Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Come Studiare Bene Da Autodidatta Una Lingua Straniera


13 maggio 2011 ore 21:00   di BaudelaireInBraille  
Categoria Guide Manuali e How To  -  Letto da 4765 persone  -  Visualizzazioni: 6556

Oggi, l'immagine della torre di Babele e la sua punizione secondo la quale sarebbero nate le lingue del mondo, sembrano solo un ricordo lontano: molti sono gli italiani infatti, che con molto impegno, sono riusciti a studiare ed imparare da soli, ad ottimi livelli almeno una lingua straniera.
L'inglese ovviamente fa la parte da leone, ma anche spagnolo, francese e tedesco, si piazzano con delle buone percentuali, soprattutto a causa della necessità di conoscere queste lingue per accogliere al meglio i turisti che ogni anno affollano il nostro paese. Ma quali sono i segreti per studiare da autodidatti le lingue europee? Vediamoli insieme.

Prima di tutto dobbiamo valutare quale tipo di lingua abbiamo di fronte: in Europa esistono moltissime famiglie linguistiche, alcune delle quali risultano davvero complicate da imparare, per la loro enorme differenza rispetto all'italiano, come ad esempio l'ungherese, il greco, il polacco e il finlandese, mentre altre sono lingue che hanno seguito una formazione in parallelo alla nostra, come ad esempio lo spagnolo e il francese, che riprendono molte strutture latine e che quindi risultano più semplici, per un italiano, da studiare.
E' importante valutare quindi se siamo in grado di prenderci un grosso impegno, e specializzarci in una lingua lontana dalla nostra logica, o invece se preferiamo dedicarci all'apprendimento di un idioma più affine.


Se studiamo da autodidatti, il primo compito sarà quello di procurarci del materiale di base sul quale studiare e qui iniziano le prime difficoltà: molti sono gli strumenti a nostra disposizione, ma dobbiamo saperci muovere, poichè ad esempio, se risulta semplice trovare libri di grammatica spagnola scritti in italiano, non è altrettanto semplice trovare testi italiani riguardo alla grammatica svedese.

Come Studiare Bene Da Autodidatta Una Lingua Straniera

Il consiglio è, se siamo interessati ad una lingua più particolare, di evitare di utilizzare un manuale in una terza lingua (come ad esempio l'inglese) ma di optare per manuali per principianti direttamente nella lingua prescelta (è possibile trovarli su internet), i quali utilizzano immagini e comandi semplici che aiutano fin dall' inizio a far concentrare lo studente sulla materia e la logica della lingua.
Viceversa se abbiamo a disposizione tanto materiale, cerchiamo un unico testo che abbia una bella parte teorica di spiegazione della grammatica ed un eserciziario con le soluzioni, in modo da avere tutto ciò di cui abbiamo bisogno in un solo volume, con un notevole risparmio economico.

Riguardo al metodo di studio, ci sarebbe da scrivere molto, in quanto ognuno deve trovare un compromesso tra i propri obiettivi e le proprie capacità: è inutile studiare 3 ore al giorno affrontando 12 argomenti diversi, poichè alla fine della giornata in mente ne rimarrà forse solo la metà; è invece più saggio fare almeno 2 ore al giorno (in due fasi della giornata) dedicandoci a due argomenti per volta, in modo da capire e assimilare davvero quello che stiamo studiando.

Come Studiare Bene Da Autodidatta Una Lingua Straniera

Un'altra buona norma è quella di integrare alla grammatica, una discreta dose di lessico, cercando di scegliere delle parole inerenti agli argomenti teorici che stiamo affrontando; per fare un esempio banale: se stiamo studiando il verbo essere, potremmo integrare il nostro lessico con i più comuni aggettivi (bello, alto, magro) imparando così come descrivere qualcosa.
Un consiglio però è quello di evitare di imparare a memoria grandi gruppi di parole: a breve termine può anche funzionarie, ma a lungo andare semplicemente tendiamo a dimenticare termini che non leghiamo a qualche evento o ricordo particolare; un buon metodo potrebbe essere, una volta scelto un gruppo di parole, scrivere molte frasi con esse, oppure creare ad alta voce dei piccoli dialoghi utilizzandone il più possibile.

Infine è importante riuscire a valutare il proprio lavoro, prefiggendosi delle mete: sarebbe opportuno almeno una volta al mese, fare un piccolo test di autovalutazione, per revisionare in modo critico quello che effettivamente siamo riusciti ad imparare e ritornare eventualmente sugli argomenti che ci restano poco chiari. Utile a questo scopo sono i tantissimi test reperibili su internet, o gli stessi test riassuntivi presenti in molti volumi di grammatica.
In ogni caso ricordate che gli elementi importanti sono la costanza e la passione; se siete armati di questi, riuscirete sicuramente in ogni obiettivo che vi prefissate.

Articolo scritto da BaudelaireInBraille - Vota questo autore su Facebook:
BaudelaireInBraille, autore dell'articolo Come Studiare Bene Da Autodidatta Una Lingua Straniera
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione