Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Guida Allo Smaltimento Dei Rifiuti Domestici


27 ottobre 2010 ore 16:53   di ideastreet  
Categoria Guide Manuali e How To  -  Letto da 499 persone  -  Visualizzazioni: 922

Attualmente si è diffusa in molti comuni italiani la raccolta differenziata dei rifiuti. L’iniziativa è molto importante per salvaguardare l’ambiente, di cui tutti abbiamo responsabilità e alla quale ora abbiamo la possibilità di contribuire.

La raccolta differenziata si è presentata come un compito piuttosto impegnativo ma seguendo poche semplici regole può diventare assai più semplice gestire. Innanzitutto attenersi attentamente alle istruzioni fornite dall’ente che si occupa dello smaltimento (AMA a Roma, AMSA a Milano, AMIA a Palermo etc), che al momento dell’avvio del servizio incontra il cittadino e fornisce un manuale per facilitare la distinzione dei materiali riciclabili e non riciclabili, e le modalità di smaltimento. Le modalità cambiano, generalmente, da città a città, secondo il gestore di riferimento, ma si può delineare senza difficoltà un memorandum pratico, accessibile da tutti.


A ciascuna famiglia vengono distribuiti sacchetti e/o dei portarifiuti, ciascuno con l'indicazione o del colore a cui la raccolta è destinata. Spariscono, pertanto, in strada i cassonetti generici di colore verde o acciaio. Restano a disposizione solo i cassonetti della raccolta differenziata bianco, blu, giallo etc.
I rifiuti possono essere ritirati a domicilio oppure in apposite zone di raccolta così come indicato, a livello locale, dall’ente ecologico di riferimento. La raccolta può prevedere, secondo la natura deI rifiuti, uno specifico calendario.

La differenziazione diventa più attenta e meticolosa. I rifiuti devono essere suddivisi in questo modo:
- cassonetto bianco: carta, che comprende la grande famiglia del cartaceo non umido: giornali, libri, quaderni, cartone e cartoncino, riviste, materiale pubblicitario e tetrapack. La carta sarà riciclata.

- cassonetto blu: conterrà plastica per imballaggi, polistirolo, flaconi, bottiglie piegate lateralmente o accartocciate dall'alto per ridurne Il volume. Da esse va separata l'etichetta se cartacea, da gettare nell'apposito cestino; il vetro va lavato e asciutto quando non contenga solo acqua; metalli.
E’ bene specificare che alcune città che Milano indicano il sacchetto giallo per plastica e metalli, cassonetto verde per il vetro.
La plastica verrà fusa per produrre altri oggetti in plastica o tessuti. Il vetro sarà sterilizzato e riutilizzato per la distribuzione di prodotti liquidi. Se gettato non integro o in frantumi verrà fuso per produrre nuovi oggetti di vetro.

- umido, cioè scarti di cucina e del giardinaggio (rami tagliati, piante infestanti etc), piante senza terra, fogliame.
Tale tipologia è finalizzata al compostaggio ovvero nella produzione di concimi di origine vegetale.

- I farmaci scaduti, i disinfettanti vanno gettati negli appositi cassonetti nei pressi delle farmacie o consegnati nei Centri di Raccolta.

- idem pile di uso domestico tipo A, AA, AAA, per orologi, telecomandi, walkman e cellulari che possono essere gettate negli appositi cassonetti o riconsegnate presso i negozi che offrono il servizio (informarsi sempre presso i negozi). Regola diversa per le batterie di auto e moto, che devono essere consegnate ai Centri di Raccolta.

- sacchetto nero: non riciclabile, è tutto quel materiale non riconducibile alle altre macro-categorie.
Materiali tossici o pericolosi, per esempio, che devono essere necessariamente consegnati ai Centri di Raccolta. Idem per materiali inerti come calcinacci, scarti edili, calcestruzzi etc: Oggetti come termometri al mercurio possono essere ritirati a domicilio dagli operatori ecologici (a Milano) o consegnato al Centro di Raccolta (a Roma).

Qualora si presenti il dubbio sulle modalità di smaltimento di un qualsiasi materiale, facciamo notare che la confezione di ciascun prodotto riporta una simbologia abbinata a un codice numerico, che permette di risalire alla tipologia di rifiuto e provvedere alla corretta eliminazione. On-line sono disponibili maggiori informazioni sulla corrispondenza tra simboli e tipologie di smaltimento.

Per il ritiro di rifiuti ingombranti (elettrodomestici, mobili e soprammobili in disuso) occorre richiedere specifiche presso i Centri di Raccolta. In genere, possono essere consegnati direttamente in questi centri oppure viene concordato un appuntamento per il ritiro a domicilio, purché si trovino fuori casa. In quest’ultimo caso può essere richiesto il pagamento del servizio.
SUGGERIMENTO. Se gli elettrodomestici sono fuori uso provvederete senz'altro a sostituirlo. Allora perché non sceglierne uno di classe energetica più economica? Si risparmia in energia e in emissioni di CO2 e sono previsti periodicamente degli incentivi statali per l'acquisto. Talvolta è il negozio a provvedere al ritiro e allo smaltimento del vecchio elettrodomestico.

Chi non rispetta la raccolta differenziata in tutte le sue forme è passibile di sanzione pecuniaria.

Ovunque siate ricordate la regola generale di gettare ogni cosa nel cassonetto, evitando di disperderla nell'ambiente. Questo è il mondo che consegneremo alla gente di domani e spetta a ciascuno di noi tutelarlo.

Articolo scritto da ideastreet - Vota questo autore su Facebook:
ideastreet, autore dell'articolo Guida Allo Smaltimento Dei Rifiuti Domestici
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Guide Manuali e How To
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione