Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Come Scrivere Una Tesi: Piccoli Consigli Per Non Perdere Tempo


14 ottobre 2012 ore 15:46   di Giulia_Scatolero  
Categoria Guide Manuali e How To  -  Letto da 693 persone  -  Visualizzazioni: 1339

Scrivere una tesi di laurea, che sia triennale o che sia magistrale, è sicuramente un arduo compito. Solitamente, si tratta, infatti, della prima vera volta in cui ci si ritrova davanti ad un foglio bianco (di word) e occorra riempirlo. Purtroppo, si sa non tutti i professori sono relatori perfetti e gran parte del lavoro quindi spetta allo stesso studente, che essendo inesperto può perdere molto tempo.

Eccovi dunque alcuni consigli pratici per velocizzare il vostro lavoro. Partiamo dal fronte relatore. Scegliete un professore che già conoscete: saprete già la sua velocità di risposta alle email e perché no anche alcuni punti forti e deboli, idee ed opinioni su temi che possono sembrare non inerenti alla tesi, ma che molto spesso invece lo saranno. Una volta scelto, presentategli il progetto della vostra tesi in modo completo: sviluppate quindi un abbozzo di scaletta. Cogliendovi impreparati potrebbe rifiutare la vostra proposta. Sin dal primo incontro puntate a raccogliere più informazioni possibili: libri, siti internet utili, film piuttosto che trasmissioni televisive o radiofoniche. Se ve ne suggerisce poche perché in quel momento, avendo appena conosciuto il tema della dissertazione, non gliene vengono in mente altri, non demordete: lasciate passare 3/4 giorni e scrivetegli un'email. Tale lasso di tempo è il massimo che dovete lasciare trascorre prima di ricevere una risposta alle vostre domande: stategli addosso, hanno molto lavoro da fare, ricevono molte email, ma voi dovete laurearvi e non potete perdere tempo. Se il vostro lavoro va avanti e sono già un paio di mesi che conoscete il vostro relatore, potete anche provare a chiedergli un numero di cellulare, assicurandogli però che lo useret soltanto ed esclusivamente per vere e proprio emergenze.


Sul fronte tesi, molti i libri che esistono in commercio. Tra questi il più completo, schematico e quindi utile si intitola Introduzione elementare alla scrittura accademica di M. Cerruti e M. Cini. Tra le chicche che il volumetto riserva, le indicazioni per la formattazione, uno fra i nemici più difficili per i tesisti. Il modello più diffuso di formattazione resta comunque l'utilizzo del Times New Roman come font, carattere 12 e 10 rispettivamente per il testo e per le note di contenuto. Il testo va sempre giustificato, e occorre impostare un'interlinea di 1,5, nonché far rientrare le prime righe di 1 cm. Infine, per quanto riguarda i margini, per tutti, superiore, inferiore, destro e sinistro, bisogna impostare 3 cm, mentre per la rilegatura 1 cm.

Ultimo accorgimento per quanto riguarda la bibliografia. Fatela man mano che scrivete: recuperarla una volta terminata la tesi vi farà perdere un mucchio di tempo. I metodi come si sa sono due: italiano e americano. A meno che non facciate una tesi in lingua inglese ed incentrata su materie o studi angolofoni scegliete il primo, che è anche il più facile da consultare: per ogni riferimento la nota è apposta a fondo pagina, quindi durante la lettura è possibile sapere subito la fonte di riferimento senza dover andarla a cercare a fondo pagina. La bibliografia può essere suddivisa in capitoli o meno: la prima è nuovamente la modalità che consente una più facile lettura. Infine, se per le note di contenuto avete scelto di affidarvi interamente ad una sola enciclopedia (come Wikipedia) potete comunicarlo all'inizio della bibliografia di modo tale che non dobbiate ripeterlo per ogni nota di contenuto.

Articolo scritto da Giulia_Scatolero - Vota questo autore su Facebook:
Giulia_Scatolero, autore dell'articolo Come Scrivere Una Tesi: Piccoli Consigli Per Non Perdere Tempo
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione