valle, fenomeni piezoelettrici o fenomeni legati alla fisica dei plasmi.

Un altro fenomeno insolito è quello dei fulmini globulari. Essi sono delle sfere di luce di dimensione variabile che possono essere sia ferme che in movimento. Anche in questo caso la scienza non ha ancora spiegato del tutto il fenomeno ma si pensa che si tratti di una combinazione di fenomeni chimici ed elettromagnetici.

Abbiamo visto che ci sono molti fenomeni che un occhio inesperto potrebbe scambiare per UFO. Ma cosa fare se effettivamente vedete qualcosa che non rientra in tutte le categorie precedentemente elencate? Il consiglio è quello di segnalare l’avvistamento al Centro Ufologico Nazionale. In questo modo essi potranno catalogare ciò che avete visto e confrontarlo con altri avvistamenti. Solo creando una buona banca dati degli avvistamente si può tentare di indagare il fenomeno in modo serio.

Articolo scritto da xonya - Vota questo autore su Facebook:
xonya, autore dell'articolo Come Riconoscere Un Ufo
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione